Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 25 Agosto 2019
 ginnasticando.it

Quello che sta succedendo al Palavesuvio oggi ha dell'incredibile!
Dopo Lara Mori anche Carlotta Ferlito è medaglia: medaglia D'oro!!!!!
Con un esercizio da 13.200 che ha fatto esplodere letteralmente il palazzetto, Carlotta prende la sua rivincita (dopo una gara alla trave un po' sottotono), e si piazza sul gradino più alto del podio!!
 
Diagonali ben stoppate, ottima parte acrobatica e una coreografia da paura: queste le caratteristiche di un esercizio che farà la storia delle Universiadi! Il Boato della folla commuove Carlotta che scende in lacrime dal campo gara in attesa del punteggio. 
Un'impresa titanica, quasi impossibile, ma Carlotta Ferlito ce l'ha fatta!
Dietro di lei la Giapponese Sugihara (13.000) e la Russa Perebinosova (12.700).
 
Complimenti Carlotta è tutto vero, sei entrata nella storia! Questa vittoria è tutta tua! Ad Maiora!

Si conclude un questo momento una bellissima finale alla trave per le Universiadi 2019, e l'italiana Lara Mori è medaglia d'argento!

Una gara particolare e dal risultato totalmente inaspettato:
Lara Mori è salita per seconda sull'attrezzo totalizzando il punteggio di 12.850 (lo stesso della qualifica!). Sorrisi e commozione! 
Meglio di lei ha fatto solo la Giapponese Hatakeda (13.000).
Chiude il podio la Russa Perebinosova con 12.800 (5 decimi meno di Lara).
Diversi sbilanciamenti e una caduta anche per la Giapponese Sugihara e la Slovacca Mokosova.
Anche Carlotta Ferlito non brilla particolarmente, il suo punteggio è abbastanza basso 12.400 (un po' troppo) e chiude la gara in quinta posizione. 
 
Auguri Lara per questa bellissima e meritata medaglia! Ad maiora!
Al Palavesuvio di Napoli ieri si sono svolte le finali del concorso generale GAM e GAF per le Universiadi 2019.
Sul versante Maschile, gli azzurri Andrea Russo e  Stefano Patron hanno condotto una bella gara senza errori e si sono classificati, nella finale a 18, rispettivamente al settimo e nono posto  (Russo 81.800, Patron 80.450).
Il Giappone ottiene la vittoria ancora  una volta, grazie a Kazuma Kaia (87.000). Subito dietro il russo Ivan Stretovich (84. 375) e il Taipeiano Lee Chih-Kai (83.950).
 
Per la GAF invece Lara Mori, unica Italiana in gara, fa meglio della qualifica e si prende un buon quinto posto nella classifica generale (51. 700). Supportata dal calore e dal tifo del pubblico di Casa, Lara ha svolto alla perfezione tutti e quattro gli esercizi (un po' penalizzata dal punteggio alla trave), e dando il massimo, specialmente al corpo libero, si è riscattata dall'errore che aveva commesso in qualifica: 13.200 il suo punteggio!
Anche la competizione femminile è stata vinta dal Giappone grazie ad Hitomi Hatakeda (52.925). Si accontentano dell'argento e del Bronzo (a parimerito) le Russe Uliana Perebinosova (52.700) e Lilia Akhaimova (52.700). 

Un'Italia di facce di bronzo, le facce di Lara Mori, Carlotta Ferlito e Martina Rizzelli!

Le ragazze della Delegazione Italiana, alle Universiadi 2019, di Napoli hanno vinto un meraviglioso bronzo di squadra, incantando il Palavesuvio che le ha sostenute ed incoraggiate per tutta la durata della competizione!        Una storica eccezionale impresa che rimarrà negli annali delle Universiadi! 

Le ragazze hanno gareggiato nella terza suddivisione di gara (su quattro), contro 6 nazioni: Corea, Taipei, Canada, Finlandia, Russia e Giappone, lasciandosi davanti solo queste ultime due.

Le atlete Giapponesi, Asuka Teramoto, Aiko Sugihara e Hitomi hatakeda hanno totalizzato un punteggio complessivo di 108.450 salendo sul più alto gradino del podio; subito dietro le Russe Lilia Akhaimova, Tatiana Nabieva e Uliana Perebinosova con un punteggio complessivo di 107.450; A Carlotta ferlito, lara Mori e Martina Rizzelli è toccato quindi il terzo gradino del podio con un punteggio di 103.500.

Ma non è finita qui: le nostre ragazze hanno infatti conquistato molteplici finali di specialità: Lara Mori sarà impegnata domani nella finale All Around (l'unica delle Italiane) e domenica nella finale alla trave, in cui sarà presente anche Carlotta Ferlito. Carlotta ha inoltre conquistato la finale a corpo libero (col terzo punteggio in qualifica) dopo aver svolto un esercizio che ha coinvolto tutto il pubblico, come al suo solito, e con un'acrobatica spettacolare.

