Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 14 Ottobre 2019
 ginnasticando.it

Alla Porche Arena di Stoccarda la grande gioia per l'argento di Marco Lodadio agli anelli e la sua conseguente qualificazione per i giochi olimpici di Tokyo 2020 ha sicuramente messo in secondo piano le finali d’attrezzo di per la ginnastica artistica femminile che non vedeva atlete italiane in gara. La gara di oggi ha, però, decretato le nuove campionesse del mondo al volteggio e alle parallele e come da previsione le campionesse mondiali sono Simone Biles al volteggio e Nina Derwael alle parallele.

Simone stampa due salti da manuale e va a prendersi l'oro mondiale con un ottimo il Cheng ma è il suo Amanar a stupire: ottiene una nota E di 9.666, a poco meno di tre decimi dalla perfezione! Semplicemente incredibile. Jade Carey va sul secondo gradino del podio al fianco della compagna di squadra a stelle e strisce con un buonissimo Cheng e un Amanar sporcato solo da un grande passo all’arrivo. La terza piazza va a Ellie Downie che pianta due salti molto precisi e supera la canadese Olsen e la cinese Qi Qi, portando a casa il bronzo mondiale. Altre due favorite per la corsa al podio, la Moreno e la Akhaimova, patiscono due importanti imprecisioni la messica sul Rudi e la russa sullo Tsukahara con doppio avvitamento che le relegano nelle posizioni finali della classifica. Anche l’attesissima sud coreana, rivelazione della qualifica, purtroppo incappa in una caduta, l’unica di tutta la finale, e chiude in ultima posizione.

Bellissima la finale mondiale alle parallele, dove le ginnaste hanno combattuto a suon di salti sugli staggi e a spuntarla è la belga Nina Derwael con un esercizio davvero spettacolare, il giusto connubio tra potenza, difficoltà ed eleganza, è sempre un piacere guardarla volteggiare con sicurezza sugli staggi. Una Rebecca Downie visibilmente emozionata conquista l'argento con determinazione, stupendo il pubblico con un esercizio potente e preciso. Lei e sua sorella porteranno a casa due medaglie da questo mondiale. Il bronzo va, invece, all’americana Sunisa Lee che scalza la Melnikova dal podio per pochi centesimi. Simone Biles deve accontentarsi del quinto piazzamento e la russa Spiridonova, a causa di alcune imprecisioni sullo Tsukahara di uscita, finisce solo sesta. Settima la cinese Liu Tingting protagonista di due brutte cadute proprio su quest’attrezzo durante la finale a squadre, si riscatta pienamente con la bellissima esecuzione di oggi. A chiudere la classifica la padrona di casa Elisabeth Seitz che incappa in una caduta sul salto Pak.

L’ultimo appuntamento per questo mondiale sarà domani con le restanti finali d’attrezzo per la ginnastica maschile e femminile alle 13.30. Ricordiamo che nelle finali di domani non ci saranno atleti della nazionale italiana in gara.

Di seguito le classifiche per attrezzo della ginnastica artistica femminile.

 

Classifica del volteggio:

1. BILES Simone (USA)- 15.399 (VT1- 15.333; VT2- 15.466)

2. CAREY Jade (USA)- 15.166 (VT1- 15.166; VT2-14.600 *-0.30*)

3. DOWNIE Elissa (GBR)- 14.816 (VT1- 14.600; VT2-15.033)

4. OLSEN Shallon (CAN)- 14.733 (VT1- 14.600; VT2- 14.866)

5. QI Qi (CHN)- 14.650 (VT1- 14.600; VT2-14.700)

6. MORENO Alexa (MEX)- 14.633 (VT1- 14.466 *-0.10* ; VT2-14.800)

7. AKHAIMOVA Liliia (RUS)- 14.366 (VT1- 14.700; VT2-14.033 *-0.30*)

8. YEO Seojeong (KOR)- 14.183 (VT1- 13.933 *-0.30*; VT2- 14.433)

 

Classifica alle parallele asimmetriche:

