Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 26 Gennaio 2020
 ginnasticando.it

Alla Porche Arena di Stoccarda la grande gioia per l'argento di Marco Lodadio agli anelli e la sua conseguente qualificazione per i giochi olimpici di Tokyo 2020 ha sicuramente messo in secondo piano le finali d’attrezzo di per la ginnastica artistica femminile che non vedeva atlete italiane in gara. La gara di oggi ha, però, decretato le nuove campionesse del mondo al volteggio e alle parallele e come da previsione le campionesse mondiali sono Simone Biles al volteggio e Nina Derwael alle parallele.

Simone stampa due salti da manuale e va a prendersi l'oro mondiale con un ottimo il Cheng ma è il suo Amanar a stupire: ottiene una nota E di 9.666, a poco meno di tre decimi dalla perfezione! Semplicemente incredibile. Jade Carey va sul secondo gradino del podio al fianco della compagna di squadra a stelle e strisce con un buonissimo Cheng e un Amanar sporcato solo da un grande passo all’arrivo. La terza piazza va a Ellie Downie che pianta due salti molto precisi e supera la canadese Olsen e la cinese Qi Qi, portando a casa il bronzo mondiale. Altre due favorite per la corsa al podio, la Moreno e la Akhaimova, patiscono due importanti imprecisioni la messica sul Rudi e la russa sullo Tsukahara con doppio avvitamento che le relegano nelle posizioni finali della classifica. Anche l’attesissima sud coreana, rivelazione della qualifica, purtroppo incappa in una caduta, l’unica di tutta la finale, e chiude in ultima posizione.

Bellissima la finale mondiale alle parallele, dove le ginnaste hanno combattuto a suon di salti sugli staggi e a spuntarla è la belga Nina Derwael con un esercizio davvero spettacolare, il giusto connubio tra potenza, difficoltà ed eleganza, è sempre un piacere guardarla volteggiare con sicurezza sugli staggi. Una Rebecca Downie visibilmente emozionata conquista l'argento con determinazione, stupendo il pubblico con un esercizio potente e preciso. Lei e sua sorella porteranno a casa due medaglie da questo mondiale. Il bronzo va, invece, all’americana Sunisa Lee che scalza la Melnikova dal podio per pochi centesimi. Simone Biles deve accontentarsi del quinto piazzamento e la russa Spiridonova, a causa di alcune imprecisioni sullo Tsukahara di uscita, finisce solo sesta. Settima la cinese Liu Tingting protagonista di due brutte cadute proprio su quest’attrezzo durante la finale a squadre, si riscatta pienamente con la bellissima esecuzione di oggi. A chiudere la classifica la padrona di casa Elisabeth Seitz che incappa in una caduta sul salto Pak.

L’ultimo appuntamento per questo mondiale sarà domani con le restanti finali d’attrezzo per la ginnastica maschile e femminile alle 13.30. Ricordiamo che nelle finali di domani non ci saranno atleti della nazionale italiana in gara.

Di seguito le classifiche per attrezzo della ginnastica artistica femminile.

 

Classifica del volteggio:

1. BILES Simone (USA)- 15.399 (VT1- 15.333; VT2- 15.466)

2. CAREY Jade (USA)- 15.166 (VT1- 15.166; VT2-14.600 *-0.30*)

3. DOWNIE Elissa (GBR)- 14.816 (VT1- 14.600; VT2-15.033)

4. OLSEN Shallon (CAN)- 14.733 (VT1- 14.600; VT2- 14.866)

5. QI Qi (CHN)- 14.650 (VT1- 14.600; VT2-14.700)

6. MORENO Alexa (MEX)- 14.633 (VT1- 14.466 *-0.10* ; VT2-14.800)

7. AKHAIMOVA Liliia (RUS)- 14.366 (VT1- 14.700; VT2-14.033 *-0.30*)

8. YEO Seojeong (KOR)- 14.183 (VT1- 13.933 *-0.30*; VT2- 14.433)

 

Classifica alle parallele asimmetriche:

