venerdì 14 Giugno 2024
30 C
Rome
venerdì 14 Giugno 2024

Tutto pronto per il Fantaritmica: il gioco del Campionato di Serie A

In Evidenza

Il vero motivo per cui tutti seguiamo la Serie A è la descrizione un po’ audace della pagina Instagram del gioco del Fantaritmica, descrizione che in questi due anni si sta avvicinando alla realtà.

Chiunque segue il Campionato di Serie A di Ginnastica Ritmica, infatti, avrà sentito parlare del Fantaritmica, ideato dai sette amici Alessia, Caterina, Elia, Francesca, Margherita, Pietro e Valentina. Noi di GINNASTICANDO.it li abbiamo contattati in occasione del lancio della nuova edizione 2024 e loro ci hanno concesso mezz’ora per fare una chiacchierata insieme.

Come nasce il gioco del Fantaritmica

Come in ogni favola moderna che si rispetti tutto parte dai social, perché il gruppo stesso dei sette amici, provenienti da ogni parte d’Italia, nasce da lì. «Da appassionati dello stesso sport, cercavamo qualcuno con cui condividere questa passione. Così ci siamo conosciuti sui social e abbiamo creato il nostro gruppo, e pian piano abbiamo iniziato a legare e a scoprire anche altri interessi comuni. L’idea del gioco è nata con l’avvento del Fantasanremo, quando Alessia ha avuto l’intuizione di trasporlo anche alla Ritmica», racconta Pietro, e Alessia prosegue: «All’inizio avevamo ideato un piccolo regolamento per giocare tra di noi, ma qualcuno ha detto: perché dovremmo tenerlo solo per noi? Così abbiamo preso coraggio e ci siamo lanciati.»

Essendo basato sul Fantasanremo, il concept che muove il Fantaritmica ha una struttura molto simile, con regole differenti e studiate ad hoc per il Campionato di Serie A di Ritmica. Come il Fantasanremo ha infiammato non solo i fan ma gli stessi cantanti del Festival, anche il Fantaritmica ha avuto lo stesso successo, facendo breccia nel piccolo mondo di questo sport. Ed è stato un crescendo così immediato che all’inizio proprio i social, arma a doppio taglio, hanno rischiato di frenarlo. «Durante la prima edizione, la sera prima di lanciare tutto Instagram ha bannato il nostro profilo e noi siamo andati nel panico», prosegue Alessia. «Per fortuna la voce aveva già iniziato a spargersi e quando abbiamo creato il nuovo profilo, quello attuale, la gente ha ricominciato a seguirci. All’inizio è stato difficile, ma per fortuna abbiamo resistito e ora siamo qua.»

«[Meta] Si era reso conto del potere», scherza Francesca, ma quella del Fantaritmica è stata un’onda travolgente capace di entusiasmare soprattutto gli animi delle stesse ginnaste. «Sapevamo che il pubblico della Ritmica fosse giovane e che lo fossero le atlete stesse, quindi speravamo che partecipassero. E la cosa che mi ha sorpreso di più è stato vedere che le ginnaste non solo ci abbiano supportati sin da subito, ma che siano riuscite anche a coinvolgere i loro team e persino ad aggiungere del loro al regolamento», spiega Elia.

Nelle precedenti edizioni sono state più di 800 le squadre iscritte e chissà quante saranno quest’anno. Ma, oltre al successo sul campo, in questo gioco c’è anche tanta attività offline che Caterina riassume così: «Tra noi parliamo quotidianamente, ci mandiamo grafiche, statistiche e in questi giorni litighiamo anche per il valore delle clavette da assegnare all’una o all’altra ginnasta. Però, alla fine siamo tutti studenti e dedichiamo ogni attimo di tempo libero a questo progetto; io stessa ho lavorato duro negli scorsi giorni per automatizzare i calcoli da fare e renderci la vita più facile. Poi ci possono essere degli errori, ma siamo dei ragazzi e con così tante variabili in gioco può succedere che qualcosa ci sfugga. Però, è bello vedere che il nostro lavoro faccia divertire le ginnaste. Ci fa piacere essere nominati anche dal commento e vedere partecipazione da parte di tutti.»