Anche Martina Rizzelli conquista la sua finale alle parallele, qualificandosi con il super punteggio di 13.450!

Bravissime ragazze, avete portato in alto il nome dell'Italia! Ad Maiora per la vostra carriera sportiva e peri vostri studi universitari!

Prendono il via oggi le Universiadi, competizioni riservate ai giovani atleti universitari, in una location d'eccezione come la città di Napoli. Per la nazionale di Ginnastica Artistica italiana gli atleti in gara sono Andrea Russo, Marco Sarruggerio e Stefano Patron per la Maschile e Lara Mori, Martina Rizzelli e Carlotta Ferlito per la femminile.

Ed è proprio a quest'ultima che è stato affidato l'onore di portare la Torcia che darà il via ai Giochi, mercoledì sera.

È l'azzurra stessa, olimpionica di Londra 2012 e Rio 2016, a comunicarlo con un commovente post sui social, in cui si dice onorata per quest'occasione e soprattutto per avere la possibilità di partecipare ad una competizione di quasto calibro, insieme con le sue compagne di squadra. 

Carlotta ha inoltre comunicato di essersi da poco iscritta alla facoltà di Comunicazione, media e Pubblicità della IULM per affiancare alla sua carriera sportiva un percorso di tipo diverso. 

Le gare avranno inizio dal 4 LUGLIO. Trovate date e orari sui nostri Social!

Il palcoscenico di Minsk, in Bielorussia, ha visto battersi le donne della ginnastica artistica europea per agguantare il maggior numero di finali possibile ieri, 27 giugno. A contendersi il titolo All-Around spicca Angelina Melnikova, qualificata con il terzo punteggio anche al volteggio e alla trave. Qualche imprecisione di troppo, invece, non le consente di entrare alla finale al corpo libero, dove è riserva per soli 33 centesimi. La britannica Fenton arriva seconda staccando di mezzo punto la francese Charpy, la quale ottiene il secondo punteggio di qualifica alla trave e il sesto alle parallele. Ben figurano le ucraine Bachynska e Varinska, le quali affrontano una buona gara e portano a casa oltre a un ottimo quarto e quinto piazzamento individuale, la prima una finale al corpo libero (con il secondo punteggio di qualifica) e la seconda la finale alla trave. Denisa Golgota non riesce ad ingranare nella competizione individuale, ottenendo un sesto posto di qualifica ma centra una finale al quadrato con il primo punteggio.

Non mancano poi, le specialiste. Al volteggio l'ungherese Peter supera l'atleta dell'Azerbaijan Nekrasova e la Melnikova, piazzandosi prima in qualifica. Alle parallele Becky Downie si impone e, a parimerito con Nina Darwael ma con una migliore esecuzione, si aggiudica il primo posto di qualifica. Molto bene anche la russa Iliankova, che si piazza terza ed estromette la Melnikova dalla finale, e ben figura anche la padrona di casa Alistratava, quarta. Un'espoliva Nina Darwael ottiene il primo punteggio di qualifica anche alla trave, attrezzo in cui esprime tutta la sua eleganza. 

E, poi, proprio al corpo libero si nota l'assenza dell'Italia in questa competizione, complice anche l'assenza di grandi nomi che parteciperanno a questa finale. Quest'attrezzo è ormai diventato un vero e proprio palcoscenico per la ginnastica italiana, che in pressocchè ogni competizione a cui partecipa, agguanta questa finale d'attrezzo, sfoggiando ginnaste dinamiche, potenti, eleganti ed espressive.

Appuntamento, dunque, a domani, ore 13.00 per incoronare il re e la reginetta della ginnastica artistica per questi Giochi Europei 2019.

Ogii giovedì 27 Giugno al via le qualifiche femminili degli European Games di Minsk 2019!

Tutto pronto dunque sulla pedana bielorussa per dar vita ad un vero show tra nuove leve e stelle della Ginnastica. Vedremo infatti in pedana ginnaste del calibro di Alya Mustafina e Angelina Melnikova, e ancora Nina Derwael, Rebecca Downie, Lorette Charpy e molto altro ancora.

Gli European Games sono importanti per le ginnaste per prepararsi al meglio in ottica Mondiale. 

Grande assente invece l'Italia: le ragazze di Enrico Casella, sono impegnate in un collegiale a Riccione per testare la loro preparazione in vista dei prossimi importanti appuntamenti. 

Si è conclusa da pochissimi minuti l'ultima giornata della Korea Cup Samdasoo e i nostri due azzurri Nicola Bartolini e Giada Grisetti terminano la loro gara dopo aver dato il massimo in tutti i loro esercizi. In particolare in questa seconda giornata Bartolini ha sfiorato il podio al volteggio , arrivando quarto a meno di due decimi dal terzo classificato con 14.350; Nicola si è inoltre classificato al sesto e nono posto alle parallele e alla Sbarra.

Rinuncia invece Giada Grisetti alla finale al volteggio, chiudendo quindi la sua gara alla trave con 11.433.