1. DERWAEL Nina (BEL)- 15.233 (D-Score: 6.5)

2. DOWNIE Rebecca (GBR)- 15.000 (D-Score: 6.5)

3. LEE Sunisa (USA)- 14.800 (D-Score: 6.4)

4. MELNIKOVA Angelina (RUS)- 14.733 (D-Score: 6.3)

5. BILES Simone (USA)- 14.700 (D-Score: 6.2)

6. SPIRIDONOVA Daria (RUS)- 14.633 (D-Score: 6.3)

7. LIU Tingting (CHN)- 14.400 (D-Score: 5.9)

8. SEITZ Elisabeth (GER)- 13.566 (D-Score: 6.0)

L’ultimo giorno di competizioni per la ginnastica artistica femminile in questa seconda edizione dei Giochi Europei di Minsk si conclude non senza sorprese! Grandi festeggiamenti in casa Italia per la ginnastica artistica maschile con l’oro storico di Lodadio agli anelli, mentre per la sezione femminile non ci sono ginnaste azzurre in gara. Non mancano, però, volti noti del panorama internazionale dell’artistica femminile. Angelina Melnikova riesce ad agguantare una medaglia in ogni singola finale a cui ha preso parte in questa competizione. Al volteggio commette una piccola imprecisione nel primo salto e si lascia sfilare l’oro dalla slovena Teja Belak mentre l’ungherese Sara Peter conquista il bronzo. La Melnikova va, poi, a prendersi una medaglia d’oro in una finale alla quale non avrebbe neanche partecipato se non fosse stato per una reazione allergica che ha costretto la sua compagna di squadra Iliankova a ritirarsi. Angelina Melnikova incrementa le difficoltà del suo esercizio alle parallele rispetto alla qualifica e va a strappare l’oro dalle mani di Becky Downie, la quale deve accontentarsi dell’argento per soli 66 centesimi. Le cadute di due delle contendenti al podio Lorette Charpy e Nina Derwael spianano la strada alla padrona di casa Alistratava Anastasiya, che ringrazia e va a prendersi la medaglia di bronzo con un esercizio di valore. Nina Derwael riscatta l’errore alle parallele con un magnifico esercizio alla trave con il quale si assicura una meritata medaglia d’oro. L’ucraina Diana Varinska porta a casa un combattuto bronzo, mentre Angelina Melnikova archivia anche l’argento alla trave e chiude così la sua partecipazione ai giochi europei. Non è in giornata, invece, Lorette Charpy, la quale cade anche nella seconda e ultima finale della sua gara. Al corpo libero l'elegante ucraina Anastasiia Bachynska va a conquistare l'oro con una routine dalla coreografia sensazionale. L'argento va alla ceca Aneta Holasova e il bronzo se lo aggiudica per un soffio la svedese Jessica Castles, che con la sua originale performance sfila dalle mani la medaglia alla piccola quindicenne padrona di casa Anastasiya Alistratava per soli 33 centesimi. Denisa Golgota, la favorita di questa finale, tenta il tutto per tutto aumentando le difficoltà ma proprio nell'avvio di esercizio esce fuori pedana e poggia una mano a terra sul difficile doppio raccolto con doppio avvitamento, terminando ultima.

Di seguito tutte le classifiche per attrezzo:

 

VOLTEGGIO:

1.Belak Teja (SLO) - 14.283 (VT1- 14.433; VT2- 14.133)

2.Melnikova Angelina (RUS) - 14.133 (VT1- 14.100; VT2- 14.166)

3.Peter Sara (HUN) - 14.066 (VT1- 14.333; VT2- 13.800)

4.Janik Gabriela (POL) - 13.699 (VT1- 13.633; VT2- 13.766)

5.Netzer Ofir (ISR) - 13.666 (VT1- 13.700; VT2- 13.633)

6.Nekrasova Marina (AZE) - 13.466 (VT1- 12.900; VT2- 14.033)

 

PARALLELE:

