Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 18 Agosto 2019
 ginnasticando.it

Con la cerimonia di chiusura si è chiusa ieri sera a Minsk la seconda edizione dei Giochi Olimpici Europei.

Al termine di questa edizione, la delegazione italiana chiude nel medagliere al quarto posto con 41 medaglie, 13 d’oro, 15 d’argento e 13 di bronzo e preceduta da Russia, Bielorussia e Ucraina.
A queste medaglie si aggiunge anche una carta olimpica per i Giochi di Tokyo 2020, conquistata nel tiro con l’arco femminile.

La Ginnastica ha dato un buon contributo alla spedizione azzurra: da essa sono arrivate 2 medaglie d’oro da Marco Lodadio (Ginnastica Artistica Maschile) e dal duo Michela Castoldi e Davide Donati (Ginnastica Aerobica), ma rimane un po’ di amaro in bocca per le sezioni Ritmica e Trampolino Elastico, che non sono riuscite a salire sul podio in nessuna delle prove.

Di seguito il riepilogo delle medaglie:

ORO
Silvana Stanco (Tiro a volo, fossa olimpica [Trap])
Diana Bacosi (Tiro a volo, Skeet)
Gabriele Rossetti e Chiara Cainero (Tiro a volo, Skeet)
Mauro Nespoli (Tiro con l’arco individuale)
Tatiana Andreoli (Tiro con l’arco individuale)
Lucilla Boari e Mauro Nespoli (Tiro con l’arco squadre miste)
Hassane Fofana (atletica leggera, 110 metri ostacoli)
Davide Ballerini (Ciclismo su strada, prova su strada)
Elisa Balsamo, Martina Alzini, Marta Cavalli, Letizia Paternoster (Ciclismo su pista, inseguimento a squadre)
Marco Lodadio (Ginnastica Artistica Maschile, anelli)
Michela Castoldi e Davide Donati (Ginnastica Aerobica, prova a coppie)
Luca Maresca (Karate, 67 kg)
Silvia Semeraro (Karate, 68 kg)

ARGENTO
Lucilla Boari (Tiro con l’arco individuale)
Salvatore Cavallaro (Boxe, pesi medi)
Assunta Canfora (Boxe, pesi superleggeri)
Nicolae Craciun (Canoa, C1 – 200 metri)
Davide Plebani (Ciclismo su pista, inseguimento individuale)
Francesco Lamon, Carloalberto Giordani, Davide Plebani, Liam Bertazzo (Ciclismo su pista, inseguimento a squadre)
Francesco Lamon (Ciclismo su pista, corsa a cronometro)
Marta Cavalli (Ciclismo su pista, inseguimento individuale)
Martina Fidanza (Ciclismo su pista, scratch)
Matteo Medves (Judo, 66 kg)
Viviana Bottaro (Karate, kata)
Valerio Grazini (Tiro a volo, fossa olimpica [Trap])
Jessica Rossi (Tiro a volo, fossa olimpica [Trap])
Giovanni Pellielo e Jessica Rossi (Tiro a volo, fossa olimpica [Trap])
Riccardo Filippelli e Diana Bacosi (Tiro a volo, Skeet)

BRONZO
Marco Galiazzo, Mauro Nespoli, David Pasqualucci (Tiro con l’arco a squadre)
Riccardo Tamassia, Irene Baldessari, Giuseppe Leonardi, Giulia Riva (atletica leggera, The Hunt)
Federico Serra (Boxe, pesi Mosca leggeri)
Manuel Cappai (Boxe, pesi Mosca)
Simone Fiori (Boxe, pesi Mediomassimi)
Elisa Balsamo (Ciclismo su pista, Omnium)
Miriam Vece (Ciclismo su pista, corsa a cronometro)
Maria Centracchio (Judo, 63 kg)
Angelo Crescenzo (Karate, 60 kg)
Michele Martina (Karate, 84 kg)
Mattia Busato (Karate, kata)
Gabriele Rossetti (Tiro a volo, Skeet)
Chiara Cainero (Tiro a volo, Skeet)



Il cielo è azzurro sopra Minsk oggi, 30 Giugno 2019.

Marco Lodadio vola sull'Olimpo Europei degli anelli, conquistando la medaglia d'oro con il punteggio stellare di 14.800 distaccandosi nettamente da tutti gli avversari!

Una gara al cardiopalma, cinque sfidanti contro Lodadio, che sale per ultimo sull'attrezzo.Il punteggio da battere è 14.766, l'avversario principale l'Armeno Davtyan. Esercizio perfetto, nessuna sbavatura, nessun tentennamento, solo sicurezza e calma. Posizioni di forza perfette. Uscita stoppata da manuale. 

