Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 17 Settembre 2019
 ginnasticando.it

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 1441

È giunta poco fa la circolare federale riguardante la delegazione italiana che prenderà parte all’imminente Campionato del Mondo di Ginnastica Ritmica, in programma dal 16 al 22 Settembre a Baku (AZE).

Per il settore individuale, che raggiungerà la capitale azera nella giornata di domani, la squadra sarà composta da Alexandra Agiurgiuculese, Milena Baldassarri (entrambe tesserate per l’ Aeronautica Militare), Alessia Russo (Armonia d’Abruzzo) e Sofia Maffeis (Polisportiva Varese).
Le tecniche preposte saranno Spela Dragas, Julieta Cantaluppi, Germana Germani e Irina Roudaia.

Sul fronte della gara a squadre, sono state convocate Alessia Maurelli, Martina Centofanti, Martina Santandrea, Agnese Duranti, Letizia Cicconcelli e Anna Basta, tutte tesserate per il Centro Sportivo dell’Aeronautica Militare. Le “Farfalle” allenate dalla DTN Emanuela Maccarani e da Olga Tishina, giungeranno a Baku mercoledì prossimo.

Continuate a seguirci per tutti gli aggiornamenti sul Mondiale di Baku!

Mentre le azzurre erano in viaggio per raggiungere Portimao, sede dell’imminente appuntamento di Coppa del Mondo, è andato in scena nelle giornate di martedì e mercoledì il Torneo Internazionale, riservato alle categorie Junior e Senior.

Nella competizione Senior, era presente anche la nostra Sofia Maffeis: la stella della Polisportiva Varese, ha chiuso il concorso generale in seconda posizione con il totale di 64.700, salendo sul podio con la portoghese Rita Araùjo e la giapponese Marino Kiyosawa, rispettivamente prima e terza con i totali di 65.000 e 63.067.

Ma non è stata l’unica soddisfazione per Sofia: dopo l’argento nel “giro olimpico” di martedì sera, ieri sono arrivate altre tre medaglie d’argento nelle finali a cerchio, palla e nastro e un oro alle clavette.

Di seguito i podi:

CONCORSO GENERALE
1. Rita Araùjo, POR, 65.000
2. Sofia Maffeis, ITA, 64.700 
3. Marino Kiyosawa, JPN, 63.067

CERCHIO
1. Marino Kiyosawa, JPN, 17.533 
2. Sofia Maffeis, ITA, 17.400
3. Rita Araùjo, POR, 17.100

PALLA
1. Marino Kiyosawa, JPN, 18.633 
2. Sofia Maffeis, ITA, 17.200
3. Rita Araùjo, POR, 17.167

CLAVETTE
1. Sofia Maffeis, ITA, 19.167
2. Rita Araùjo, POR, 17.167
3. Marino Kiyosawa, JPN, 16.467

NASTRO
1. Rita Araùjo, POR, 16.167
2. Sofia Maffeis, ITA, 15.733
3. Dinora Bondar, POR, 15.100

A Cluj-Napoca, si è concluso il concorso generale della terza tappa di World Challenge Cup, andato in scena tra ieri e oggi.

Il titolo per l’all-around individuale è andato all’israeliana Linoy Ashram, che ha chiuso la prova sui quattro attrezzi con 88.850, migliorando di più di due punti i risultati raggiunti la settimana scorsa nella prova di Minsk.
Con lei sul podio ritroviamo la russa Ekaterina Selezneva, ottima seconda con 88.400 e l’altra delle due israeliane, Nicol Zelikman, che conquista un importante terzo posto con 85.100.
Gara discreta per le nostre azzurre: Alexandra Agiurgiuculese, chiude in undicesima posizione a seguito di due gravissimi errori nella routine con le clavette totalizzando 77.650, mentre Sofia Maffeis, anche lei incappata in un fuori pedana con la palla, è ventunesima con 69.950.

Israele dominatrice anche nell’all-around a squadre, che conquista l’oro con 50.250, seguita dall’Azerbaigian con 49.850 e dall’Ucraina con 47.950.
Completano la classifica l’Ungheria con 47.500, la Spagna con 45.850, la Germania con 43.850 e la Polonia con 42.350.

Domani ci saranno le finali di specialità che chiuderanno i tre giorni di gara: per l’Italia vedremo in pedana Alexandra Agiurgiuculese impegnata nelle prove a cerchio e nastro.

Risultati completi su http://www.smartscoring.com/en/results/

Dopo le tappe di Guadalajara e Minsk, continua senza sosta la preparazione al Mondiale: questo weekend sarà la città romena di Cluj-Napoca ad ospitare la terza prova delle World Challenge Cup di Ginnastica Ritmica.

