Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 13 Novembre 2019
 ginnasticando.it

Si è conclusa la prima giornata di gare della seconda prova di World Challenge Cup a Minsk, che ha visto le individualiste impegnate con cerchio e palla e le squadre con le 5 palle.

Ancora una volta dobbiamo registrare il successo della Russia, che nella prima parte del concorso generale individuale occupa i primi due posti con Arina e Dina Averina, riconoscibili con rispettivamente 47.050 e 46.750, a distanza di pochissimi centesimi l’una dall’altra.
Le “gemelle vincenti” dividono il podio con l’israeliana Linoy Ashram, che chiude in terza posizione provvisoria con 44.400, mentre la padrona di casa Katsiaryna Halkina segue a 0.250 dal bronzo, ancora in corsa per conquistare una medaglia nell’all-around.
Le nostre azzurre, Alexandra Agiurgiuculese e Milena Baldassarri cominciano bene la loro prova di Coppa del Mondo, chiudendo rispettivamente al quinto e decimo posto con i totali di 43.700 e 40.550. Inoltre, Alexandra ha conquistato le prime due finali a cerchio e palla, mentre per Milena è arrivata quella col cerchio.

La gara si è chiusa con la prima rotazione della prova a squadre: guida la classifica provvisoria la Russia, con l’ennesimo inarrivabile punteggio, giunto questa volta a toccare il 29.200, seguita dal Giappone con 28.950 e dalla Bulgaria con 28.850.
Inizio al rallentatore per l’Italia, alla prima uscita dopo un periodo di allenamenti a Follonica. Per le ragazze di Emanuela Maccarani, che hanno presentato un esercizio rinnovato in molte parti, è arrivata una quinta posizione provvisoria con 28.250. Purtroppo le nostre ragazze sono incappate in un fuori pedana avvenuto su una collaborazione, ma sono comunque riuscite a staccare il pass per la finale di domenica.

Domani si volta pagina: dalle 10:00 ora locale (le 9:00 in Italia) andrà in scena la seconda e ultima parte delle qualificazioni, con le individualiste impegnate a clavette e nastro e le squadre, che si cimenteranno nel misto con 3 cerchi e 4 clavette.

In attesa dei pdf ufficiali, è possibile trovare le classifiche e le ammesse alle finali di domenica.

CONCORSO GENERALE INDIVIDUALE (PRIME 16)
1. Arina Averina, RUS, 47.050
2. Dina Averina, RUS, 46.750
3. Linoy Ashram, ISR, 44.400
4. Katsiaryna Halkina, BLR, 44.150
5. Alexandra Agiurgiuculese, ITA, 43.700
6. Nicol Zelikman, ISR, 43.550
7. Anastasiia Salos, BLR, 42.200
8. Kaho Minagawa, JPN, 41.600
9. Khrystyna Pohranchyna, UKR, 41.500
10. Milena Baldassarri, 40.550
11. Chisaki Oiwa, JPN, 40.550
12. Neviana Vladinova, BUL, 40.350
13. Boryana Kaleyn, BUL, 40.000
14. Adilya Tlekenova, KAZ, 39.550
15. Kseniya Moustafaeva, FRA, 38.850
16. Rebecca Gergalo, FIN, 38.800

CONCORSO GENERALE A SQUADRE
1. Russia, 29.200
2. Giappone, 28.950
3. Bulgaria, 28.850
4. Bielorussia, 28.750
5. Italia, 28.250
6. Israele, 26.350
7. Cina, 26.300
8. Uzbekistan, 26.000
9. Azerbaigian, 25.650
10. Ucraina, 25.600
11. Francia, 25.050
12. Estonia, 24.250
13. Spagna, 24.050
14. Finlandia, 24.050
15. Turchia, 23.900
16. Germania, 23.600
17. Kazakistan, 23.400
18. Polonia, 23.150
19. Ungheria, 21.400
20. Malesia, 21.400
21. Egitto, 16.000

AMMESSE ALLA FINALE COL CERCHIO
1. Arina Averina, RUS, 23.350
2. Dina Averina, RUS, 23.150
3. Katsiaryna Halkina, BLR, 22.600
4. Linoy Ashram, ISR, 22.500
5. Alexandra Agiurgiuculese, ITA, 22.500
6. Anastasiia Salos, BLR, 22.400
7. Khrystyna Pohranchyna, UKR, 22.400
8. Milena Baldassarri, ITA, 22.300

