mercoledì 19 Giugno 2024
23.8 C
Rome
mercoledì 19 Giugno 2024

Lewinska-Tugolukova: la Federazione di Ginnastica polacca presenta ricorso alla FIG e al GEF per il pass olimpico

In Evidenza

La corsa per il posto continentale ai Giochi Olimpici di Parigi 2024 si è trasformato in uno degli eventi più chiacchierati dei Campionati Europei di Ginnastica Ritmica a Budapest.

Sin dal primo giorno di qualifiche, il testa a testa per il pass olimpico tra la cipriota Vera Tugolukova e la polacca Liliana Lewinska ha tenuto alta l’attenzione del pubblico su questo importante obiettivo, che – ancora solo sulla carta – è stato raggiunto dalla ginnasta di Cipro.

Il testa a testa tra Tugolukova e Lewinska per il pass olimpico durante gli Europei di Budapest

Per chi non avesse seguito la vicenda, il pass olimpico continentale è accessibile a una sola ginnasta individualista per continente la cui nazione non ha qualificato nessun posto per Parigi nei precedenti Campionati Mondiali di Valencia 2023 e Sofia 2022. Inoltre, il regolamento FIG della qualifica olimpica prevede che siano le Federazioni continentali a dover decidere se assegnare il pass olimpico delle Individualiste con la classifica della finale o con quella delle qualifiche. La European Gymnastics nel Work Plan (datato 7 maggio 2024) ha stabilito che quella valida per l’assegnazione del pass fosse la classifica di qualifica, quella con la somma dei punteggi ottenuti nei giorni del 23 e 24 maggio.

In quest’ottica Tugolukova si è classificata undicesima con 99.700 e Lewinska tredicesima con 98.350 punti. Il gap tra le due col conteggio completo dei quattro attrezzi (per la classifica AA vengono conteggiati solo i tre migliori punteggi, scartando quello più basso, ma per la qualifica olimpica vengono conteggiati tutti e quattro i punteggi) è ancora più ridotto: 130.550 per la cipriota e 130.300 per la polacca.

Foto concessa a uso editoriale dall’organizzazione di Budapest 2024

Già al termine della seconda giornata di gare diversi membri della Federazione polacca di Ginnastica e la stessa Liliana Lewinska sui social hanno espresso dissenso relativo ai punteggi ottenuti durante la fase di qualifica. La protesta è proseguita anche nei giorni seguenti, al netto di risultati della finale All-Around del 25 maggio dove Lewinska ha concluso la gara al decimo posto con 130.800 punti e Tugolukova si è piazzata sedicesima (128.550).

Stando alle dichiarazioni rilasciate il 24 maggio alla testata Polsat Sport, la Federazione polacca ha lamentato diversi interventi sui punteggi della propria ginnasta da parte della Giuria Superiore. Tale giuria ha tra i suoi compiti (per semplificare quanto si può apprendere più nello specifico nelle norme tecniche del Codice dei Punteggi) quello di supervisionare il lavoro dei giudici e di intervenire quando ritiene che i punteggi assegnati a un esercizio siano troppo alti o troppo bassi. Durante le qualificazioni dei Campionati Europei è stata la cipriota Evangelia Trikomiti a presiedere questa giuria, ed è per questo motivo che la Federazione polacca è insorta, gridando allo scandalo.

Faccio sport e ginnastica da 40 anni e ho visto molte cose strane, ma ciò che è successo qui, soprattutto il primo giorno di qualificazioni, è una chiara distorsione della classifica! Quasi ogni valutazione di Liliana è stata bloccata e verificata a suo discapito. A nostro avviso, la posizione del Presidente del Comitato Tecnico [Evangelia Trikomiti ndr.] è stata utilizzata per far ottenere la qualifica olimpica alla rappresentante del suo paese“, sono state le parole a caldo del presidente della Federazione polacca Leszek Blanik.


La posizione del Presidente Blanik è stata ripresa da tantissimi fan della ritmica online, che da diversi giorni ormai aspettano l’ufficializzazione della qualifica ottenuta da Vera Togulokova da parte della Federazione internazionale che, tutt’oggi, non è ancora arrivata.

