mercoledì 24 Luglio 2024
23.7 C
Rome
mercoledì 24 Luglio 2024

Simone Biles Rising: il documentario targato Netflix in arrivo il 17 luglio

In Evidenza

Il 17 luglio arriva su Netflix “Simone Biles Rising”, il documentario ufficiale sulla Greatest of All Times della Ginnastica Artistica femminile.

Il documentario si incentrerà sul ritorno della stella statunitense che, dopo le Olimpiadi di Tokyo, si era presa un periodo di pausa.

Proprio oggi, la piattaforma streaming ha rilasciato il trailer ufficiale:

Nel trailer, in cui compaiono la stessa Biles, la sua famiglia, i suoi allenatori e alcune sue compagne di squadra tra cui Aly Raisman, viene evidenziato il lato umano oltre a quello agonistico.

Infatti, la catch phrase del documentario è proprio “She’s the greatest in the world. She’s also human” (È la più grande al mondo. È anche umana).

Il film, dunque, seguirà il percorso di Simone Biles da Tokyo alla Road to Paris che sarà raccontato da lei stessa e dalle persone a lei vicine.

«Sapevo che sarebbe stato un percorso lungo, ma per me non era finita», dice Biles in una clip del trailer.

E infatti, negli ultimi mesi, la abbiamo vista riconquistare le pedane da cui si era allontanata con un unico obiettivo, che comunica lei stessa: scrivere da sola il proprio finale.

US Championships: Simone Biles da record; annunciate le squadre nazionali in vista degli Olympic Trials 2024

Dal 17 luglio, quindi, Simone Biles Rising sarà disponibile in streaming su Netflix e tutto il mondo potrà sentire la storia raccontata dal punto di vista più importante, quello di chi ha percorso tutta la strada.

Segui GINNASTICANDO.it sui social

Michela Cintioli
Michela Cintioli
Lavoro nel mondo dell'editoria per bambini e nel tempo libero mi dedico alla mia grande passione: la ginnastica. Ho lasciato il mio cuore (e un menisco) in palestra, ma continuo a seguire le gare, tra gioie e dolori.

Podcast - Gymnastics Heroes


GINNASTICANDO.it è sempre gratuito, senza alcun contenuto a pagamento. Un tuo aiuto varrebbe doppio: per l'offerta in sé, ma anche come segno di apprezzamento per il nostro lavoro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altri Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime Notizie