AMMESSE ALLA FINALE CON LA PALLA
1. Arina Averina, RUS, 23.700
2. Dina Averina, RUS, 23.600
3. Linoy Ashram, ISR, 21.900
4. Katsiaryna Halkina, BLR, 21.550
5. Nicol Zelikman, ISR, 21.550
6. Boryana Kaleyn, BUL, 21.250
7. Alexandra Agiurgiuculese, ITA, 21.200
8. Kaho Minagawa, JPN, 21.200

Archiviate le emozioni delle gare di Ginnastica Artistica Maschile e Femminile, il PalaVesuvio di Napoli è pronto ad accogliere le specialiste della Ritmica, che si affronteranno nel concorso generale e nelle finali per attrezzo nelle giornate dell’11, 12 e 13 Luglio.

Tra le individualiste, l’Italia sarà rappresentata da Alessia Russo, ginnasta di grande esperienza internazionale con all’attivo la partecipazione a 4 Mondiali. L’azzurra in forza all’Armonia d’Abruzzo dovrà vedersela con nomi di altissimo livello, come la russa Ekaterina Selezneva, l’ucraina Yeva Meleschuk, la bielorussa Julia Evchik e l’americana Laura Zeng, quest’ultima reduce dalla riconferma del titolo nazionale nel suo paese.
Ritroveremo anche tre protagoniste degli ultimi Giochi Europei, la georgiana Salome Pazhava, l’azera Zohra Aghamirova e l’ungherese Fanni Pigniczki, entrambe intenzionate a conquistare un posto nelle finali di specialità, dopo aver mancato l’appuntamento a esse nella rassegna di Minsk.

Nella gara a squadre saranno nove i sestetti che calcheranno la pedana: oltre a Ucraina e alla Russia, sul gradino più alto del podio nell’edizione di due anni fa, vedremo anche gli ensemble universitari di Giappone, Corea del Sud, Norvegia, Slovenia, Australia, Taipei e Azerbaigian.
Non ci saranno le Farfalle, invece, che hanno ricominciato da pochissimo la preparazione al Mondiale di Settembre nella sede estiva di Follonica.

Le gare saranno trasmesse su Rai2, Rai Sport e in streaming (previa registrazione gratuita) su http://fisu.tv, mentre per tutti gli aggiornamenti seguiteci su Facebook, Twitter e Instagram.

Ordini di gara disponibili nella sezione allegati.

Si sono conclusi nella notte italiana tra sabato e domenica i Campionati Nazionali Americani di Ginnastica Ritmica, andati in scena quest’anno a Des Moines, nell’Iowa.

Nella gara individuale Senior, la vittoria è andata a Laura Zeng, prossima a scendere in pedana alle Universiadi: l’Olimpionica di Rio 2016 vince il quinto titolo assoluto consecutivo con il totale complessivo di 155.850. Con lei sul podio sono salite Evita Griskenas e Camilla Feeley, che hanno chiuso in seconda e terza posizione con i totali di 154.100 e 147.400.
Per Laura Zeng sono arrivati inoltre i titoli nelle finali a cerchio, palla e clavette, mentre a Evita Griskenas è andato il titolo di specialità al nastro.

Nella gara a squadre, il titolo è andato alla squadra nazionale, composta da Isabelle Connor, Elizaveta Pletneva, Kristina Sobolevskaya, Nicole Sladkov, Matylda Marszalek, Connie Du e Yelizaveta Merenzon: le ragazze in ritiro allo North Shore Rhythmic Gymnastics Center dominano la gara con il totale di 92.250.

Infine, spazio doveroso dedicato alle Junior, in vista del Mondiale al via tra pochi giorni: è Jenna Zhao a conquistare il titolo all-around con il totale di 64.350, seguita da Victoria Kobelev con 63.150 e da Alexandria Kautzman con 61.500.
Inoltre, Jenna Zhao ha conquistato l’oro nelle finali a fune, palla e clavette, mentre il titolo al nastro è andato a Victoria Kobelev.

A due mesi dal Mondiale di Ginnastica Ritmica, quest’anno in programma a Baku dal 16 al 22 Settembre, sono stati resi noti oggi i sorteggi degli ordini di gara.

Nella categoria individuale, l’Italia è stata sorteggiata nella suddivisione B2 con Slovenia, Finlandia, Serbia, Messico, Capo Verde, Giappone, Corea del Sud e Bolivia.
Nella gara a squadre, invece, le azzurre scenderanno per settime nel Gruppo B, precedute dal Messico e seguite da Israele.

