venerdì 27 Gennaio 2023
-3.1 C
Rome
venerdì 27 Gennaio 2023

Kséniya Moustafaeva: “Il mio peso passava davanti alla mia performance”

In Evidenza

Kséniya Moustafaeva, ginnasta cinque volte campionessa francese di ginnastica ritmica e finalista alle Olimpiadi di Rio 2016, lancia un grido d’allarme ai microfoni di Cleo Henin per Eurosport Francia. La sua è una denuncia per le pressioni psicologiche sistematiche che ha subito e per la mancanza di figure di riferimento che affianchino le ginnaste in queste occasioni.

Ascolta l’intero podcast qui:

Come sta succedendo nel panorama della ginnastica ritmica italiana, anche Kséniya Moustafaeva racconta le violenze psicologiche subite in Russia a 14 anni:

“Durante il mio allenamento c’è un grande allenatore della Federazione Russa che entra, mi pizzica la gamba e mi dice:” perdi 4-5 chili o non entri più nella stanza. Non mangiavo, non bevevo, ma mi allenavo dalle sei alle otto ore al giorno. Sono caduta in una spirale infernale, ho iniziato ad avere disturbi alimentari, ho sofferto di bulimia da quel momento fino a i miei 18 anni”.

La ginnasta francese vuole denunciare il sistema oppressivo e controllante che, secondo lei, è passato sotto “silenzio” da tutti i suoi attori:

“C’è omertà, nessuno dice niente. Con questo sistema se ci sono le medaglie e tutti sono contenti. Solo che quelli che pagano sono atleti e atlete, e siamo noi che dopo dobbiamo ricostruire”.

Secondo lei basta una parola per iniziare a cambiare le cose e le pratiche che ci sono all’interno dei club e delle federazioni:

“Se nessuno ne parla, se tutti continuano a nascondere tutto nei cassetti, non cambierà mai. Se la federazione ne prende coscienza, gli atleti stessi ne prendano coscienza. Gli atteggiamenti abusanti non devono essere considerati normali. Se gli allenatori si mettono un po’ in discussione, senza andare a cercare subito un idillio utopico, potrebbe essere un buon inizio”

Attraverso questa testimonianza Ksénia vuole aiutare ad aprire gli occhi, sia al mondo, ma soprattutto alle bambine, perché si accorgano che non è normale passare attraverso queste tipologie di abusi psicologici.

Segui GINNASTICANDO.it sui social

Francesca Rossi
Studentessa magistrale in Culture della Comunicazione. La ginnastica artistica è la mia più grande passione e non riesco a stare lontana dalla palestra. Amo parlare di sport, viaggiare, ascoltare musica e continuare a scoprire cose nuove. Sono tecnico societario GAF.
Ginnastica Store Paracalli Polsini

GINNASTICANDO.it è sempre gratuito, senza alcun contenuto a pagamento. Un tuo aiuto varrebbe doppio: per l'offerta in sé, ma anche come segno di apprezzamento per il nostro lavoro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altri Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime Notizie