martedì 21 Maggio 2024
29.1 C
Rome
martedì 21 Maggio 2024

Artistica, Europei Junior 2024: tutti i risultati delle quattro suddivisioni

In Evidenza

Ai padiglioni della Fiera di Rimini è ufficialmente iniziata anche la gara Junior di questi Campionati Europei Junior 2024.

Suddivisione 1

Nella prima suddivisione di giornata si sono susseguite le ginnaste junior di Spagna, Svizzera, Croazia e Ucraina.

Si piazza al comando della classifica provvisoria All-Around XXX. Colpisce il corpo libero di Joya Duebi che presenta difficoltà come tsukahara e doppio avvitamento e mezzo dietro (12.133), e quello della compagna Walser (12.233) Si distingue alle parallele l’ucraina Kristina Hrudetska (D 4.9, 12.566) per l’eleganza delle sue linee e la precisione. Al volteggio la migliore provvisoria è Kea Walser con una media di 12.783 (VT1 13.033, VT2 12.533).

Al momento la classifica provvisoria All-Around è guidata dalla svizzera Kea Walser con 48.699.

Al termine della prima suddivisione troviamo Svizzera al primo posto (143.130), seguita da Ucraina (143.062), Spagna (139.663) e Croazia (128.930).

Suddivisione 2 – La gara dell’Italia

Nella seconda suddivisione hanno gareggiato Romania, Islanda, Italia, Finlandia, Grecia, Germania, Repubblica Ceca e il gruppo misto.

La tedesca Madita Mayr si piazza al primo posto provvisorio al volteggio, con una media di 12.800. Si distingue alla trave la rumena Blanaru che totalizza 12.400, ma anche la tedesca Mayr che totalizza 13.066.

La squadra italiana junior ha oggi schierato le azzurrine Emma Puato, Artemisia Iorfino, Giulia Perotti, Emma Fioravanti e Benedetta Gava.

L’Italia inizia la sua gara alle parallele dove Emma Puato apre alla grande la rotazione delle azzurrine con un esercizio ben eseguito e con uscita stoppata (12.366). Segue la compagna Giulia Perotti, supportata dal suo allenatore Enrico Pozzo, con un altro esercizio magistrale che le conferisce il punteggio di 13.733 (D 5.7, E 8.033). Anche la compagna Emma Fioravanti porta a termine il suo esercizio con il punteggio di 12.066. Benedetta Gava chiude la rotazione dell’Italia con una caduta a katchev, ma prosegue e termina bene la routine (11.266).

Il parziale dell’Italia dopo la prima rotazione è di 38.165 e si posiziona al secondo posto provvisorio dietro la Romania (38.799).

La rotazione alla trave non è stata molto fortunata per le azzurrine, che pagano due cadute da parte di Puato e altre due da parte di Fioravanti che ottengono rispettivamente 10.333 e 11.166. Purtroppo anche la prova di Perotti viene sporcata da una caduta dalla serie acrobatica dietro (12.433). Gava chiude la rotazione alla trave per l’Italbaby con un esercizio privo di errori, che ridona sicurezza alla squadra (11.833).

Al termine della seconda rotazione l’Italia ha totalizzato un parziale di 73.597, dietro alla Germania di pochi decimi.

Ancora una volta è Emma Puato ad aprire la rotazione per l’Italia, questa volta al corpo libero. Puato esegue un esercizio elegante e impeccabile, tsukahara e triplo avvitamento molto ben controllati e concetto di artisticità centrato a pieno (12.700). Giulia Perotti incanta il pubblico con un esercizio magistrale dall’inizio alla fine che le conferisce il punteggio di 13.166 (0.3 di penalità). Benedetta Gava mantiene alta la carica energetica del Team Italia, eseguendo un esercizio ricco di difficoltà (tsukahara, doppio raccolto dietro, ribaltata doppio avvitamento avanti, doppio carpio dietro) che viene valutato dalla giuria con un ottimo 12.833. Anche Fioravanti decide di ingranare la marcia e volare in ogni passaggio acrobatico, dal teso + doppio avanti al doppio teso dietro: 13.266 per lei, che la conduce al comando della classifica provvisoria di specialità.

Il parziale dell’Italia dopo la terza rotazione è di 112.862 e si trova al comando della classifica parziale.