Di seguito gli ordini completi:

Concorso per Nazioni individuale

Suddivisione A1: Cina, Croazia, Colombia, Bielorussia, Cipro, Austria, Turchia, Ucraina
Suddivisione A2: Azerbaigian, Ungheria, Kazakistan, Georgia, Belgio, Egitto, Estonia
Suddivisione B1: Montenegro, Macedonia del Nord, Repubblica Ceca, Moldavia, Sud Africa, Stati Uniti, Norvegia, Canada
Suddivisione B2: Slovenia, Finlandia, Serbia, Messico, Capo Verde, Italia, Giappone, Corea del Sud, Bolivia
Suddivisione C1: Libano, Andorra, Thailandia, Grecia, Kirghizistan, Lettonia, India, Francia
Suddivisione C2: Bulgaria, Malesia, Corea del Nord, Spagna, Lituania, Slovacchia, Australia
Suddivisione D1: Mongolia, Angola, Uzbekistan, Brasile, San Marino, Svezia
Suddivisione D2: Sri Lanka, Portogallo, Russia, Romania, Danimarca, Israele, Porto Rico, Polonia

Gara a Squadre

Gruppo A
Stati Uniti – Germania – Finlandia – Kazakistan – Ucraina – Giappone – Estonia – Bulgaria – Ungheria – Grecia – Cina – Canada

Gruppo B
Spagna – Russia – Polonia – Uzbekistan – Brasile – Messico – Italia – Israele – Francia – Bielorussia – Corea del Nord - Azerbaigian

Nella sezione allegati sono disponibili i documenti ufficiali della Federazione Internazionale di Ginnastica.

Dopo le olimpioniche di Rio 2016 Alessia Maurelli e Martina Centofanti, e la medaglia di bronzo ai Mondiali 2018 alla palla nonché campionessa italiana assoluta Alexandra Agiurgiuculese, la famiglia “Ritmica” del gruppo sportivo dell’Aeronautica Militare si allarga.

Nella giornata di oggi, si sono arruolate nell’arma di riferimento per numerose discipline sportive, tra cui la Ginnastica Ritmica e Artistica Maschile, la vicecampionessa del mondo uscente al nastro Milena Baldassarri (in foto) e Agnese Duranti, Anna Basta, Letizia Cicconcelli e Martina Santandrea, quattro delle componenti della squadra nazionale, già qualificata alle Olimpiadi di Tokyo del prossimo anno grazie al secondo posto nel concorso generale.

Ai Campionati Nazionali Assoluti abbiamo avuto il piacere di incontrare Marta Pagnini, nella Squadra Nazionale di Ginnastica Ritmica dal 2011 al 2016.
Dopo il ritiro dall’attività agonistica, avvenuto dopo le Olimpiadi di Rio 2016, per lei è cominciata una nuova, seconda vita, fatta di esperienze nazionali e internazionali vissute dall’altra parte della pedana.
Nella nostra intervista, Marta ci racconta con piacere il suo impegno per le Universiadi, e ci svela il suo punto di vista sul futuro della Ginnastica Ritmica italiana.

Marta, manca sempre di meno alle Universiadi. Vuoi raccontarci qualcosa sul tuo ruolo in preparazione a questo importante appuntamento?
Il mio è un ruolo di supporto alla nostra “Competition Manager”, che è Cristina Casentini, supervisore di tutti i lavori sulla Ginnastica. In particolar modo, sono delegata alla Ritmica, e mi occupo dell’organizzazione dell’evento dedicato alla Ginnastica Ritmica.

Quali sono state le ragioni che ti hanno spinta a metterti in gioco per questa importante occasione?
Mi è stato proposto questo ruolo dal Presidente Federale, Gherardo Tecchi. Quest’occasione l’ho colta con entusiasmo perché penso che sia un’opportunità lavorativa motivante anche dal punto di vista umano e mi riporta a respirare l’aria dei grandi eventi ai quali ho partecipato con impegno.

