mercoledì 22 Maggio 2024
28.1 C
Rome
mercoledì 22 Maggio 2024

Ritmica: quattro medaglie alle finali di specialità a Baku, terza tappa di World Cup

In Evidenza

Si sono appena concluse le finali di specialità della World Cup di ginnastica ritmica a Baku.

Nelle prime due giornate di gara le azzurre conquistano due medaglie nel circuito All Around, argento per la squadra e bronzo per Sofia Raffaeli, e un ottimo undicesimo posto per Tara Dragas. 

Finali individuali di specialità della World Cup di Baku 2024.

 Cerchio

Prima finale per le due azzurre Sofia Raffaeli e Tara Dragas che portano a termine un’ottima gara. Esecuzione superlativa di Sofia che con difficoltà ben eseguite e l’espressività che la contraddistingue si piazza sul secondo gradino del podio con un 35.500, ad un soffio dalla tedesca Varfolomeev che con 35.550 conquista la medaglia d’oro. Ai piedi del podio Eva Brezalieva che con precisione e sicurezza porta a casa un 34.650. Tara Dragas termina in quarta posizione, con un’esecuzione impeccabile ed emozionante stacca un 34.350.

Classifica cerchio 
  1. Darja Varfolomeev 35.550
  2. Sofia Raffaeli 35.500
  3. Eva Brezalieva 34.650
  4. Tara Dragas 34.350
  5. Zohra Aghamirova 33.600
  6. Polina Berezina 32.950
  7. Elvira Krasnobaeva 32.100
  8. Anastasia Simakova 30.650
Palla

Darja Varfolomeev di nuovo in testa alla classifica con una precisione quasi assoluta che le vale un 34.200, a seguire un parimerito di 33.800 tra Eva Brezalieva e Taisiia Onofriichuk che si risolve in favore della ginnasta bulgara che si piazza così al secondo posto. 

Sofia Raffaeli si ferma al quarto posto a causa di qualche imprecisione anche se mantenendo la concentrazione riesce comunque a chiudere una buona esecuzione. Tara Dragas si piazza in sesta posizione ma dimostra un’ottima tenuta di gara in una palla elegante e molto espressiva 

Classifica palla
  1. Darja Varfolomeev 34.200
  2. Eva Brezalieva 33.800
  3. Taisiia Onofriichuk 33.800
  4. Sofia Raffaeli 32.500
  5. Elvira Krasnobaeva 32.300
  6. Tara Dragas 30.950
  7. Margarita Kolosov 30.550
  8. Polina Berezina 29.600

Clavette

La nostra Sofia Raffaeli conquista una meritata medaglia d’oro, eseguendo un esercizio da brividi valutato 34.550. Al secondo posto Taisiia Onofriichuk che porta a termine un esercizio pulito da 33.800, a seguire Darja Varfolomeev con 33.550 in un esercizio segnato da una perdita che la costringe a scendere sul terzo gradino del podio. 

 Classifica clavette 
  1. Sofia Raffaeli 34.550 
  2. Taisiia Onofriichuk 33.800
  3. Darja Varfolomeev 33.550 
  4. Margarita Kolosov 32.750
  5. Krasnobaeva Elvira 33.250
  6. Yertaikyzy Aibota 30.300
  7. Zilu Wang 30.100
  8. Alba Bautista 29.050
Nastro

Darja Varfolomeev conquista la sua terza medaglia d’oro di giornata nell’ultima finale di specialità con un esercizio di precisione totale valutato 33.400. A un soffio dalla tedesca la bulgara Krasnobaeva con un’esecuzione convincente da 33.350 ottiene il secondo gradino del podio, seguita da Taisiia Onofriichuk con la sua interpretazione di Mary Poppins e un punteggio di 33.200. Non presenti le nostre azzurre in questa finale, incappate in esercizi fallosi durante le qualifiche.

Classifica nastro 
  1. Darja Varfolomeev 33.400
  2. Elvira Krasnobaeva 33.350
  3. Taisiia Onofriichuk  33.200
  4. Alina Harnasko 33.000
  5. Emilia Heichel 31.200 
  6. Zohra Aghamirova 30.600
  7. Eva Brezalieva 30.150 
  8. Natalya Usova 27.850 

Finali di squadra.

Cinque cerchi

Il Giappone guida la prima finale di specialità a Baku per le squadre con un ottimo 36.450 e un esercizio con pochissime sbavature. L’Italia esegue un esercizio magistrale che tiene col fiato sospeso, purtroppo penalizzato da una perdita di scambio che le ferma al secondo posto con 36.250. Sull’ultimo gradino del podio la squadra  di casa che con un’ottima routine ottiene 36.100. 

Classifica cinque cerchi 
  1. Giappone 36.450 
  2. Italia 36.250
  3. Azerbaijan 36.100
  4. Cina 35.750
  5. Ucraina 35.450 
  6. Bulgaria 35.350 
  7. Spagna 33.00
  8. Messico 32.650 
Esercizio misto

Un’ultima finale piuttosto problematica per le squadre, che si trovano ad affrontare diversi errori. Le azzurre non combino gravi perdite ma incontrano qualche imprecisione che le piazza sul terzo gradino del podio alle spalle della Spagna che guadagna una medaglia d’argento con 33.150. Al primo posto di nuovo il Giappone a sorpresa con un esercizio molto ben eseguito che vale un punteggio di 33.350. 

Classifica misto
  1. Giappone 33.350 
  2. Spagna 33.150
  3. Italia 32.850 
  4. Bulgaria 32.850 
  5. Cina 31.300 
  6. Azerbaijan 30.200
  7. Ucraina 28.850 
  8. Messico 26.100 
Foto: Marco Calia per Ginnasticando.it

Si conclude la terza tappa di World Cup a Baku con due medaglie nel All Around e quattro nelle finali di specialità per le nostre azzurre, ora non resta che guardare al prossimo appuntamento, che sarà la World Cup di Tashkent dal 26 al 28 Aprile. 

spot_img

Segui GINNASTICANDO.it sui social

Alice Eufemi
Alice Eufemihttps://gravatar.com/aliceeu15b04d98a7
Dalla ritmica all'aerobica, la ginnastica fa parte di me da quando avevo 4 anni. Nel 2022 ho iniziato Scienze della comunicazione a Roma e da ginnasta sono diventata allenatrice. Fin da bambina ho sempre avuto l'hobby della scrittura e la passione per questo sport, allora perchè non unire le due cose?

Podcast - Gymnastics Heroes


GINNASTICANDO.it è sempre gratuito, senza alcun contenuto a pagamento. Un tuo aiuto varrebbe doppio: per l'offerta in sé, ma anche come segno di apprezzamento per il nostro lavoro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altri Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime Notizie