1. DERWAEL Nina (BEL)- 15.233 (D-Score: 6.5)

2. DOWNIE Rebecca (GBR)- 15.000 (D-Score: 6.5)

3. LEE Sunisa (USA)- 14.800 (D-Score: 6.4)

4. MELNIKOVA Angelina (RUS)- 14.733 (D-Score: 6.3)

5. BILES Simone (USA)- 14.700 (D-Score: 6.2)

6. SPIRIDONOVA Daria (RUS)- 14.633 (D-Score: 6.3)

7. LIU Tingting (CHN)- 14.400 (D-Score: 5.9)

8. SEITZ Elisabeth (GER)- 13.566 (D-Score: 6.0)

Alla Poche Arena di Stoccarda anche oggi si è scritto un pezzo di storia della ginnastica artistica. Simone Biles ha conquistato il suo quinto titolo mondiale individuale, record assoluto nella storia della ginnastica: mai nessuna prima era riuscita in questa impresa. La sua gara si apre con un volteggio esplosivo, buon esercizio sugli staggi, una trave a sorpresa priva della sua discussa nuova uscita, lo tsukahara avvitato (sostituisce lo tsukahara avvitato con uno tsukahara) e un corpo libero con tre uscite di pedana su quattro diagonali. Una gara lineare la sua, forse un pelino sottotono rispetto a quanto ci ha abituati quest’atleta stellare ma comunque una prestazione, seppur più fallosa del solito, inarrivabile da qualsiasi altra atleta al mondo. La cinese Tang Xijing, infatti, porta a termine una gara a dir poco perfetta sui quattro attrezzi e agguanta un meritato argento a poco più di due punti di distanza dalla Biles. Elegantissima sulla trave (14.600), con un ottimo esercizio alle parallele 14.533, buon volteggio e un corpo libero dall’esecuzione magistrale, la cinese mette distanza tra se e la terza classificata, Angelina Melnikova che paga qualche piccola imprecisione al volteggio e alle parallele. Il colore della medaglia è stata una questione di decimi, gli stessi recuperati dalla russa con un esercizio a dir poco perfetto alla trave da 14.000 netto e un corpo libero solido, potente ed elegante che le permette di mettere le mani sul bronzo. Sofferto quarto posto per la canadese Elsabeth Black che al termine di una bellissima gara a poco meno di due decimi dal bronzo, atterra al volteggio accusando un forte dolore alla caviglia ed appare alla premiazione in stampelle.

Un brutto atterraggio al volteggio anche per l'azzurra Elisa Iorio che costringe l'azzurra ad interrompere la gara alla terza rotazione. Anche lei accusa un risentimento alla caviglia ma la situazione è sicuramente meno grave di quella della Black. Ai microfoni della Federazione, poi, Enrico Casella tranquillizza gli spettatori asserendo che la decisione di non portare a termine la gara è stata presa per pura precauzione. L’altra fata in gara oggi Giorgia Villa chiude la sua gara al sedicesimo posto con un doppio avvitamento perfettamente stoppato al volteggio che le è valso 14.700 e una nota di esecuzione di ben 9.3. Ottimo anche il suo esercizio sugli staggi, il suo migliore in questo mondiale, da 14.333. Purtroppo incappa in una caduta sul giro in accosciata sulla trave e in qualche imprecisione al suo energico corpo libero che non le consentono di esprimere al meglio il suo potenziale ma siamo più che certi che avrà la tutte le possibilità di farlo in futuro.

Nina Derwael che porta a termine la sua gara al quinto posto: a delle parallele a dir poco stratosferiche da 15.200 e un ottimo esercizio alla trave da 13.733 (con una nota di 8.533 di esecuzione), contrappone un semplice Yurchenko con un avvitamento al volteggio che non le consente di avvicinare il podio. Sunisa Lee e Melanie De Jesus Dos Santos, grandi favorite per la corsa al podio e rispettivamente seconda e terza in qualificazione, vengono abbattute dalle ostiche parallele: la statunitense Lee perde la sua occasione per avanzare in classifica con l’errore sul suo esercizio di punta e chiude ottava, mentre la francese cade due volte dagli staggi e non riesce poi a concludere la gara al suo meglio, terminando in ventesima posizione. Grandissima prestazione, invece, per la brasiliana Flavia Saraiva che esercizio dopo esercizio stampa una gara da manuale e chiude in settima posizione. Chiudono quinta e decima Elisabeth Seitz e Sarah Voss, le due tedesche, incitate dal calore del tifo del pubblico di casa.

Il prossimo appuntamento con la ginnastica sarà domani alle 16.00 per fare il tifo per Ludovico Edalli, impegnato nella competizione individuale maschile, in diretta sul canale Youtube della Federazione.

