sabato 20 Luglio 2024
23.5 C
Rome
sabato 20 Luglio 2024

Parkour: parte della nazionale in tour con Sfera Ebbasta

In Evidenza

Una parte degli atleti che fanno o hanno fatto parte della nazionale italiana di Parkour, sta prendendo parte al tour di Sfera Ebbasta.

Mario Russo, Davide Rizzi, Rosario Barile e Fausto Vicari hanno partecipato ai casting per entrare a far parte del gruppo di ballerini e performers che sta accompagnando il trapper Sfera Ebbasta nel tour negli stadi del 2024.

Rizzi, Barile e Vicari hanno partecipato alla prima edizione del mondiale di Parkour del 2021; mentre Russo ha fatto parte della nazionale per diversi anni, prendendo parte a diverse World Cup.

La prima tappa del tour si è tenuta il 15 giugno 2024 allo Stadio Teghil di Lignano Sabbiadoro. Per Vicari è stata un’esperienza molto bella, dove si è respirata una grande energia. Il pubblico, che ha apprezzato molto la performance che ha fatto da cornice al concerto, è stato parte integrante di questa forza trasmessa alla crew.

La prossima tappa si terrà in data odierna nello stadio San Siro; seguirà poi domani la seconda data di Milano.

L’ultima tappa del tour di Sfera Ebbasta, che ha accolto al suo interno lo sport del Parkour, sarà a Messina, nello Stadio San Filippo il 6 luglio.

Per quanto riguarda gli impegni dei traceurs italiani, il prossimo appuntamento del Parkour saranno i campionati nazionali. Gli stessi si terranno a Rimini, durante l’edizione estiva della Ginnastica in Festa in scena dal 25 giugno al 3 luglio.

Segui GINNASTICANDO.it sui social

Giulia Silvestri
Giulia Silvestri
Nata e cresciuta a Bologna, laureata in giurisprudenza, ho una passione viscerale per la ginnastica. Da quando avevo 11 anni, a fasi alterne tra vari problemi fisici, sono sempre tornata al mio amato tavolato. Da qualche anno ho iniziato a praticare parkour. Giornalista pubblicista - tessera numero 186666

Podcast - Gymnastics Heroes


GINNASTICANDO.it è sempre gratuito, senza alcun contenuto a pagamento. Un tuo aiuto varrebbe doppio: per l'offerta in sé, ma anche come segno di apprezzamento per il nostro lavoro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altri Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime Notizie