Intanto non sei solo impegnata nell’organizzazione di questo importante appuntamento internazionale, ma sei molto presente anche a livello federale, con la partecipazione a convegni nazionali e internazionali. Ci racconti un po’ i tuoi progetti che stai portando avanti per la Ginnastica internazionale?
Parlando della mia collaborazione con la federazione, soprattutto nell’ambito internazionale, ho il brevetto di giudice internazionale, di conseguenza mi capita di andare a valutare delle competizioni importanti all’estero, non ultimi i Giochi Olimpici Giovanili di Buenos Aires di Ottobre, che sono stati un’esperienza fantastica per me dal punto di vista formativo e per la mia carriera da giudice ma anche dal punto di vista dell’esperienza, perché ho vissuto in un ambiente unico e veramente è stato un bellissimo momento per me. Oltre a quello, ho partecipato ad un forum internazionale sulla leadership femminile e sono stata candidata tramite la federazione a parteciparvi sempre con Cristina Casentini, anche quella una bellissima esperienza.
Inoltre, sto cercando di dare il mio supporto alle attività federali che più mi competono, sono contenta di essere rimasta al fianco della federazione e voglio continuare a farlo perché la Ginnastica e la Federazione rimarranno sempre la mia famiglia.

Parlando di Olimpiadi, oggi saranno assegnate le Olimpiadi Invernali del 2026, un appuntamento molto importante dal momento che l’Italia intera è in trepidante attesa di conoscere il verdetto del CIO sulla candidatura di Milano e Cortina d’Ampezzo, di cui diversi atleti di varie discipline hanno avuto modo di appoggiare la candidatura. Da atleta olimpionica e cittadina italiana, cosa ne pensi di questa grande occasione per il nostro paese?
Penso che la candidatura per Milano e Cortina sia una cosa fantastica, mi auguro davvero che quest’evento possa andare in porto perché è importante sia per il nostro paese sia per i nostri atleti: le Olimpiadi sono sempre un valore aggiunto per un paese. Credo che le località candidate siano pronte per un evento simile, io sono assolutamente “pro” e faccio il tifo per Milano e Cortina.

Apriamo una parentesi sulla Ginnastica Ritmica nazionale: eri presente al Campionato Nazionale Assoluto e alla prima prova della gara riservata alle squadre d’insieme, andati in scena a Torino tre settimane fa. Come vedi i nuovi nomi che si stanno affacciando sulle pedane “importanti”?
Riguardo gli Assoluti di Torino è stata una bellissima gara: le nostre individualiste sono cresciute e stanno crescendo tantissimo, sono fiera del movimento individuale (parlo dell’individuale perché la squadra è affermata da anni) che nell’ultimo quadriennio è cresciuto tantissimo. Sono felicissima al riguardo, ma non voglio parlare troppo presto: quest’anno ci sono le qualificazioni per le Olimpiadi di Tokyo 2020, quindi forza ragazze... speriamo di vedervi a Tokyo!

Il mese prossimo ci sarà il primo Mondiale Junior, al quale l’Italia non intende farsi trovare impreparata: a poche settimane dall’inizio della gara, come vedi le nostre Junior?
Anche il settore Junior è molto forte, dal momento che dietro c’è un grande lavoro tecnico delle società, in particolare quello di Julieta Cantaluppi che segue sia l’individualista sia la squadra. Colgo l’occasione per far loro un grande “In bocca al lupo” e credo che ci stiamo facendo sentire in un panorama internazionale che è sempre più competitivo: l’Italia c’è sempre, con la squadra Junior e Senior, le individualiste Junior e Senior. Quindi, meglio di così non può andare, anzi sì, può sempre andare meglio, di conseguenza sono davvero felice.

Infine una domanda su Marta: quali sono i tuoi progetti per il futuro?
È difficile dire quali sono i progetti per il mio futuro: sicuramente posso dire che adesso ho cominciato a lavorare in un’agenzia di comunicazione, la DMTC Sport, e sto apprendendo questo nuovo mestiere; sono molto contenta di aver avuto quest’opportunità lavorativa, infatti ringrazio moltissimo per la fiducia il mio capo Marco Del Checcolo e diciamo che in questo momento sto imparando un nuovo lavoro, sto cogliendo tutte le possibilità che la vita mi sta dando a livello lavorativo e di esperienze personali: ogni occasione è un momento unico per imparare qualcosa e cimentarsi in qualcosa di nuovo. Non mi do limiti né paletti, vedo come va e cercherò sempre di essere felice in quello che faccio e di fare un lavoro che mi possa stimolare.

Dopo le finali individuali, è andata in scena alla Minsk Arena la gara a squadre, evento che ha chiuso le competizioni per la Ginnastica Ritmica agli European Games.

Alessia Maurelli, Martina Centofanti, Martina Santandrea, Anna Basta e Agnese Duranti calcano la pedana con grinta, ma non basta: per il quintetto di Emanuela Maccarani e Olga Tishina arriva un amaro quarto posto nel concorso generale, mentre sono ancora una volta quarte in entrambe le classifiche di specialità.