La conferma del ricorso della Federazione polacca alla FIG e al GEF per la quota olimpica

Ieri pomeriggio in una nuova intervista a Polsat Sport è arrivata la conferma del ricorso formale da parte della Polonia, che si è appellata alla FIG e al Comitato Etico di Ginnastica (GEF, Gymnastics Ethics Foundation) non solo attraverso la propria Federazione di Ginnastica ma coinvolgendo anche il Comitato Olimpico polacco. La loro richiesta alla FIG e al GEF è quella di indagare su eventuali irregolarità intercorse nel giudizio dei punteggi durante gli Europei di Budapest. “Questo scandalo ha toccato persone in tutta Europa. Spero chi l’ha causato ne affronti le conseguenze. Combattiamo fino alla fine e crediamo non solo nella giustizia, ma anche nel karma“, ha affermato ieri il Presidente Blanik.

Al momento non sono ancora arrivate repliche in merito da parte della Federazione cipriota, né dalla European Gymnastics, a capo all’organizzazione di questo importante evento. È un fatto, però, che la competizione europea in questo sport sia spietata. Il livello della gara è così alto da poter considerare tranquillamente questa competizione come un banco di prova per i Giochi Olimpici di quest’estate.

Le ginnaste interessate dalla vicenda del pass olimpico, Lewinska e Tugolukova, sono due giovanissimi talenti della Ritmica, che hanno rappresentato i propri paesi per la prima volta da Senior in una gara di rilievo del panorama internazionale. Lo scorso anno, infatti, entrambe erano Junior e non hanno potuto partecipare alla rincorsa del pass olimpico ai Mondiali di Valencia. Comunque vada, Lewinska in questi Europei ha già fatto la storia: con l’argento alle clavette è la prima ginnasta individualista di sempre ad aver conquistato una medaglia europea per la Polonia.

La spinosa questione che riguarda il pass, invece, è rimessa nelle mani della Federazione Internazionale di Ginnastica, che entro l’8 luglio dovrà presentare la lista completa di ginnaste partecipanti ai Giochi Olimpici di Parigi 2024.

Vera Tugolukova e Liliana Lewinska sono entrambe ginnaste del 2008, giovanissime che hanno trovato il modo di distinguersi anche durante le loro carriere da Junior.

La polacca Lewinska è allenata da sua madre Krystyna Leśkiewicz-Lewinska, atleta olimpica di Atlanta 1996. Nel suo primo europeo da Junior nel 2022 ha vinto tre medaglie nelle finali di specialità e ai Campionati del Mondo Junior del 2023 è stata incoronata campionessa del mondo alle clavette e al nastro.

Vera Tugolukova è una ginnasta nata e cresciuta in Russia che ha ottenuto il cambio di licenza da russa a cipriota alla fine del 2022, seguendo i genitori che vivono e lavorano a Cipro. Lo scorso anno ha partecipato a numerose gare internazionali sotto la bandiera cipriota; anche lei è approdata in diverse finali dei Mondiali Junior, senza però vincere nessuna medaglia. Quest’anno al suo esordio da Senior ha conquistato diverse medaglie nella prima edizione della European Cup e anche un bronzo al nastro nella World Cup di Atene.

spot_img

Segui GINNASTICANDO.it sui social

Mariacarmela Brunetti
Mariacarmela Brunetti
Nata e cresciuta nel magico Sannio, la mia seconda casa da anni è Roma, dove sto per conseguire una laurea in Ingegneria. Faccio parte di GINNASTICANDO.it dal 2015 e attualmente sono Vicedirettrice, oltre che Editorialista e Redattrice.

Podcast - Gymnastics Heroes


GINNASTICANDO.it è sempre gratuito, senza alcun contenuto a pagamento. Un tuo aiuto varrebbe doppio: per l'offerta in sé, ma anche come segno di apprezzamento per il nostro lavoro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altri Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime Notizie