sabato 20 Luglio 2024
23.5 C
Rome
sabato 20 Luglio 2024

Allenatrice condannata per abuso dei mezzi di correzione dal Tribunale di Treviso

In Evidenza

Moira Ferrari è stata dichiarata colpevole per il reato di abuso dei mezzi di correzione ex art. 571 del codice penale.

Le indagini furono avviate in seguito a un esposto dei genitori di una ex ginnasta della Gymnasium. Essi denunciarono due occasioni nelle quali la figlia avrebbe ricevuto delle sberle dall’allenatrice. Gli episodi risalgono a metà 2016 il primo e al Gennaio 2017 il secondo.

La sentenza di primo grado è arrivata ieri, lunedì 24 giugno, dopo circa otto mesi dalla prima udienza. Ferrari è stata condannata a due mesi di reclusione poiché le sono state riconosciute le attenuanti generiche (il massimo della pena per il reato ascrittole è di sei mesi). La pena è stata comminata con la sospensione condizionale.

L’allenatrice è stata altresì condannata a pagare una provvisionale di quattromila euro alle persone offese. Si tratta della giovane ginnasta, all’epoca dei fatti minorenne, e della madre che, in qualità di tutrice, aveva avanzato la denuncia alle autorità competenti.

La sospensione condizionale indica cha la pena è provvisoriamente sospesa, a condizione che la persona non commetta un nuovo reato della stessa indole.
La provvisionale è una somma di denaro liquidata dal giudice a favore della parte lesa, come anticipo sull’importo integrale che le spetterà in via definitiva.

Il pubblico ministero e l’avvocato di parte civile avevano richiesto una riqualificazione che portasse alla modifica del reato contestato a Ferrari: da quello di abuso dei mezzi di correzione a quello di maltrattamenti.

Attraverso le testimonianze portate in aula, infatti, hanno cercato di dimostrare l’abitualità dei comportamenti di Ferrari. Il comportamento lesivo abituale che si protragga per un certo lasso di tempo è un elemento imprescindibile per il reato di cui all’art. 572 del codice penale. Il giudice del Tribunale di Treviso però, non ha accolto la loro richiesta.

Il giudice Iuri De Biasi ha trasmesso alla Procura gli atti che riguardano la deposizione di Adriana Crisci, ex ginnasta della Nazionale Italiana.

Gli episodi risalgono a otto e sette anni fa.

Segui GINNASTICANDO.it sui social

Giulia Silvestri
Giulia Silvestri
Nata e cresciuta a Bologna, laureata in giurisprudenza, ho una passione viscerale per la ginnastica. Da quando avevo 11 anni, a fasi alterne tra vari problemi fisici, sono sempre tornata al mio amato tavolato. Da qualche anno ho iniziato a praticare parkour. Giornalista pubblicista - tessera numero 186666

Podcast - Gymnastics Heroes


GINNASTICANDO.it è sempre gratuito, senza alcun contenuto a pagamento. Un tuo aiuto varrebbe doppio: per l'offerta in sé, ma anche come segno di apprezzamento per il nostro lavoro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altri Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime Notizie