lunedì 26 Settembre 2022
25.7 C
Rome
lunedì 26 Settembre 2022

Le parole delle Campionesse d’Europa: “Stiamo lavorando per questo e abbiamo fame di ciò che ci spetta”

Dopo la mancata medaglia di Tokyo inizia la scalata dell'Italia Senior: questo è solo l'inizio

In Evidenza

Questa è la mia seconda medaglia a questi europei, sono ancora più felice di averla vinta con la mia squadra. Per me questa vittoria vale ancora di più, proprio perché è di tutte noi, dopo la delusione di Tokyo dell’anno scorso, stiamo iniziando a riprenderci ciò che è nostro e iniziamo da qui. Non posso che ringraziare le mie compagne per aver vinto questo oro. Queste le prime parole di Asia D’Amato dopo l’ennesimo oro europeo qui a Monaco 2022. Ci stiamo riscattando dai Giochi di Tokyo dell’anno scorso, dove non siamo riuscite a prendere la medaglia id un soffio. Stiamo lavorando per questo e abbiamo fame di prenderci quello che ci spetta, prosegue poi Asia D’Amato.

Foto: Simone Ferraro/FGI

Questa medaglia ha un valore aggiuntivo, aggiunge il bronzo europeo All Around Martina Maggio, abbiamo lavorato tanto per arrivare fin qui e aver vinto è stata un’enorme soddisfazione. Vivere questa emozione tutte insieme non ha prezzo.

È stato fondamentale il lavoro di squadra in questa finale ed è stata anche una grande responsabilità, ci spiega Alice D’Amato. Oggi salivamo in 3 ed era gara secca, quindi non c’erano scarti. Abbiamo cercato di godercelo al meglio perché sapevamo di poter arrivare a questo traguardo.

È stato importante tenere alta la concentrazione fino all’ultimo attrezzo, racconta il DTN Enrico Casella. Anche all’ultima rotazione, al corpo libero, nonostante avessimo già ottime probabilità di vincere la gara, è stato fondamentale rimanere focalizzati sul lavoro da svolgere perché l’imprevisto è sempre dietro l’angolo e se una delle 3 si fosse fatta male durante l‘esercizio, ecco che il punteggio ne avrebbe risentito e saremmo stati fuori dai giochi.

Ricordiamo che l’ultima volta che l’Italia ha vinto il titolo europeo di squadra Senior è stato nel 2007 a Volos: Sicuramente è sempre un’emozione immensa. Quella era la prima grande vittoria per noi, questa è stata la seconda e penso che sia bello vincere la prima volta, ma penso anche che ripetersi sia anche meglio, un po’ come è successo con Asia pochi giorni fa. La cosa ancora più bella per noi è che questa è una squadra interamente costruita a Brescia, mentre quella di Volos racchiudeva più ginnaste provenienti da diverse palestre d’Italia. Ora si pensa alla gara di domani e quindi alle finali di specialità. Ci teniamo a dedicare questo oro ad Anna Claudia Cartoni, simbolo della ginnastica italiana sotto tutti i punti di vista, giudice, tecnico e grande appassionata di questo sport, che è scomparsa poche settimane fa in maniera tragica, conclude il DTN.

Foto: Simone Ferrari/FGI

Abbiamo lottato sempre, durante tutta la gara facendoci forza a vicenda e rimanendo unite. Nonostante l’ansia che si è fatta sentire per tutta la gara abbiamo tenuto duro. Sapevamo di poterlo fare già prima della qualifica, il nostro obiettivo era già vincere, ora che è successo davvero siamo davvero felici. Essendo come sorelle è stata un’emozione unica. Dopo un periodo di infortuni susseguitisi durante questi due anni, Giorgia può finalmente prendersi il suo riscatto con questo oro e con le finali che disputerà domenica, alla trave e alle parallele.

Dopo la vittoria di mia sorella Asia mi sento di dire che voglio assolutamente questo oro a parallele. Ho fatto già 2 parallele bene in questi giorni e non c’è 2 senza 3 quindi sono porta per prendermi questa soddisfazione in finale. Dopo Stettino dove vinsi il bronzo a questo attrezzo ho avuto un periodo difficile e finalmente mi sento in forma per questo traguardo, racconta Alice D’Amato con gli occhi già puntati verso la tanto attesa finale a parallele.

Rispetto ai Mondiali di Stoccarda 2019 ho vissuto questa gara in maniera completamente diversa. In quell’occasione ero riserva e ho percepito molto di più l’ansia nel guardare da fuori le mie compagne, mentre oggi me la sono goduta fino infondo ed è stato ancora più emozionante, divertente e commovente, commenta Martina Maggio.

Foto: Simone Ferraro/FGI

Questa volta a guardare la gara dall’esterno è stata la giovanissima Angela Andreoli: Sono comunque orgogliosa di questa gara anche se non ho gareggiato oggi, sono stata vicina alle mie compagne e le ho aiutate emotivamente. Ci siamo divertite tanto e adesso punto al massimo sulla finale a corpo libero di domani, incrociamo le dita e spero di dare il massimo!

Ringraziamo tutte il gruppo sportivo Fiamme Oro che ci supporta sempre e ci permette di rappresentare una Forza Armata come loro.

L’appuntamento è a domani con le Finali di specialità Junior e Senior!

Segui GINNASTICANDO.it sui social

Martina Paganelli
Nata e cresciuta a Bologna, attualmente vivo, mi alleno e lavoro nell'ambito della ginnastica a Civitavecchia. Ho 22 anni e sono entrata in contatto con questo meraviglioso sport all'età di 7, senza mai smettere di amarlo. Sono anche laureata in Mediazione linguistica, amo scrivere e, since 2012, grande fan di @Ginnasticandoit, quindi eccomi qua!
Ginnastica Store Paracalli Polsini

GINNASTICANDO.it è sempre gratuito, senza alcun contenuto a pagamento. Un tuo aiuto varrebbe doppio: per l'offerta in sé, ma anche come segno di apprezzamento per il nostro lavoro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altri Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime Notizie