Come formare la propria squadra del Fantaritmica

La data delle iscrizioni resta segretissima, ma le informazioni a disposizione per costruire la propria squadra aumentano di giorno in giorno perché ieri sono state svelate anche le quotazioni delle ginnaste sul gruppo Telegram del Fantaritmica.

La valuta disponibile a ogni iscritto sarà pari a 100 clavette per formare una squadra composta da 6 atlete oppure da 5 atlete più lo staff tecnico di una società. Una delle ginnaste dovrà essere scelta come Capitana e il suo punteggio raddoppierà in occasione della terza tappa. I partecipanti dovranno, quindi, comporre saggiamente la propria squadra, e una novità di quest’anno è che la formazione scelta sarà modificabile per ripensamenti dell’ultimo minuto fino al 14 febbraio, pochi giorni prima dell’inizio del Campionato. Prima di comporre la formazione, però, un consiglio: date un’occhiata alle classifiche delle edizioni passate e anche ai social per osservare quali sono le ginnaste più coinvolte nell’iniziativa.

Il regolamento completo di Bonus e Malus conta tante novità quest’anno, tra cui il bonus in collaborazione con BlaBlaGym o il malus RoadToParis che punirà l’utilizzo di musica francese, e si può leggere nel dettaglio sul sito del Fantaritmica.

Una previsione dei bonus più inflazionati di quest’anno è ricaduta all’unanimità sul bonus Dargen D’Amico (occhiali da sole al Kiss&Cry) e sul bonus Padre Pio con i famosissimi santini, ma anche su quello HomeSweetHome per la ginnasta straniera (che dovrebbe portare un riferimento al suo paese di origine al Kiss&Cry). Mentre il gruppo si è un po’ spaccato riguardo alla previsione sui malus che mieteranno più vittime: alcuni hanno detto il malus RoadToParis, altri il Cuore Matto, ossia baci e cuoricini al Kiss&Cry, Valentina, invece, ha puntato sul malus ispirato ai body azeri, ossia quelli monocolore.

I premi del Fantaritmica

Margherita ha confermato una novità assoluta di quest’anno, che è la sponsorizzazione dei premi da parte dell’azienda Venturelli. Il team del Fantaritmica ha preferito non svelare a noi i premi in palio, mantenendo l’esclusiva per i potenti mezzi social che ha a disposizione, ma ci ha almeno rivelato a chi spetterà riceverli: le prime otto squadre in classifica al termine del Campionato e le prime tre ginnaste col punteggio più alto.

Dunque, a voi del pubblico non resta che mettervi in gioco pensando a come comporre la vostra squadra in attesa che aprano le iscrizioni!


Per concludere scegliamo le parole di Alessia rispetto a un’eventuale evoluzione del Fantaritmica oltre alla Serie A: «Noi adesso abbiamo questo dualismo dove il Fantaritmica è il gioco, ma allo stesso tempo è anche il nostro gruppo e per questo restiamo fedeli a come è nato. Nonostante tanti altri bei progetti che abbiamo messo in piedi, riteniamo giusto che il Fantaritmica rimanga il gioco della Serie A italiana. Il mondo della Ritmica è molto piccolo e il nostro intento è quello di renderlo un po’ più informale. Vorremmo che passi il messaggio che siamo sette amici uniti dalla passione della ginnastica che vogliono trasmetterla anche agli altri.»

spot_img

Segui GINNASTICANDO.it sui social

Mariacarmela Brunetti
Mariacarmela Brunetti
Nata e cresciuta nel magico Sannio, la mia seconda casa da anni è Roma, dove sto per conseguire una laurea in Ingegneria. Faccio parte di GINNASTICANDO.it dal 2015 e attualmente sono Vicedirettrice, oltre che Editorialista e Redattrice.

Podcast - Gymnastics Heroes


GINNASTICANDO.it è sempre gratuito, senza alcun contenuto a pagamento. Un tuo aiuto varrebbe doppio: per l'offerta in sé, ma anche come segno di apprezzamento per il nostro lavoro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altri Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime Notizie