La star della Giornata è stata però l'azzurra Milena Baldassari della Ginnastica Ritmica, che conquista tra ieri e oggi ben tre medaglie, oro alla palla e bronzo e argento a nastro e clavette. 

Si è conclusa ieri la prima giornata della Korea Cup Samdasoo 2019! Ottime prove per GAM E GAF: Nicola Bartolini e Giada Grisetti portano a casa un bronzo a testa al corpo libero con un punteggio rispettivamente di 14.000 e 12.067. Buona prova di Bartolini anche al cavallo con maniglie dove si posiziona al quinto posto in classifica, e agli anelli (decima posizione); Giada Grisetti si classifica invece al sesto posto in classifica nella gara alle parallele asimmetriche. 

Nella giornata odierna vedremo inoltre impegnati i due Azzurri a trave e volteggio (Grisetti) e parallele pari, volteggio e Sbarra (Bartolini).

Seguiranno aggiornamenti. 

Grandi notizie per la ginnastica artistica femminile! Clara Colombo, ginnasta pilastro della Juventus Nova Melzo, sta per realizzare uno dei suoi sogni più grandi. Avendo portato a termine la stagione di gare nel migliore dei modi, sia individualmente che con le sue compagne di squadra, ha solo un ultimo ostacolo da superare prima di dare una svolta decisiva alla sua vita. Infatti, dopo il superamento degli imminenti esami di maturità, Clara partirà in volta dell’America; grazie all’aiuto dell’associazione StAR International, è riuscita a vincere una borsa di studio per l’Università del Nebraska, dove potrà far conciliare i suoi studi con la pratica della ginnastica ad alti livelli.

Durante una breve intervista, Clara ci ha confessato di essere molto emozionata e di non vedere l’ora di dare il via a questa magnifica avventura.

Com’è nata l’idea di continuare la tua carriera da ginnasta negli Stati Uniti?

Penso sia nato tutto dalle domande “Cosa voglio fare da grande?”, “Cosa voglio diventare?”. Da lì sono partire varie considerazioni. Sicuramente volevo fare l’università, ma allo stesso tempo non avevo nessuna intenzione di rallentare con la ginnastica. Qui in Italia è difficile conciliare sia studio che sport ad alto livello, e nel momento in cui mi sono trovata davanti questa opportunità di andare in America, studiare là e gareggiare nel campionato NCAA, ho subito capito che era quello che volevo fare.

Chi ti ha guidato in questa scelta e aiutato a trovare l’Università più adatta a te?

Mi sono affidata alla StAR International, che si occupa proprio di offrire questa opportunità a studenti-atleti di alto livello. Loro mi hanno messo in contatto con diverse università americane e mi stanno tuttora aiutando nei processi burocratici. La scelta dell’università è ricaduta sulla University of Nebraska e, nonostante sia stata una mia scelta, di fianco ho sempre avuto anche la mia famiglia. Ho scelto questo college perché il livello è molto buono, sia accademicamente che “ginnasticamente” parlando. Inoltre, ho avuto la fortuna di poter incontrare di persona la mia futura coach, la quale mi ha dato una buonissima impressione. Non vedo già l’ora di iniziare!

Sei la prima ginnasta italiana a cimentarsi in questo tipo di avventura. Come ti senti a riguardo? Quali sono le tue aspettative?

Emozionata sicuramente, ma davvero tanto entusiasta! Spero di poter “aprire la pista” nel modo giusto, affinché altre ginnaste possano intraprendere questa strada perché penso sia davvero un’opportunità unica. Per quanto riguarda le mie aspettative, spero tanto di divertirmi, di conoscere nuove persone e soprattutto di imparare il più possibile sotto tutti i punti di vista.

Si è appena conclusa una bellissima stagione di gare nella quale tu e la tua squadra avete fatto un gran bel lavoro. Ti senti soddisfatta? Qual è stata la reazione delle tue compagne?

Sono super soddisfatta del lavoro svolto in palestra con le mie compagne di squadra. Sono fiera di quello che siamo e di quello che abbiamo fatto in questo campionato. Il legame che abbiamo creato è davvero unico, siamo come sorelle, e anche con gli allenatori abbiamo instaurato un rapporto davvero vincente. Loro saranno una delle cose che più mi mancherà! Dopo aver comunicato loro questa mia decisione erano molto felici, ci siamo commossi tutti insieme, e non posso desiderare cosa più bella!

Quindi adesso esami di maturità e poi in volo per l'America! Quando è prevista la partenza? L’idea di essere da sola ti spaventa?

Partirò intorno alla metà di agosto. La preoccupazione c’è, penso sia normale, ma l’entusiasmo è davvero tanto e non vedo l’ora di scoprire che cosa ha in serbo il futuro per me!

Sperando possa essere un esempio per tutte le ginnaste che vogliano intraprendere una carriera sportiva all’estero, il team di Ginnasticando.it fa un grande in bocca al lupo a Clara e le augura il meglio per il suo avvenire!

  1. Popular
  2. Trending
  3. Comments