In occasione di questo appuntamento internazionale la Direttrice Tecnica Nazionale Emanuela Maccarani ha convocato Alexandra Agiurgiuculese e Sofia Maffeis. Le due azzurre, sorteggiate entrambe nel Gruppo B, ritroveranno alcune delle ginnaste già protagoniste della precedente prova di Minsk come l’israeliana Linoy Ashram, oltre alla russa Ekaterina Selezneva, plurimedagliata alle ultime Universiadi e a due protagoniste degli European Games, come l’ucraina Vlada Nikolchenko e la padrona di casa Andreea Verdes.

Sul fronte della gara a squadre saranno sette a prendere parte alla gara con la presenza di Ucraina, Spagna, Ungheria, Polonia, Israele, Azerbaigian e Germania.
Non ci saranno le nostre azzurre, d’oro nella finale con le 5 palle in Bielorussia pochi giorni fa, che vedremo impegnate, invece, nelle prove di Kazan e Portimao, in programma nei weekend del 30 Agosto-1 Settembre e del 6-8 Settembre.

Nella sezione degli allegati sono disponibili le entries aggiornate a ieri e gli ordini di salita.

Dopo le tappe di Pesaro e Sofia, il viaggio delle World Cup di Ginnastica Ritmica fa tappa a Tashkent: la capitale dell’Uzbekistan ospiterà in questo fine settimana pasquale la terza prova di Coppa del Mondo, in programma da venerdì a domenica.

In occasione di questa prova sono state convocate Alessia Russo e Sofia Maffeis, entrambe reduci dalle prestazioni al bilaterale con l’Azerbaigian di inizio Marzo e sorteggiate nel Gruppo A (Alessia) e C (Sofia).
Insieme a loro ritroveremo alcune protagoniste delle precedenti prove di Coppa del Mondo come la russa Alexandra Soldatova, le bulgare Boryana Kaleyn e Neviana Vladinova e le ucraine Vlada Nikolchenko e Khrystyna Pohranchyna. Ma non solo: questa competizione vedrà il ritorno alle gare dell’americana Laura Zeng, al rientro dopo la squalifica di sei mesi per doping.

Sul fronte della gara a squadre sono solo sei gli ensemble iscritti, ma che comunque proveranno a conquistare un posto sul podio. Sulla pedana uzbeka vedremo impegnate le squadre di Russia (qui iscritta con la prima squadra reduce dall’oro nella tappa di Pesaro nell’all-around), Ucraina, Israele, Australia, Estonia e Uzbekistan.
Non ci saranno l’Italia e la Bulgaria, reduci dalle prove di Pesaro e Sofia, che prenderanno parte alla tappa conclusiva di Baku, in programma la prossima settimana e che stabilirà la classifica a punti, data dalla somma delle migliori tre prove.

Nella sezione allegati sono disponibili le entries aggiornate a queste ultime ore e gli ordini di salita.

Punteggi live disponibili al seguente link: http://www.sportlicht.com/sl_rsg/main.php?lng=2&page=500

Il weekend appena trascorso ha visto l’Italia dei piccoli attrezzi impegnata non solo a Ferrara con la finale di Serie A e B, ma anche a Kiev: la capitale dell’Ucraina è stata protagonista della terza prova di Grand Prix, che ha visto le Farfalle della nazionale Italiana di Ginnastica Ritmica prendere parte alla prima uscita internazionale, presentando due routine con 5 palle e una con 3 cerchi e 4 clavette.

Sulle note del “Romeo e Giulietta” di Tchaikovsky per il primo esercizio e su un mix di “Personal Jesus” dei Depeche Mode e di “Silhouette” di Thomas Newman per il secondo, quest’ultimo tratto dalla colonna sonora di Skyfall, il sestetto composto da Alessia Maurelli, Martina Centofanti, Anna Basta, Agnese Duranti, Martina Santandrea e Letizia Cicconcelli ha ben figurato, portando a casa un bronzo nel concorso generale e altre due medaglie dello stesso colore nelle finali di specialità.
A vincere le tre competizioni riservate alle squadre, sono state le padrone di casa dell’Ucraina, seguite da Israele.

Nella gara individuale, per l’Italia era presente Sofia Maffeis, tesserata per la Polisportiva Varese e alla sua prima esperienza internazionale con la maglia azzurra.
Per la giovanissima atleta lombarda è arrivato un ottimo tredicesimo posto nella classifica generale, oltre all’inaspettata conquista di una finale di specialità col cerchio, chiusa col sesto miglior punteggio.
A vincere l’all-around è stata l’ucraina Vlada Nikolchenko con il totale di 77.950, seguita dalla bulgara Katrin Taseva con 76.650 e dalla russa Ekaterina Selezneva con 75.800. Ed è stato questo trio a dominare le finali a cerchio, palla e nastro assieme alla georgiana Salome Pazhava, iridata a clavette.

Le classifiche complete dei due giorni di gara sono disponibili nella sezione allegati.

  1. Popular
  2. Trending
  3. Comments