Di seguito la classifica finale della competizione individuale femminile:

1. BILES Simone (USA)- 58.999

2. TANG Xijing (CHN)- 56.899

3. MELNIKOVA Angelina (RUS)- 56.399

4. DERWAEL Nina (BEL)- 56.033

5. BLACK Elsabeth (CAN)- 56.232

6. SEITZ Elisabeth (GER)- 55.999

7. SARAIVA Flavia (BRA)- 55.732

8. LEE Sunisa (USA)- 55.632

9. LI Shija (CHN)- 55.099

10. VOSS Sarah (GER)- 54.898

11. FRIESS Aline (FRA)- 54.798

12. KINSELLA Alice (GBR)- 54.765

13. TERAMOTO Asuka (JPN)- 54.566

14. MOORS Brooklyn (CAN)- 54.498

15. VARINSKA Diana (UKR)- 54.366

16. VILLA Giorgia (ITA)- 54.232

17. HATAKEDA Hitomi (JNP)- 53.932

18. STEINGRUBER Giulia (SUI)- 53.866

19. GOODWIN Georgia (AUS)- 53.832

20. DE JESUS DOS SANTOS Melanie (FRA)- 53.566

21. RODRIGUEZ Cintia (ESP)- 51.466

22. AKHAIMOVA Liliia (RUS)- 51.465

23. VISSER Naomi (NED)- 51.166

Ritirata: IORIO Elisa (ITA)

Una magnifica Italia oggi ha fatto la storia. Incredule, in lacrime Giorgia Villa, Elisa Iorio, Desiree Carofiglio, Alice D’Amato e Asia D’Amato attrezzo dopo attrezzo, esercizio dopo esercizio hanno condotto l’Italia dall’ultimo posto di qualifica al bronzo mondiale di squadra.

Una gara perfetta dall’inizio alla fine per le nostre Fate, che sbaragliano le avversarie e vanno a prendersi l’ultimo gradino del podio, un podio storico, magico, un momento commovente per l’Italia e per la nostra giovane squadra.

Le azzurre hanno portato avanti una gara di carattere, eleganti e potenti al corpo libero, strabilianti al volteggio e alle parallele e concentratissime alla trave, hanno compiuto un’impresa che ha commosso ogni appassionato, incollato ogni spettatore alla tv fino all’ultimo esercizio.

Giorgia Villa ha condotto una gara al limite della perfezione, quattro attrezzi su quattro non solo senza errori ma anche aggraziati, eleganti e precisi, con dei picchi alle parallele, al volteggio e alla trave. Desiree Carofiglio è una garanzia al corpo libero, le gemelle D’Amato hanno trainato la squadra al volteggio con dei doppi avvitamenti spaziali e Asia, in particolare, ha portato a termine una trave determinante, con fermezza e solidità: una roccia per la sua squadra. Elisa Iorio ha fatto il suo alle parallele e ha chiuso la gara dell’Italia alla trave con una caduta, dovuta sicuramente alla tensione del momento, esercizio che ha portato comunque l’Italia sul podio. È importante ricordare anche la costante presenza di Martina Maggio, riserva della squadra sempre pronta a dare sostegno alle compagne e di fatto partecipante attiva di questa vittoria.

L’Italia di oggi ci ha fatto sognare, emozionare, piangere. Oggi è un giorno da ricordare, perchè il cielo di Stoccarda si è tinto anche un po’ del nostro azzurro, un azzurro da bronzo mondiale.

Una Francia come raramente la si è vista stupisce tutti a Stoccarda concludendo la gara di qualifica con precisione, energia e senza errori su nessun attrezzo. Le transalpine sono seconde solo alla Cina in classifica parziale. Volteggi stratosferici, in cui si è distinto il Rudi della Friess (15.000). Ottima la prestazione di Melanie De Jesus Dos Santos, prima nella classifica generale parziale con alle parallele 14.600, alla trave 13.616, (punteggio ottenuto dopo un ricorso che lo ha fatto lievitare di ben 3 decimi) e al corpo libero 13.966. Bene anche Marine Boyer alla trave con un 13.166 e Lorette Charpy al quadrato con 13.233. A fine serata arrivano le cinesi a congelare il primo posto della classifica parziale con una gara lineare e quasi perfetta, sporcata solo da qualche errore al corpo libero. Al Volteggio la Qi Qi, 14.533, e Li Shijia 14.466 trainano la squadra, la Qi Qi è anche qualificata con il terzo punteggio parziale nella classifica di questo attrezzo con una media di 14.599. Seguono poi delle parallele da manuale con il picco di 14.766 di Liu Tingting e Tang Xijing 14.633, rispettivamente terzo e quarto punteggio parziale d’attrezzo. A stupire sono le tre travi che sfiorano la perfezione di Li 14.500, Liu 14.300 e Chen Yile 14.266, rispettivamente primo, secondo e terzo punteggio parziale.

