mercoledì 22 Maggio 2024
21.7 C
Rome
mercoledì 22 Maggio 2024

Reale Società Ginnastica Torino: un anniversario da spettacolo

In Evidenza

L’evoluzione della moderna concezione dello sport, che ha preso forma nell’Ottocento in Inghilterra e ha trovato radici in Italia attraverso la fondazione della Reale Società Ginnastica di Torino, ha delineato un percorso di 180 anni, trasformando questa società sportiva in un autentico baluardo di storia e tradizione nel contesto dello sport italiano.

La Reale Società Ginnastica di Torino è stata fondata nel 1844 da Rodolfo Obermann, istruttore di ginnastica all’Accademia Militare, insieme ad altre personalità torinesi. Sin dai suoi albori, la società ha mostrato un impegno sociale e culturale, unendo le discipline di tiro a segno, scherma e circoli ginnastici. Nel 1869, si è unita alla Federazione Ginnastica Italiana, consolidando la sua posizione nel movimento sportivo internazionale.

Lo storico anniversario della Reale Società Ginnastica di Torino

Il 17 marzo 2024 segna il 180° anniversario della società, che ha deciso di celebrare questo importante traguardo con un evento straordinario. Attraverso lo spettacolo del circo contemporaneo, la società offre al pubblico l’opportunità di immergersi in un viaggio che intreccia la sua storia con il tema cruciale dell’emancipazione femminile.

L’evento, che si svolgerà dalle 10:00 alle 18:00, coinvolgerà quattro registi, una coreografa, insieme a ottantacinque artisti, tra attuali ed ex allievi della FLIC Scuola di Circo. Il palazzo storico della società e una parte di via Magenta si trasformeranno in un teatro vivente, alternando esibizioni al chiuso con veri e propri spettacoli di strada.

Il viaggio

Il viaggio attraverso la storia della Reale Società Ginnastica si concentrerà su figure femminili che hanno giocato un ruolo chiave nella sua evoluzione, raccontando le loro storie. Il tutto sarà affiancato anche da una mostra fotografica.

Andreina Sacco Gotta è una delle protagoniste: atleta poliedrica e vincente, docente appassionata e mente ispiratrice della ginnastica ritmica, sarà celebrata insieme a Nadia Rizzo, attuale direttrice dei corsi, e Dora Cortigiani, giudice internazionale e allenatrice di lunga data.

Il percorso includerà anche Veronica Servente, allenatrice di ginnastica artistica e ex-ginnasta, che ha segnato la storia delle Olimpiadi di Barcellona nel 1992. Le storie delle artiste circensi degli ultimi vent’anni, ex-allieve della FLIC Scuola di Circo, saranno anch’esse protagoniste, evidenziando la metamorfosi dell’arte del circo contemporaneo in Italia.

Il futuro della storia

La Reale Società Ginnastica di Torino non è solo storia, ma si impegna a valorizzare e tutelare il suo patrimonio. “Il futuro della Storia” è un museo virtuale che permette al pubblico di esplorare l’immensa raccolta di documenti, fotografie, cimeli e trofei che testimoniano la lunga tradizione della società.

La società torinese ha attraversato 180 anni di storia, contribuendo in modo significativo all’evoluzione dello sport e dell’emancipazione femminile in Italia. L’evento del 17 marzo 2024 è un tributo a questa straordinaria storia, evidenziando il ruolo fondamentale delle donne e il costante impegno della società nel plasmare il futuro del movimento sportivo italiano. La celebrazione non si ferma a un singolo giorno ma continua attraverso il museo virtuale, testimoniando che la Reale Società Ginnastica di Torino è non solo custode del passato ma anche pioniera del futuro.

spot_img

Segui GINNASTICANDO.it sui social

Miriam Fratacci
Miriam Fratacci
Dalla bella Sicilia a Roma per studiare Traduzione in magistrale, ma mai lontana dalla ginnastica. Entrata in palestra nel 2002 non ne sono più uscita, crescendo tra magnesio e materassi e passando da ginnasta a tecnico. Nel tempo libero scrivo, leggo, faccio maratone di serie tv e perdo le notti dietro le competizioni dall'altra parte del mondo. Nel team di GINNASTICANDO.it dal 2018.

Podcast - Gymnastics Heroes


GINNASTICANDO.it è sempre gratuito, senza alcun contenuto a pagamento. Un tuo aiuto varrebbe doppio: per l'offerta in sé, ma anche come segno di apprezzamento per il nostro lavoro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altri Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime Notizie