Vince l’all-around una grandissima Bielorussia, supersostenuta dal suo pubblico, seguita dalla Bulgaria e dalla Russia, quest’ultima super premiata nell’esercizio con le 5 palle.

Di seguito, i risultati completi:

CONCORSO GENERALE
1. Bielorussia, 52.600

2. Bulgaria, 52.550
3. Russia, 51.700
4. Italia, 50.375
5. Ucraina, 48.175
6. Azerbaigian, 44.975
7. Estonia, 44.750
8. Spagna, 41.750

5 PALLE
1. Russia, 27.300

2. Bulgaria, 26.800
3. Bielorussia, 26.150
4. Italia, 24.825
5. Estonia, 24.300
6. Ucraina, 21.800
7. Azerbaigian, 20.700
8. Spagna, 20.150

3 CERCHI / 4 CLAVETTE
1. Bielorussia, 26.450

2. Ucraina, 26.375
3. Bulgaria, 25.750
4. Italia, 25.500
5. Russia, 24.400
6. Azerbaigian, 24.275
7. Spagna, 21.600
8. Estonia, 20.450

Dopo le grandi emozioni dell’Europeo e il bilaterale contro la Bielorussia, la giovane Italia dei piccoli attrezzi è pronta a partire alla volta di Danzica, città polacca sulle rive del Mar Baltico, che questo weekend ospiterà il “Gydnia Rhythmic Stars”, in programma nel weekend del 22 e 23 Giugno.

In occasione di questa trasferta internazionale, l’ultima prima dei Mondiali Junior, sono state convocate l’individualista Junior Sofia Raffaeli, reduce dalla superprestazione agli Assoluti e la squadra, il cui sestetto sarà composto da Serena Ottaviani, Anais Carmen Bardaro (Ginnastica Fabriano), Alessia Leone (Eurogymnica Torino), Alexandra Naclerio (Club Giardino Carpi), Siria Cella e Giulia Segatori (Auxilium Genova).

Con loro, partiranno anche le individualiste Senior Nina Corradini e Talisa Torretti, entrambe in forza alla Ginnastica Fabriano e che scenderanno in pedana a titolo societario.

Completeranno la delegazione la tecnica Julieta Cantaluppi e la giudice di gara Alexia Agnani.

Gli ordini di gara e il programma sono disponibili nella sezione Allegati.

Anche in quest’anno pre-olimpico la Nazionale Italiana di Ginnastica Ritmica si allenerà a Follonica, da anni sede estiva del collegiale permanente della squadra d’insieme.

All’allenamento, in programma dal 2 Luglio al 24 Agosto, saranno impegnate:

  • Alessia Maurelli (Aeronautica Militare)
  • Martina Centofanti (Aeronautica Militare)
  • Martina Santandrea (Estense Putinati Ferrara)
  • Letizia Cicconcelli (Ginnastica Fabriano)
  • Agnese Duranti (La Fenice Spoleto)
  • Anna Basta (Pontevecchio Bologna)
  • Francesca Majer (San Giorgio ’79 Desio)
  • Laura Paris (Ginnastica Moderna Legnano)
  • Daniela Mogurean (Ardor Padova)
  • Nina Corradini (Ginnastica Fabriano)

Le tecniche preposte saranno Emanuela Maccarani, Olga Tishina, Chiara Ianni e la coreografa Federica Bagnera. A loro, nel periodo dal 27 Luglio al 24 Agosto si unirà anche Valentina Rovetta, storica assistente della Squadra Nazionale.

Si è conclusa da pochissimi minuti l'ultima giornata della Korea Cup Samdasoo e i nostri due azzurri Nicola Bartolini e Giada Grisetti terminano la loro gara dopo aver dato il massimo in tutti i loro esercizi. In particolare in questa seconda giornata Bartolini ha sfiorato il podio al volteggio , arrivando quarto a meno di due decimi dal terzo classificato con 14.350; Nicola si è inoltre classificato al sesto e nono posto alle parallele e alla Sbarra.

Rinuncia invece Giada Grisetti alla finale al volteggio, chiudendo quindi la sua gara alla trave con 11.433.

La star della Giornata è stata però l'azzurra Milena Baldassari della Ginnastica Ritmica, che conquista tra ieri e oggi ben tre medaglie, oro alla palla e bronzo e argento a nastro e clavette. 

  1. Popular
  2. Trending
  3. Comments