Elsabeth Black capitana il Canada verso la terza posizione parziale. Al volteggio Shallon Olsen con la media di 14.683 si piazza seconda mentre la Black è quarta con la media di 14.250. La Black si comporta bene anche alla trave, dove insieme alla Padurariu ottengono il sesto e settimo punteggio con 13.533 e 13.500. Brooklyn Moors si distingue con la sua bellissima interpretazione al quadrato ottenendo il terzo punteggio parziale con 13.566 mentre Elsabeth Black commette qualche imprecisione di troppo e si deve accontentare di 13.200.

Le padrone di casa tedesche sotto la guida delle veterane Bui e Seiz concludono una gara abbastanza lineare, con dei picchi al volteggio e alle parallele, dove proprio Elisabeth Seiz porta a casa un 14.800, secondo punteggio d’attrezzo. Da segnalare anche l’ottimo esercizio di Sarah Voss 13.600 alla trave mentre Pauline Schaefer termina l’esercizio con un errore e il punteggio di 11.800, sicuramente la esclude dalla finale d’attrezzo. Nina Derwael trascina il Belgio al quinto posto e comanda in modo indiscusso la classifica parziale delle parallele con un 15.141 e un esercizio da 6.5 di difficoltà che sfiora l’impossibile. Bene anche il suo corpo libero da 13.600, paga invece qualche imprecisione alla trave (13.200). Un periodo negativo che sembra senza fine trascina la Romania dietro ad Australia, Ucraina, Sud e Nord Corea: la giovane squadra rumena non riesce ad andare oltre il decimo posto di giornata, ed è praticamente certa la mancata qualificazione olimpica di squadra. Potrà ancora sperare di qualificare qualche individualista ma la strada per loro è purtroppo in salita. Anche le Ucraine, Bachynska e Varinska, generalmente impeccabili sui 10 centimetri e alle parallele commettono qualche errore di troppo e si tagliano fuori dalla finale d’attrezzo, finendo rispettivamente dodicesima e quindicesima nella classifica generale parziale. L’immensa Chusovitina a caccia della qualificazione per la sua ottava olimpiade purtroppo poggia una mano a terra sul secondo salto al volteggio, un doppio avvitamento 13.333, dopo un Rudi iniziale pressocché perfetto (14.833). La media tra i suoi due salti è di 14.083, ed attualmente la sua posizione in classifica parziale d’attrezzo è al sesto posto. Sempre parlando di volteggio, altra sorpresa delle qualifiche è la sud coreana Yeo Seojeong. Piazza un Rudi da 14.933, secondo solo a quello della francese Friess (15.000 tondo ma non in competizione nella finale al volteggio) e pianta un doppio avvitamento che le valgono il primo posto parziale al volteggio con una media di 14.766.

Appuntamento a domani mattina, ore 9.00 per seguire la diretta scritta della nostra nazionale sui social di Ginnasticando.

Di seguito il link a tutte le classifiche parziali.

https://bit.ly/2MdBud1

Cinque ottobre, nove del mattino: il countdown per la qualificazione olimpica delle Fate è già iniziato. Sveglia puntata ben prima dell'alba, direzione Hanns-Martin-Schleyer-Halle, le Fate scenderanno in campo gara cominciando dalla pedana del corpo libero per aprire la prova della qualificazione in settima suddivisione, la prima della seconda giornata di qualifica. Il Direttore Tecnico Enrico Casella si dichiara soddisfatto della prestazione della squadra nella Prova Podio di lunedì, soprattutto per quanto riguarda le prestazioni a corpo libero e al volteggio, bene anche parallele, le uniche incertezze riguardano invece la trave ma si tratta di una questione puramente logistica: gli ostici 10 centimetri saranno l'ultimo attrezzo che le nostre atlete si troveranno a fronteggiare dopo altri 12 esercizi sugli altri 3 attrezzi. In ogni caso dalla Prova Podio esce un'Italia in forma e pronta per affrontare a testa alta questa qualifica mondiale.