La calma, poi l'incredulità e la commozione: queste le reazioni di Marco davanti al monitor del punteggio.

Oggi più che mai l'azzurro ha dimostrato il suo valore tecnico e si è preso quello che molte volte gli è stato ingiustamente sottratto. 

Oggi più che mai Ad Maiora, Marco! 

 

Si è conclusa da pochissimi minuti la finale del concorso generale agli European Games di Minsk! i

Nicolò Mozzato si classifica al quindicesimo posto (con un punteggio complessivo di 79.098), avendo perso qualche punto a causa degli errori commessi tra Sbarra e parallele pari. Buonissima invece la sua prestazione al volteggio (14.333).

Dominio russo e ucraino invece per il podio: si prendono l'oro e il bronzo i due Russi Belyavisky e Poliashov, con un punteggio rispettivamente di 85.465 e 84.464. Argento invece per il celebre ucraino Oleg Venaiev, che si piazza al secondo posto con un punteggio di 84.632.

Domani le finali di specialità con Marco Lodadio e Carlo Macchini! 

A Minsk è appena terminata la competizione individuale della ginnastica artistica femminile della seconda edizione dei Giochi Europei e a portare a casa il titolo è stata Angelina Melnikova. La russa ha condotto un'ottima gara spuntando un serrato testa a testa con la francese Lorette Charpy. La Melnikova ha iniziato con un ottimo 13.966 alle parallele e la francese ha risposto con un 13.866, recuperando poi terreno alla trave, dove con un esercizio di livello piazza un 13.700 e avanza di mezzo punto sulla russa, che archivia un buon 13.100. Al corpo libero conduce la Melnikova, che riscatta la prestazione di ieri con 13.166 ma la Charpy la insegue con un 13.100 che lascia poco respiro alla russa. La gara si decide all'ultimo attrezzo, il volteggio, dove la francese fa meglio che può e stampa un 13.500 su un salto di difficoltà molto bassa rispetto a quello della Melnikova, che chiude la sua gara con un 14.266 che le garantisce la vittoria. Al terzo posto l'ucraina Diana Varinska, che ben figura in questo contesto internazionale, superando l'altra francese in gara Aline Friess, di soli 77 centesimi.

Domani l'ultima giornata di gara con finali d'attrezzo maschili e femminili a partire dalle ore 12.00.

Di seguito tutta la classifica completa per la gara femminile:

1. Melnikova Angelina (RUS) - 54.498

2. Charply Lorette (FRA) - 54.166

3. Varinska Diana (UKR) - 52.766

4. Friess Aline (FRA) - 52.699

5. Shchekoldina Aleksandra (RUS) - 52.365

6. Deriks Senna (BEL) - 51.932

7. Visser Noemi (NED) - 51.698

8. Fenton Georgia-Mae (GBR) - 51.066

9. Shermann Bianka (HUN) - 50.933

10. Holasova Aneta (CZE) - 50.932

11. Golgota Denisa (ROU) - 50.565

12. Alistratava Anastasiya (BLR) - 50.165

13. Janik Gabriela (POL) - 50.003

14. Bachynska Anastasiia (UKR) - 49.666

15. Martins Filipa (POR) - 49.532

16. Vihrova Elina (LAT) - 49.298

17. Szekely Zoja (HUN) - 48.898

18. Ponizilova Dominika (CZE) - 48.799

Si è conclusa da pochissimi minuti la gara di qualifica degli European Games di Minsk! Il terzetto azzurro GAM, composto da Marco Lodadio, Carlo Macchini e Nicolò Mozzato, è riuscito a strappare il pass per diverse importanti finali.

In particolare, Nicolò Mozzato (unico all arounder) conquista la finale piazzandosi al decimo posto in classifica. Si è inoltre piazzato come seconda riserva nella finale alle parallele pari (decimo posto con 14.100) e ottavo alla Sbarra con 13.833.

Carlo Macchini ha invece svolto il suo esercizio show alla Sbarra, qualificandosi con il primo punteggio di Giornata, 14. 333! Macchini è inoltre arrivato 12 alle parallele (14.033). 

Bene anche Marco Lodadio, che si piazza al quarto posto della classifica agli anelli, con 14.533, pur avendo un po' sporcato l'esercizio.

Prossimo appuntamento domani con le finali all around e domenica con quelle di specialità! 

