mercoledì 22 Maggio 2024
21.7 C
Rome
mercoledì 22 Maggio 2024

Artistica, Europei Junior 2024: Incredibile Italia, azzurrini d’argento a Rimini

In Evidenza

Alla Fiera di Rimini si è appena conclusa la gara di qualifica dell’Italia Junior ai Campionati Europei 2024, che ha consegnato nelle mani di una meravigliosa Italia la medaglia d’argento.

L’Italia, composta da Tommaso Brugnami, Manuel Berettera, Pietro Mazzola, Diego Vazzola e Simone Speranza, ha gareggiato in seconda e penultima suddivisione e ha dovuto attendere fino a poco fa la conclusione della gara della Suddivisione 3 per conoscere l’esito della sua splendida prestazione. Un’emozione unica quella di vedere un team così unito che, come un tutt’uno, è riuscito a conquistare un posto sul podio in casa.

La gara dell’Italia Junior agli Europei di Rimini 2024

Cavallo con maniglie

Il primo degli azzurrini a rompere il ghiaccio col campo gara è Diego Vazzola ,che chiude un esercizio dal buon ritmo con solo alcune piccole sbavature, il cui punteggio è ottimo: 13.100. Manuel Berettera sale sull’attrezzo per fare bene e lo dimostra l’8.6 di esecuzione del suo punteggio da 13.200. Acclamato dal pubblico azzurro presente in gara, Tommaso Brugnami conclude il terzo esercizio della rotazione e assicura all’Italia un 13.033. Ultimo azzurro in campo Pietro Mazzola, che ottiene un 12.866 che tiene alto il livello della rotazione italiana; il suo punteggio, però, viene scartato in favore dei punteggi più alti dei compagni.

Il parziale totale dell’Italia Junior dopo la prima rotazione è 39.333.

Anelli

Sul castello degli anelli sale per primo Manuel Berettera. Ottima l’esecuzione del suo esercizio, da 4.2 di nota D, che frutta all’Italia 12.900 ma non viene considerato al fine del punteggio di squadra perché è più basso rispetto a quello dei compagni. Molto bene l’esercizio di Diego Vazzola, sporcato solo da una verticale non perfettamente tenuta, ma concluso con un’uscita quasi inchiodata sul tappetino (13.000). Simone Speranza chiude un esercizio da 12.933 punti, frutto di una tenuta di gara magistrale e sporcato solo da un grosso passo sull’arrivo. A terminare la rotazione Tommaso Brugnami; qualche leggera oscillazione nel suo esercizio che non inficia molto sul suo ottimo 13.300.

Il parziale totale dell’Italia Junior dopo la seconda rotazione è 78.566.

Volteggio

Inchiodato a terra il salto di Pietro Mazzola, che apre la rotazione azzurra sulla tavola con un ottimo 13.866. C’è spavento per l’arrivo falloso di Manuel Berettera dal Kasamatsu (12.766), ma l’atleta bresciano torna in panchina camminando normalmente e sembra che stia bene. Seguono i superlativi due salti al volteggio di Tommaso Brugnami: il marchigiano riesce a ottenere 14.333 nel primo salto (utile al punteggio di squadra) e 14.300 nel secondo, valido per calcolarne la media al volteggio di 14.316, con la quale passa al comando della classifica d’attrezzo. Simone Speranza chiude la rotazione dell’Italia con un ottimo salto da 14.000 punti netti.

Il parziale totale dell’Italia Junior dopo la terza rotazione e a metà gara è 120.765, punteggio che assesta la squadra in secondo posto a pochissimi decimi dalla Francia.

Parallele pari

Ottimo inizio per gli azzurrini alle parallele pari con Manuel Berettera, che porta a conclusione l’esercizio con un buon doppio carpio e riscatta l’errore della rotazione precedente con il punteggio di 12.833. Pietro Mazzola risponde presente anche in quest’attrezzo e mette in archivio per la squadra e per il suo parziale personale 12.700, che lui e il team azzurro non accettano. Una volta chiesto il ricorso, il suo punteggio diventa un 13.000. Inchioda a terra il suo doppio carpio d’uscita Tommaso Brugnami, il cui esercizio viene giudicato con 12.966 punti. Peccato per una verticale non tenuta ottimamente che porta qualche piccola deduzione all’esercizio, altrimenti ottimo, di Diego Vazzola (12.700).

Il parziale totale dell’Italia Junior dopo la quarta rotazione è di 159.564; l’Italia è sempre alle spalle della Francia, dopo il ricorso di Mazzola di un soffio.

Sbarra

Alla sbarra si susseguono quattro buoni esercizi degli azzurri, di cui il migliore è quello di Manuel Berettera. L’azzurrino esulta dopo l’uscita inchiodata a terra e porta a termine un esercizio che chiude la rotazione dell’Italia con 13.300. Prima di lui si sono susseguiti sull’attrezzo Pietro Mazzola con 12.700, il lineare esercizio di Diego Vazzola da 13.133 e il 12.766 di Tommaso Brugnami.

Il parziale dell’Italia Junior dopo la quinta e penultima rotazione è 198.730 punti.

Corpo Libero

L’Italia chiude la sua gara al corpo libero. Diego Vazzola diagonale dopo diagonale è pulito e preciso e ottiene 13.200. Molto elegante il corpo libero di Simone Speranza; l’azzurrino poggia un piede fuori pedana nella prima diagonale, ma poi porta a termine un esercizio esemplare da 13.400. Manuel Berettera decide di chiudere la sua gara in grande stile con un esercizio magistrale da 13.900. Rincara la dose Tommaso Brugnami con delle diagonali messe a segno con precisione chirurgica che fruttano all’Italia un 14.200 che sigla ufficialmente il sorpasso alla Francia e il primo posto provvisorio.


Il punteggio totale degli azzurrini al termine della gara è dunque di 240.230 punti, che sigla il sorpasso definitivo alla Francia. La gara è gara, però, e l’Inghilterra inserisce la stoccata in ultima suddivisione. La squadra inglese, che ha ruotato nello stesso ordine d’attrezzi dell’Italia in ultima suddivisione, arriva nell’ultima rotazione al corpo libero a un soffio (0.263 decimi) dal punteggio azzurro. Tutto si è deciso al corpo libero, dove la Gran Bretagna ha guadagnato l’oro di squadra a soli 28 centesimi dagli azzurri.

Sia Brugnami (80.565) che Berettera (78.899) chiudono la loro gara All-Around in modo ottimale e si qualificano brillantemente per la finale di domenica 28 aprile. Non finisce qui, però: rivedremo l’Italia Junior impegnata in tante finali d’attrezzo in questi Europei 2024 anche sabato 27 aprile su SportFaceTV.

spot_img

Segui GINNASTICANDO.it sui social

Mariacarmela Brunetti
Mariacarmela Brunetti
Nata e cresciuta nel magico Sannio, la mia seconda casa da anni è Roma, dove sto per conseguire una laurea in Ingegneria. Faccio parte di GINNASTICANDO.it dal 2015 e attualmente sono Vicedirettrice, oltre che Editorialista e Redattrice.

Podcast - Gymnastics Heroes


GINNASTICANDO.it è sempre gratuito, senza alcun contenuto a pagamento. Un tuo aiuto varrebbe doppio: per l'offerta in sé, ma anche come segno di apprezzamento per il nostro lavoro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altri Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime Notizie