sabato 13 Aprile 2024
11 C
Rome
sabato 13 Aprile 2024

Ginnastica Ferrara annuncia: “Illia Kovtun non sarà in gara; rispetta le disposizioni impartitegli dalla Federazione Ucraina”

In Evidenza

È di pochi minuti fa il comunicato di Ginnastica Ferrara che annuncia la mancata partecipazione alla Final Six del campione Illia Kovtun, prestito straniero di nazionalità ucraina.

Ancora una volta le conseguenze derivanti dalla guerra che la Russia sta conducendo in Ucraina stanno condizionando la vita di atleti e atlete che rappresentano queste nazioni anche nel mondo dello sport. Kovtun, presente in campo gara a Napoli nella scorsa tappa di Serie A1, ha scelto di non replicare la partecipazione alla Final Six a causa della presenza del russo Artur Dalaloyan.

Purtroppo Illia Kovtun non sarà in gara”, si legge nel comunicato sul sito web della società ferrarese. “Rispetta le disposizioni impartite al riguardo a tutti i suoi tesserati dalla Federazione Ucraina di Ginnastica. Ma soprattutto non se la sente di partecipare a una competizione in cui sarà presente un ginnasta russo. I lutti, le distruzioni, le violenze che sta subendo il suo popolo gli rendono insopportabile l’idea di incontrare sul campo di gara un rappresentante della nazione responsabile di tutto questo, specie dopo quello che è successo sul podio della coppa del mondo di Doha dove il russo Kuliak si è macchiato di quell’inqualificabile gesto che tutti ricordano e per il quale è stato giustamente sanzionato proprio in questi giorni dalla Federazione Internazionale. La Palestra Ginnastica Ferrara, che da più di un mese ospita la nazionale ucraina maschile, è vicina al suo ginnasta, alla sua allenatrice e a tutto lo staff che vive e si allena a Ferrara fianco a fianco tutti i giorni con i suoi ginnasti. La società ha deciso di essere regolarmente in gara a Napoli, ma rispetta la decisione di Illia e ne condivide le motivazioni.

Non è un mistero che l’unico russo in gara nella Serie A di Ginnastica Artistica sia il campione Olimpico Artur Dalaloyan, prestito dalla Official Romagna Team. Entrambe le società hanno già schierato sul campo i due campioni nell’ultima tappa di Regular Season a Napoli, assieme all’Artistica Brescia (anch’essa impegnata nella Final Six) che, invece, aveva schierato nella stessa occasione l’ucraino Petro Pakhniuk.

La presenza in alcune delle squadre partecipanti al Campionato di ginnasti ucraini e russi ha creato problemi soprattutto dopo la decisione del CIO di vietare la partecipazione di russi e bielorussi a competizioni internazionali. Si potrebbe disquisire a lungo sulla cosa, sui valori dello sport, sul suo ruolo di unione e non di divisione sulla sua autonomia dalla politica. E al riguardo le opinioni sarebbero diverse, purtroppo anche a seconda degli interessi in gioco. Anche nei campionati in Germania e in Francia si sono posti gli stessi problemi e lì le decisioni sono state diverse rispetto all’Italia. La Palestra Ginnastica Ferrara non ha assunto posizioni ufficiali al riguardo per non alimentare polemiche, fedele alla sua consueta linea di comportamento.”

La società estense dalla Serie A2 dello scorso anno è arrivata a conquistare la Final Six, rientrando di fatto tra le migliori sei squadre in Italia che nei prossimi giorni si batteranno per la conquista dello scudetto. La scelta adottata dalla società di Ferrara vista l’assenza di Kovtun sarà quella di non sostituire l’atleta dell’Ucraina con nessun altro all’attrezzo delle parallele pari. Il turno che sarebbe spettato a lui resta, dunque, vacante.

spot_img

Segui GINNASTICANDO.it sui social

Mariacarmela Brunetti
Mariacarmela Brunetti
Nata e cresciuta nel magico Sannio, la mia seconda casa da anni è Roma, dove sto per conseguire una laurea in Ingegneria. Faccio parte di GINNASTICANDO.it dal 2015 e attualmente sono Vicedirettrice, oltre che Editorialista e Redattrice.

Podcast - Gymnastics Heroes


GINNASTICANDO.it è sempre gratuito, senza alcun contenuto a pagamento. Un tuo aiuto varrebbe doppio: per l'offerta in sé, ma anche come segno di apprezzamento per il nostro lavoro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altri Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime Notizie