L’ultima rotazione per le azzurrine si è svolta al volteggio. Giulia Perotti inaugura la rincorsa del volteggio con un avvitamento molto ben eseguito (13.166). Fioravanti presenta, invece, due salti per puntare alla finale a squadre: ribaltata teso (13.366) e tsukahara teso con avvitamento (13.233), per una media di 13.299. Anche Emma Puato presenta i due salti, questa volta sono un avvitamento e mezzo dallo yurchenko e, successivamente, un avvitamento: media 13.299 (VT1 13.433, VT 2 13.166). Chiude la gara Benedetta Gava che presenta un doppio avvitamento (13.866) e un avvitamento (13.033), per una media di 13.449.

L’Italia termina la sua gara con un totale di 153.527 e in prima posizione.

Giulia Perotti è al momento al primo posto nella classifica All-Around con 52.498, seguita da Emma Fioravanti con 49.864 e Benedetta Gava con 49.798.

Suddivisione 3

La terza suddivisione ha visto protagoniste le ginnaste di Polonia, Ungheria, Portogallo, Azerbaijan, Irlanda, Slovenia, Gran Bretagna, Belgio e Austria.

Questa suddivisione è caratterizzata da un inizio un po’ difficile per la Gran Bretagna alla trave, che paga alcuni errori di troppo (35.466). Anche il Portogallo purtroppo paga qualche caduta, nonostante il potenziale delle proprie atlete a questo attrezzo.

Al corpo libero si distingue la britannica Shantae-Eve Asiedua Amankwaah, che con il suo 12.400 e le buone prestazioni delle compagne ha regalato alla Gran Bretagna un parziale di 36.600. La britannica compete con una nota D pari a 5.0 anche alle parallele, dove ottiene 12.800, posizionandola al secondo posto provvisorio.

La belga Sien Ghekiere figura tra le migliori di giornata alle parallele con il punteggio di 12.566. Al volteggio si esprime al meglio la britannica Priestley che con due ottimi salti (VT1 12.833, VT2 12.700, media 12766) può aspirare alla finale di specialità. Nota di merito anche per la belga Vieuxtemps che, con un’esecuzione di 8.266, si posizione tra le prime posizioni alla trave (12.666), come anche la connazionale Dupont (12.700).

Al termine della terza suddivisione l’Italia è ancora in prima posizione provvisoria, come anche Giulia Perotti nell’All-Around. Al secondo posto di squadra troviamo il Belgio (148.662) e al terzo la Germania (148.063), mentre la Gran Bretagna è al quarto posto (147.531).

Suddivisione 4

Norvegia, Francia, Kosovo, Israele, Svezia, Danimarca, Turchia, Lettonia, Paesi Bassi, Malta e Slovacchia sono le ultime nazioni in gara in questa quarta suddivisione.

Elena Colas (FRA) è sicuramente tra le migliori performer di questa suddivisione. Stupisce da subito al volteggio con un ottimo doppio avvitamento da 13.866 che, facendo media con il secondo salto, la pone al primo posto di specialità. Anche alle parallele, la Francia porta esercizi di alto valore: tra i migliori quello di Colas (13.900, D 6.0, E 7.9) e Chassat (12.900). Denechere si piazza ai vertici della classifica provvisoria alla trave con un ottimo 12.700; anche le compagne Ayuso, Prat e Colas eseguono due ottimi esercizi, ottenendo rispettivamente 12.566, 12.833 e 12.466 (con caduta).

Anche al corpo libero le francesi riescono nell’impresa e portano a casa esercizi impeccabili. Denechere, con una difficoltà di 5.1, esegue un esercizio coinvolgente e carica di esplosività (12.933). Infine, anche la compagna Colas, non a caso nuova Campionessa Europea All-Around, incanta il pubblico della Fiera di Rimini con 13.033.

spot_img

Segui GINNASTICANDO.it sui social

Martina Paganelli
Martina Paganelli
Nata e cresciuta a Bologna, attualmente vivo, mi alleno e lavoro nell'ambito della ginnastica a Civitavecchia. Ho 24 anni e sono entrata in contatto con questo meraviglioso sport all'età di 7, senza mai smettere di amarlo. Sono studentessa magistrale in Lingue per la Comunicazione Internazionale, amo scrivere e, since 2012, grande fan di @Ginnasticandoit, quindi eccomi qua!

Podcast - Gymnastics Heroes


GINNASTICANDO.it è sempre gratuito, senza alcun contenuto a pagamento. Un tuo aiuto varrebbe doppio: per l'offerta in sé, ma anche come segno di apprezzamento per il nostro lavoro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altri Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime Notizie