Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 22 Febbraio 2020
 ginnasticando.it

Presidenziali FGI : Candidati a confronto in Toscana Scarsa partecipazione , non cambia il vento.

Scritto da  Dic 08, 2016

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Si è svolto a Firenze il 27 novembre scorso il confronto tra i due candidati alla Presidenza della Federazione Ginnastica d’Italia, Gherardo Tecchi e Jury Chechi. Nonostante il campione di Prato giocasse in casa, in pochi hanno partecipato all’evento promosso dal Presidente del Comitato Regionale Toscana, Fabrizio Lupi, che ha svolto egregiamente anche la funzione di moderatore, quasi a rimarcare la scarsa incidenza del confronto dopo gli eloquentirisultati delle assemblee regionali che hannovisto prevalerenettamente la linea della continuità, la cordata Tecchi.

Il confronto è cominciato con la presentazione dei curricula personali dei candidati .

Nella panoramica dei loro interventi su specifici argomenti proposti dal moderatore, entrambi concordano sull’ottimo stato di salute della sezione GAF ben diretta da Enrico Casella, anche se Chechi considera scarsamente coinvolto il territorio, mentre Tecchi ha ricordato il progetto Sud (con la figura di Sergio Luconi) attraverso il quale il Mezzogiorno non è più spettatore , le accademie territoriali che hanno benoperato e il progetto medico fisioterapico che ritiene di fondamentale importanza.

Anche sulla GR convengono che il lavoro di squadra sia una vera eccellenza italiana,  per le individualiste, invece, mentre Chechi vorrebbe far seguire questa attività da Fabrizia D’Ottavio, appositamente chiamata nella sua squadra, Tecchi ritiene che anche il lavoro delle individualiste sia cresciuto molto, per merito di numerose tecniche e Società in grado di ben operare anche nell’attività internazionale e che vanno adeguatamente sostenute e organizzate. 

Nella GAM concordano che dopo la fine di un ciclo, terminato nella mancata qualificazione olimpica bisogna ripartire dai giovani. Una priorità per la FGI dice Tecchi che rassicura sulla strada intrapresa che comincia a dare già i suoi frutti convinto che nell’apparato Tecnico Nazionale ci sono le forze e le conoscenze per risollevarsi., Chechi sostiene che la situazione è drammatica e che non esiste una linea tecnica precisa: sbagliata anche la mentalità degli atleti non improntata al rispetto delle regole.

Nella sezione trampolino elastico entrambi convengono sui buoni risultati fin qui conseguiti:  Chechi suggerisce di affiancare agli attuali tecnici un allenatore di livello internazionale e la costruzione di unimpianto ad uso esclusivo . Tecchi, dal canto suo, ricorda la distribuzione di trampolini sull’intero territorio che ha permesso il fiorire di questa disciplina ed ha assicurato che continueranno gli scambi ,già avviati, con i migliori tecnici del mondo i cui piccoli germogli si sono già visti nell’ultima Coppa del Mondo che abbiamo ospitato a Brescia.

L’Aerobica è un altro fiore all’occhiello della Federginnastica, Tecchi fa presente il valore della nostra scuola, capace di ben 95 medaglie in campo internazionale e mondiale, e assicura una maggior diffusione sul territorio oltre che l’inserimento della disciplina nelle scuole superiori . Chechi ha assunto l’impegno perché possa diventare disciplina Olimpica.

Sulla G.p.T. Chechi approva l’opera di cambiamento già promossa dalla FGI che ha trasferito l’attività competitiva nell’alveo delle sezioni, Tecchi, tra i fautori del cambiamento, sottolinea la grande opportunità per la GpT di rinnovarsi concentrandosi sulle attività dimostrative di gruppo ed i percorsi motori per i più piccoli. 

Comune l’ interesse dei candidati per l’impiantistica, qui Tecchi ha potuto mettere sul piatto della bilancia il Palazzetto della ritmica in fase di esecuzione a Desio e non solo promesse , rivendicando il nuovo programma di distribuzione attrezzi alle Società che è stato molto apprezzato.

Chechi  critica il calo dei tesserati cercando di capire quale ne sia il reale motivo . Gherardo Tecchi  controbatte che i tesserati sono in aumento come pure le Società affiliate . Il trend attuale, che già presenta un saldo positivo, porta i tesserati a circa centocinquantamila con un più venticinquemila rispetto allo scorso anno e con un più cento Società.  Tale crescita per il dirigente fanese, non dipende solo dall’effetto Olimpiadi ma soprattutto per quanto fatto dalla Federazione a livello mediatico e di programmi tecnici.  

A proposito delle entrate finanziarie, Chechi propone di costituire una società di servizi partecipata dalla FGI, con un CDA autonomo, per gestire i grandi eventi sportivi, gli immobili di proprietà e dove convogliare le sponsorizzazioni. Propone di organizzare gli Internazionali d’Italia che possono essere organizzati dalla FGI servizi, come il futuro mondiale di Ritmica, le coppe del mondo e la ginnastica in festa. Tecchi resta un po’ più con i piedi per terra: per il presidente della commissione carte federali, la FGI servizi è un’operazione che non può né deve essere fatta dopo che la Federazione è stata inclusa nell’elenco Ipa dell'ISTAT, costerebbe molto avviarla con l’assunzione di personale e strutture. Potrebbe sviluppare clientelismi e diventare un poltronificio.Le sponsorizzazioni potranno essere gestitedalla FGI e ricercate attraverso agenzie specializzate con mandato specifico.

Proposte interessanti sono state fatte da entrambi sulla formazione tecnica e sulla scuola. 

Tecchi rivendica la rivoluzione mediatica attuata dalla Federazione, Streeming, canale Youtube , Fgi News, facebook, oltre a “ Gymnica” e “Il Ginnasta” che intende migliorare per il massimo sviluppo mediatico e tecnico della Ginnastica.

Sul tema dei rapporti internazionali entrambi i candidati rimarcano il peso dell’Italia con Donatella Sacchi presidente mondiale GAF e Daniela delle Chiaie nel Comitato tecnico FIG della ritmica, oltre alla Presidenza europea di Cristina Casentini nell’Aerobica. Chechi scambia il neo Presidente della Federazione Internazionale Ginnastica,  Watanabe, per un suo ex avversario sulle pedane, in realtà , come gli fa notare Gherardo Tecchi , il dirigente nipponico è un ottimo imprenditore, ma non è un ex ginnasta.

In conclusione, una disputa tra i due candidati che accentua la differenza tra il dire ed il fare, tra l’esperienza in pedana e quella della gestione di un Ente, tra chi disconosce passato e presente e chi nel segno della continuità guarda al futuro con rinnovato ottimismo. La parola ora passa agli elettori, il 17 dicembre.  

Lara Poggiali

 

Redazione

Scrivi alla Redazione: redazione@ginnasticando.it

Manda un Comunicato: comunicati@ginnasticando.it

 

 

Translate Here

itenfrdeptrues
  1. Ultime Notizie
  2. Notizie Popolari