1.Melnikova Angelina (RUS) - 14.466

2.Downie Becky (GBR) - 14.400

3.Alistratava Anastasiya (BLR) - 14.233

4.Derwael Nina (BEL) - 13.933

5.Visser Noemi (NED) - 13.466

6.Charpy Lorette (FRA) - 12.866

 

TRAVE:

1.Derwael Nina (BEL) - 13.766

2.Melnikova Angelina (RUS) - 13.600

3.Varinska Diana (UKR) - 13.100

4.Golgota Diana (ROU) - 12.933

5.Fenton Georgia-Mae (GBR) - 12.800

6.Charpy Lorette (FRA) - 11.566

 

CORPO LIBERO: 

1.Bachynska Anastasiia (UKR) - 13.200

2.Holasova Aneta (CZE) - 12.966

3.Castles Jessica (SWE) - 12.933

4.Alistratava Anastasiya (BLR) - 12.900

5.Sajn Adela (SLO) - 12.666

6.Golgota Denisa (ROU) - 12.300

E’ la campionessa del mondo alle parallele Nina Derwael, l’ultimo nome della squadra di stelle composta da oltre 30 atleti medagliati olimpici, mondiali, europei ed italiani che si esibiranno, l’8 dicembre, al Grand Prix Antenore Energia 2018 di Padova.

La belga ha spiccato il volo nel 2017 quando si conferma la prima ginnasta della propria nazione ad avere vinto un titolo europeo alle parallele asimmetriche e una medaglia di bronzo, dopo solo sei mesi, ai Mondiali di Montreal sempre nello stesso attrezzo.

Nel 2018, la Derwael si ripete e anzi migliora le sue prestazioni. Agli Europei di Glasgow si conferma campionessa alle parallele e vince pure una medaglia d'argento alla trave. Ai Mondiali di Doha sale sul gradino più alto del podio sempre nelle parallele superando la statunitense Simone Biles e la tedesca Elisabeth Seitz; inoltre si è piazzata al 4° posto nel concorso generale, prima in assoluto delle ginnaste europee.

Ora è davvero tutto pronto per la ventisettesima edizione del Grand Prix Antenore Energia 2018 che si preannuncia come una parata dei campioni Azzurri di Artistica, Ritmica, Aerobica e Acrobatica pronti ad allietare il pubblico con esibizioni uniche nel loro genere.

I tagliandi possono essere acquistati su TicketOne al www.ticketone.it, oppure tramite Call-center al numero 892.101 (servizio a pagamento) e presso i punti vendita del circuito. Il costo di ingresso alla Kioene Arena è di 14 euro (10 euro per i tesserati FGI e gli Under 12) per il secondo anello, tribuna non numerata; 25 euro (20 euro per i tesserati FGI e gli Under 12) per il primo anello, tribuna numerata. Sono previste, fino ad esaurimento delle disponibilità, agevolazioni e scontistiche per società affiliate alla FGI che saranno comunicate come di consueto alle società. La Segreteria dedicata all’evento è raggiungibile all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Il Grand Prix Antenore Energia 2018 è organizzato da Federazione Ginnastica d’Italia, in collaborazione con SG Plus Ghiretti & Partners, il supporto e il patrocinio del Comune di Padova. I partner, oltre ad Antenore Energia Title Sponsor Grand Prix 2018, sono Baby-G, Freddy e Ringo. I partner istituzionali sono: Istituto per il Credito Sportivo, Esercito, Arenautica Militare e CONI Comitato Regionale Veneto. La Gazzetta dello Sport, il Mattino di Padova e Radio Bella & Monella affiancano l’evento come Media Partner.

Per rimanere sempre aggiornati sulle novità e le iniziative in programma, è possibile seguire il Grand Prix di Ginnastica sulla Pagina FacebookGrand Prix di Ginnastica e sui profili Twitter (@GPginnastica) Instagram (grandprixginnastica), oppure seguire l’hashtag ufficiale della manifestazione #GrandPrixGinnastica.

  1. Ultime Notizie
  2. Notizie Popolari