Ogii giovedì 27 Giugno al via le qualifiche femminili degli European Games di Minsk 2019!

Tutto pronto dunque sulla pedana bielorussa per dar vita ad un vero show tra nuove leve e stelle della Ginnastica. Vedremo infatti in pedana ginnaste del calibro di Alya Mustafina e Angelina Melnikova, e ancora Nina Derwael, Rebecca Downie, Lorette Charpy e molto altro ancora.

Gli European Games sono importanti per le ginnaste per prepararsi al meglio in ottica Mondiale. 

Grande assente invece l'Italia: le ragazze di Enrico Casella, sono impegnate in un collegiale a Riccione per testare la loro preparazione in vista dei prossimi importanti appuntamenti. 

Ad aprire la giornata di oggi lunedì 24 giugno alla Minsk Arena sono state le gare di trampolino elastico; la conclusione si è tenuta invece con l'apertura della nostra tanto amata disciplina con la categoria coppia mista.

Sono scesi in pedana a rappresentare l'Italia Davide Donati e Michela Castoldi che si sono scontrati con 7 coppie europee.

Possiamo annunciarvi con orgoglio che Davide e Michela sono i nuovi campioni dei Giochi Olimpici Europei del 2019. Hanno totalizzato un punteggio di 21.850 con un'ottima esecuzione (8,650), nel secondo gradino del podio si trova la coppia della Romania composta da Barna Dacian Nicolae e Bogati Andreea con punti 21.800 mentre al terzo posto si trova la coppia Russa di Konakova Tatyana e Shikhaleev Grigorii che ha ottenuto un punteggio di 21.300. 

 

CLASSIFICA FINALE 

1. ITALIA 21.850

Castoldi Michela 

Donati Davide 

2.ROMANIA 21.800

Barna Dacian Nicolae

Bogati Andreea 

3.RUSSIA 21.300

Konakova Tatyana

Shikhaleev Grigorii

4.BULGARIA 21.100

Stoilova Ana Maria 

Papazov Antonio 

5.UNGHERIA 21.050

Mazacs Fanni

Bali Daniel 

6.SPAGNA 19.800

Cabanas Pedro 

Guillemot Belen 

7.BIELORUSSIA 17.850

Zakharevich Dzmitry 

Valadar Yuliya 

8.PORTOGALLO 17.700

Silva Sara

Salvado Joao

Ricordiamo che domani si svolgeranno le competizioni di ginnastica aerobica per la specialità gruppo.

L'Italia presenta il gruppo composto fa Anna Bullo, Emanuele Caponera, Paolo Conti, Davide Donati e Michela Castoldi

Dopo le finali individuali, è andata in scena alla Minsk Arena la gara a squadre, evento che ha chiuso le competizioni per la Ginnastica Ritmica agli European Games.

Alessia Maurelli, Martina Centofanti, Martina Santandrea, Anna Basta e Agnese Duranti calcano la pedana con grinta, ma non basta: per il quintetto di Emanuela Maccarani e Olga Tishina arriva un amaro quarto posto nel concorso generale, mentre sono ancora una volta quarte in entrambe le classifiche di specialità.

Vince l’all-around una grandissima Bielorussia, supersostenuta dal suo pubblico, seguita dalla Bulgaria e dalla Russia, quest’ultima super premiata nell’esercizio con le 5 palle.

Di seguito, i risultati completi:

CONCORSO GENERALE
1. Bielorussia, 52.600

2. Bulgaria, 52.550
3. Russia, 51.700
4. Italia, 50.375
5. Ucraina, 48.175
6. Azerbaigian, 44.975
7. Estonia, 44.750
8. Spagna, 41.750

5 PALLE
1. Russia, 27.300

2. Bulgaria, 26.800
3. Bielorussia, 26.150
4. Italia, 24.825
5. Estonia, 24.300
6. Ucraina, 21.800
7. Azerbaigian, 20.700
8. Spagna, 20.150

3 CERCHI / 4 CLAVETTE
1. Bielorussia, 26.450

2. Ucraina, 26.375
3. Bulgaria, 25.750
4. Italia, 25.500
5. Russia, 24.400
6. Azerbaigian, 24.275
7. Spagna, 21.600
8. Estonia, 20.450

Con le finali di specialità per la categoria individuale, si è conclusa la prima parte di gara per la Ginnastica Ritmica ai Giochi Europei.