La formazione di qualifica dovrebbe vedere Asia D'Amato, Giorgia Villa ed Elisa Iorio gareggiare su tutti e quattro gli attrezzi, Desiree sicuramente al corpo libero e Alice D'Amato senza dubbio al volteggio e alle parallele. ll terzo esercizio alla trave sarà un nodo che il Direttore Tecnico dovrà sciogliere scegliendo una delle due tra Desiree e Alice.

Le qualifiche cominceranno venerdì 4 ottobre, ore 9.00 e proseguiranno fino alle 21.50 per le prime sei suddivisioni. Le restanti suddivisioni, dalla settima (con l'Italia presente) alla dodicesima, gareggeranno con gli stessi orari il giorno seguente. Non sono previste dirette tv per le prove di qualifica.

A distanza di pochi giorni dalla maggiore competizione nazionale che a Meda ha decretato i nuovi campioni e campionesse d’Italia dell’anno corrente ed è tempo di guardare avanti, direzione Stoccarda.

Lunedì, infatti, al via l’ultimo collegiale pre-partenza a Brescia, all’Accademia Nazionale, dove le convocate Desiree Carofiglio, Alice e Asia D’Amato, Elisa Iorio, Giorgia Villa e Martina Maggio saranno chiamate a presenziare dal 23 al 28 settembre. Il Direttore Tecnico Enrico Casella ha stabilito che gli allenamenti cominceranno alle 8.30 in punto, orario in cui le ginnaste della nazionale dovranno scendere in campo nei giorni di gara della qualifica mondiale per il riscaldamento e alle 9.00 per l'inizio della gara. Casella ha ribadito anche ai microfoni di VolareTv durante gli assoluti che le promesse della Federazione Internazionale di partire con le gare almeno alle 10.00 del mattino non sono state mantenute. Un disagio per la nostra giovane nazionale femminile che si somma a quello di dover gareggiare in prima suddivisione, notoriamente la meno favorevole, soprattutto in un mondiale importante come questo per la qualificazione alle Olimpiadi di Tokyo del prossimo anno.

La sorte avversa è qualcosa che può essere senza dubbio contrastata da una buona dose di preparazione e strategia ed è proprio questo che vuole dimostrare Enrico Casella in questo frangente. È un fatto che le prime sei più forti ginnaste d’Italia costituiscano la squadra nazionale ed è questa la formazione che avrà il compito di qualificare l’Italia tra le prime 9 squadre che avranno accesso alle Olimpiadi (senza contare Usa, Russia e Cina, già qualificate al mondiale precedente). Sicuramente si potrà puntare a qualcosa in più, soprattutto a livello individuale. Sia Giorgia Villa che la neo Campionessa Italiana Asia D’Amato, come anche Elisa Iorio, potrebbero puntare tranquillamente una finale (e, chissà, anche a una medaglia) individuale. Se c’è qualcosa che hanno dimostrato le Fate durante le finali di specialità di questo assoluto è la loro capacità di riuscire bene in ogni attrezzo. Volteggi potenti e puliti, parallele da manuale, travi eleganti ed esercizi espressivi e potenti al corpo libero. La particolarità di questa squadra è proprio la linearità delle prestazioni e la sua potenzialità di riuscire bene in ogni rotazione. Nella ginnastica l’obiettivo è quello di raggiungere la perfezione e la nostra giovane squadra si dovrà scontrare con esso dominando le emozioni e mantenendo alta la concentrazione in tutta la durata della competizione, anche sugli attrezzi più delicati, come la trave e fronteggiando e sostenendo anche qualche errore. Desiree Carofiglio sarà fondamentale per la squadra da Campionessa italiana di specialità al corpo libero, con un esercizio dall’acrobatica originale e potente. Riguardo ad Alice D’Amato e al brutto atterraggio che l’ha costretta ad abbandonare la finale al corpo libero a Meda, Enrico Casella ha rassicurato il pubblico a fine gara quello stesso giorno: si tratta di un infortunio minore che non dovrebbe mettere a rischio la partecipazione di Alice a questo mondiale e ciò significa che Martina Maggio sarà, come da programma e a scanso di sorprese, la riserva.

