giovedì 22 Febbraio 2024
5.9 C
Rome
giovedì 22 Febbraio 2024

Anche nel 2023 Gymnastics Canada ha sospeso allenatrici e allenatori denunciati di abusi

In Evidenza

Continua il lavoro di indagini e provvedimenti della Federazione Canadese di Ginnastica in merito ai casi accertati di abusi nei confronti di atlete e atleti.

Circa un mese fa GymCan ha bandito a vita dal ruolo di allenatrice Elvira Saadi e ha sospeso Elena Davydova in attesa dell’esito delle indagini dell’OSIC.

Gymnastics Canada sospese Elvira Saadi già nell’Ottobre del 2020, in seguito a delle accuse di abuso da parte di una ginnasta canadese. Secondo il giornale The Sports Network, le accuse riguardavano abusi psicologici, tra cui umiliazioni pubbliche relative al peso dell’atleta coinvolta.  

Le indagini iniziate a Novembre 2020 da quella prima denuncia, alla quale se ne sono aggiunte altre, si sono concluse nel Gennaio 2022. Gli abusi indagati riguardano il periodo che va dal 2014 al 2020. Le ginnaste coinvolte hanno richiesto il ban a vita dallo sport, nonostante Saadi non sia stata accusata di comportamenti sessuali inappropriati.

Il ban a vita infatti, in precedenza, è stato applicato soltanto a casi di abusi sessuali. È questo il caso, ad esempio, dell’ex allenatore della nazionale canadese a Rio 2016 Dave Brubaker. La giustizia canadese aveva assolto l’allenatore finito sul banco degli imputati per accuse di abusi psicologici, fisici e sessuali. In seguito a ulteriori denunce di ex ginnaste passate sotto la sua ala, Gymnastics Canada ha avviato indagini indipendenti. Al termine di queste indagini, nel 2022 GymCan lo ha bannano a vita dal ruolo di allenatore.

A Saadi è stato applicato il divieto perpetuo di allenare ginnaste e ginnasti, nonché l’interdizione a svolgere attività di giudice, partecipare a competizioni, sviluppare contenuti per allenamenti o competizioni o svolgere qualsiasi altra attività legata a Gymnastics Canada.

L’unico divieto che cadrà tra dieci anni, sarà quello che le permetterà di addestrare, se lo vorrà, allenatori e allenatrici. La Federazione ha fatto questa concessione in considerazione dell’esperienza di Saadi e delle sue abilità tecniche, perché ne benefici la comunità ginnica, con l’obbligo da parte dell’ex ginnasta dell’URSS di aderire a pratiche sportive sicure.

Nel report stilato dall’avvocata della Federazione Canadese di Ginnastica LeeAnn Cupidio, si legge che Saadi pesava di continuo le sue ginnaste, sottoponendole a commenti negativi e/o comparativi, col fine di motivarle.

Cercava inoltre di tenere sotto controllo le loro abitudini di mangiare e bere, incoraggiando anche l’utilizzo di integratori al posto del cibo. Oltre a questi abusi fisici e psicologici, Saadi rifiutava anche i pareri medici che non rispecchiavano la sua personale opinione.

Il 23 Novembre 2023 Gymnastics Canada ha sospeso Elena Davydova, anche lei ex ginnasta della nazionale sovietica come Saadi, da tutte le attività legate alla Federazione.

La motivazione è che l’OSIC sta indagando su uno o più reclami ricevuti (questo dato non è pubblico) in merito al suo comportamento in qualità di allenatrice.

Il Ministero dello Sport canadese ha istituito l’OSIC (Office of the Sport Integrity Commissioner) a Giugno 2022. Esso si occupa di svolgere delle indagini indipendenti in merito alle denunce di abusi e maltrattamenti nello sport.

Uno degli obiettivi dell’OSIC è quello di creare un database aggiornato nel quale consultare i soggetti sanzionati e la tipologia delle sanzioni imposte. Prevede inoltre il monitoraggio del rispetto dei valori sanciti dall’ufficio stesso da parte delle Federazioni che vi aderiscono. Infine si occupa di facilitare l’accesso al supporto legale e psicologico a coloro che ne hanno necessità.
Il reclamo può essere inoltrato tramite il sito ufficiale, l’organo lo esaminerà e valuterà come procedere.

Una volta concluse le indagini le Federazioni coinvolte prenderanno i provvedimenti necessari. Sarà questo l’iter che seguirà anche la vicenda di Davydova.

Gymnastics Canada nel 2023 ha sospeso un altro allenatore con effetto immediato dal suo incarico e da tutte le attività correlate. Questa volta la motivazione è da ricercarsi nelle indagini di polizia a suo carico. Sette ginnaste, tra i quattordici e i diciassette anni, hanno accusato Benjamin Cooper, istruttore della Gymnastics Ontario, di violenza sessuale. Le ragazze minorenni avrebbero subito gli abusi tra il 2014 e il 2022.

Insomma, è chiaro che Gymnastics Canada abbia preso sul serio la questione degli abusi nei confronti dei propri ginnasti e delle proprie ginnaste. La speranza è che si continui a investire sulla prevenzione, sul cambio di mentalità che sta alla base di certi modi di allenare che non guardano all’atleta e al suo benessere, ma soltanto al risultato che può ottenere.

Segui GINNASTICANDO.it sui social

Giulia Silvestri
Giulia Silvestri
Nata e cresciuta a Bologna, laureata in giurisprudenza, ho una passione viscerale per la ginnastica. Da quando avevo 11 anni, a fasi alterne tra vari problemi fisici, sono sempre tornata al mio amato tavolato.

Podcast - Gymnastics Heroes


GINNASTICANDO.it è sempre gratuito, senza alcun contenuto a pagamento. Un tuo aiuto varrebbe doppio: per l'offerta in sé, ma anche come segno di apprezzamento per il nostro lavoro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altri Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime Notizie