Alexandra Agiurgiuculese, ieri quarta nell'all-around, non arriva al podio: a causa di alcuni errori nel corso dei suoi esercizi chiude in quinta posizione al cerchio e al sesto posto a palla, clavette e nastro. 
A vincere le finali di specialità sono state la russa Dina Averina, iridata a cerchio e nastro, e l'israeliana Linoy Ashram, che ha dominato a palla e clavette.
Sul podio anche la padrona di casa Katsiaryna Halkina d'argento al cerchio, la bulgara Katrin Taseva d'argento alla palla e alle clavette, e l'ucraina Vlada Nikolchenko, che vince due bronzi a cerchio e clavette.

Dopo le cerimonie di premiazione ancora spazio alla Ritmica: tra poco andrà in scena la gara a squadre, che vedrà l’Italia provare a conquistare un posto sul podio e nelle finali di specialità.

Risultati completi sottostante:

FINALE CERCHIO
1. Dina Averina (RUS), 22.850
2. Katsiaryna Halkina (BLR), 21.750
3. Vlada Nikolchenko (UKR), 21.450
4. Eleni Kelaiditi (GRE), 18.750
5. Alexandra Agiurgiuculese (ITA), 17.650
6. Linoy Ashram (ISR), 15.900

FINALE PALLA
1. Linoy Ashram (ISR), 22.500
2. Katrin Taseva (BUL), 21.400
3. Dina Averina (RUS), 21.300
4. Katsiaryna Halkina (BLR), 21.050
5. Eleni Kelaiditi (GRE), 19.400
6. Alexandra Agiurgiuculese (ITA), 19.000

FINALE CLAVETTE
1. Linoy Ashram (ISR), 22.700
2. Dina Averina (RUS), 22.600
3. Vlada Nikolchenko (UKR), 21.750
4. Katrin Taseva (BUL), 20.800
5. Katsiaryna Halkina (BLR), 20.750
6. Alexandra Agiurgiuculese (ITA), 20.400

FINALE NASTRO
1. Dina Averina (RUS), 21.350
2. Linoy Ashram (ISR), 21.100
3. Katrin Taseva (BUL), 20.450
4. Katsiaryna Halkina (BLR), 19.400
5. Andreea Verdes (ROU), 18.100
6. Alexandra Agiurgiuculese (ITA), 17.900

 

Con il concorso generale individuale per la Ritmica ha preso ufficialmente il via il programma della Ginnastica ai Giochi Europei.

A vincere la competizione sui quattro attrezzi è la russa Dina Averina che con il totale di 87.750 domina nel concorso generale: la campionessa continentale in carica a cerchio e nastro ripete l’impresa compiuta da Yana Kudryavtseva nell’edizione di Baku 2015.
Secondo posto per l’israeliana Linoy Ashram con 84.700: la vicecampionessa del mondo in carica, alla prima gara dopo la rinuncia all’Europeo del mese scorso, è stata in testa fino all’ultima rotazione, quando due errori pesanti nell’esercizio col nastro le hanno impedito di ottenere il metallo più pregiato.
Bronzo per la bielorussa Katsiaryna Halkina, che chiude con il totale di 79.300: la “punta di diamante” della Russia Bianca regala grandi emozioni al proprio pubblico nonostante un inizio poco brillante con la palla e il nastro. Nonostante questo “passo falso”, ha portato a termine una prova segnata da una buona tenuta di gara.

Chiude ai piedi del podio la nostra Alexandra Agiurgiuculese: nonostante un’ottima gara, il talento dell’A.S. Udinese rivela una quarta posizione con il totale di 77.950. Rimangono comunque buonissime chance di medaglia per la neo Campionessa Nazionale Assoluta, dal momento che domani Alexandra sarà impegnata in tutte le finali di specialità riservate alle migliori sei classificate per attrezzo, grazie al sesto punteggio a cerchio e clavette, il quarto alla palla e il secondo al nastro.

Completano la classifica l’ucraina Vlada Nikolchenko (77.875), la bulgara Katrin Taseva (77.250), la greca Eleni Kelaiditi (74.375), l’azera Zohra Aghamirova (72.400), la romena Andreea Verdes, la georgiana Salome Pazhava (entrambe a pari merito con 71.950), l’austriaca Nicol Ruprecht (70.000) e l’ungherese Fanni Pigniczki (65.850).

Domani sarà la volta delle squadre: oltre alle finali di specialità individuali, scenderanno in pedana anche le squadre d’insieme. Tra le otto squadre impegnate ci saranno anche le nostre Azzurre, già qualificate ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020.

Risultati completi nella sezione allegati.

  1. Popular
  2. Trending
  3. Comments