Non ci resta quindi che aspettare al 28 settembre, giorno in cui la nazionale partirà in pullman alla volta di Stoccarda.

 

Si sono da poco spente le luci sulle pedane di Meda, città che ancora una volta fa da cornice ai campionati Assoluti di Ginnastica Artistica. A salire sul gradino più alto del podio e a incoronarsi come campionessa assoluta all-around 2019 è Asia D'Amato. La brixiana conquista il titolo di migliore ginnasta d'Italia portando a termine una gara composta e senza errori, con un salto al volteggio e un esercizio alle parallele stellari, superando la favorita Giorgia Villa. La campionessa d'Italia in carica, infatti, nonostante un volteggio e delle parallele da manuale, cade alla trave e mette un piede fuori pedana al corpo libero ed è costretta ad accontentarsi del terzo gradino del podio. Seconda, con un'ottima gara alle spalle Desiree Carofiglio, la quale stampa un corpo libero da 13.650, punteggio più alto di giornata su quest'attrezzo a parimerito con solo con la veterana Lara Mori. Ai piedi del podio si lasciano frenare dall'insidiosa trave entrambe le Fate Alice D'Amato e Elisa Iorio, quarta e quinta rispettivamente. Sesta e settime, a fronte di tre buone prestazioni Martina Maggio e l'elegante Giada Grisetti a parimerito con Irene Lanza. Lara Mori sceglie di non saltare al volteggio e si taglia così fuori dal concorso generale, mentre Carlotta Ferlito seppur attesa non scende in campo gara.

Dunque, come da programma, si delinea il sestetto che partirà il prossimo ottobre per i mondiali di Stoccarda, le prime cinque Asia, Desiree, Giorgia, Alice ed Elisa da titolari, e Martina Maggio come riserva. Ottima prospettiva per questa squadra, che a Stoccarda punterà sicuramente alla conquista della qualifica diretta per i giochi Olimpici di Tokyo 2020, puntando sicuramente a migliorare il più possibile due degli attrezzi che l'Italia ha sempre potuto considerare come punti di forza trave e soprattutto corpo libero.

Di seguito i punteggi della classifica All-Around dei campionati assoluti:

1. Asia D'Amato (Brixia Brescia)- 55.200

2. Desiree Carofiglio (Fanfulla 1984)- 55.000

3. Giorgia Villa (Brixia Brescia)- 54.700 

4. Alice D'Amato (Brixia Brescia)- 54.350

5. Elisa Iorio (Brixia Brescia)- 54.150

6. Martina Maggio (Robur Et Virtus)- 53.750

7. Irene Lanza (Reale Società Ginnastica di Torino)- 52.020

7. Giada Grisetti (Sport Bollate)- 52.020

9. Sara Ricciardi (Corpo Libero Gymnastics Team)- 51.350

10. Maria Vittoria Cocciolo (World Sporting Academy)- 51.050

11. Caterina Vitale (Ionica Gym)- 48.250

12. Francesca Noemi Linari (Brixia)- 47.900

13. Alicia De Pirro (Ginnastica Civitavecchia)- 47.600

14. Beatrice Pontoni (Artistica 81 Trieste)- 45.750

Una nuova stagione di fitti e importanti incontri internazionali sta per cominciare per la ginnastica artistica. Dopo il letgargo estivo tornano gli appuntamenti della World Challenge Cup e il primo, a Szombathely in Ungheria, dal 6 all'8 settembre vedrà impegnata anche una delegazione della nostra nazionale maschile. Gli azzurri in gara saranno Lorenzo Galli, Lay Giannini e Roberto Marzocchi e la gara che saranno chiamati a fare consiste in una giornata di qualifica e in un'altra di finali di specialità ad otto. Lorenzo sarà impegnato al cavallo con maniglie, alle parallele pari e alla sbarra; Lay al corpo libero, al volteggio, alle parallele pari e alla sbarra e Roberto al corpo libero, al cavallo e agli anelli.

Al femminile non ci sarà una delegazione italiana, altri nomi di interesse potrebbero essere quello della spagnola Roxana Popa, della canadese Rebecca Dowling, la tedesca Jeanine Berger e dell'ucraino argento olimpico Oleg Vernaiev. 

  1. Popular
  2. Trending
  3. Comments