venerdì 19 Aprile 2024
25.9 C
Rome
venerdì 19 Aprile 2024

“Amore e Ginnastica”: alla scoperta del romanzo di Edmondo De Amicis

In Evidenza

Scrittori e registi di tutte le epoche hanno sempre subito una fascinazione da parte della ginnastica, sport che unisce la grazia e la potenza degli atleti che lo praticano. Neanche il celeberrimo scrittore e giornalista italiano Edmondo De Amici ne era esente.

De Amicis nel 1892 pubblica il romanzo Amore e ginnastica, che ebbe particolarmente successo.

La trama riguarda l’intenso sentimento d’amore che il segretario Celzani prova nei confronti della maestra Maria Pedani. La loro storia sentimentale si intreccia con la missione di vita di quest’ultima: diffondere la ginnastica e le teorie del professore Emilio Baumann (allenatore di ginnastica realmente esistito).

Amore e ginnastica, Edmondo De Amicis. Giulio Einaudi Editore - ET Classici

La missione principale di Baumann fu quella di dare un’organizzazione sistematica della Ginnastica improntata sul metodo scientifico, prendendo ispirazione dai grandi maestri di fine ‘700. Egli riteneva che la ginnastica fosse importante non solo a livello di educazione fisica, ma specialmente sul piano educativo. La sua opera principale è Ginnastica e Scienza, pubblicato nel 1910. Il suddetto saggio venne ripubblicato postumo da uno dei suoi allievi, Marco Gallo, nel 1950, per riabilitare il valore e l’importanza della ginnastica e dell’educazione fisica distinguendola dal concetto di sport elaborato durante il Ventennio.

«Era benemerito del paese, era il fondatore d’una nuova ginnastica che avrebbe dato immensi frutti, un grande ingegno, un gran dotto, un creatore di caratteri. […] Il Baumann, datigli i mezzi, avrebbe rifatto una nazione».

Descrizione di Baumann della maestra Pedani in Amore e Ginnastica

Fondatore della scuola bolognese, Baumann iniziò una querelle con uno dei suoi maestri, Rodolfo Obermann, appartenente invece alla scuola torinese. Nel romanzo di De Amicis il dibattito tra le due scuole di ginnastica è rappresentato dal diverbio tra la maestra Pedani e la maestra Zibelli.

La scuola torinese, le cui teorie erano sostenute da Oberman, si rifaceva alla tradizione tedesca e considerava la ginnastica come strumento finalizzato alla preparazione dei giovani alla pratica militare. La sua caratteristica principale era, quindi, l’uso forzato degli attrezzi al fine di esaltare robustezza e disciplina. La scuola bolognese di Baumann invece ambiva ad essere più ludica e accessibile anche ai più piccoli, per questo venne ribattezzata “ginnastica tra i banchi”.

La scuola bolognese si prodigò in particolare nei riguardi della ginnastica femminile: per Baumann infatti non doveva essere limitata alla pura e semplice coreografia ma doveva ambire ad un allenamento completo ed essere un vero esercizio fisico.

Nel Romanzo di De Amicis si parla proprio di questa tematica. La ginnastica femminile viene descritta come: «un movimento trattenuto e misurato a centimetri, insufficiente per quei corpi fatti e pieni di vita, una combinazione d’esercizi compassati, cercati con la penna, per servir di spettacolo a commissioni e a invitati»

Dopo la morte di De Amicis molti dei suoi lavori- oscurati dal successo del libro Cuore- furono nuovamente rivalutati. Fu lo scrittore Italo Calvino a ripubblicare “Amore e Ginnastica”, racconto per anni ignorato dalla critica e dal pubblico, dandogli una nuova vita e la meritata importanza mediatica.

Ed infatti dal romanzo è poi stato tratto, nel 1973, l’omonimo film diretto dal regista Luigi Filippo D’Amico.

La ginnastica, che nel romanzo di De Amicis potrebbe apparire- ad una prima lettura- come una semplice cornice alla storia d’amore dei protagonisti, in realtà si rivela completamente l’opposto: lo studio approfondito da parte dell’autore delle principali tematiche che infiammavano il dibattito pubblico in ambito ginnico di quegli anni è assolutamente rilevante e degno di nota, anche per la modernità delle tesi implicitamente sposate dallo stesso ed enunciate attraverso i discorsi e i pensieri dei suoi personaggi.

Nota di merito a favore del De Amicis che, grazie all’opera del già citato Calvino e altri studiosi recenti, può essere tutt’oggi giustamente studiato e apprezzato come merita.

spot_img

Segui GINNASTICANDO.it sui social

Anna Maria Palaia
Anna Maria Palaia
Figlia della soleggiata Calabria, avvocato, leggo, scrivo, suono e viaggio. Mai messo piede in una palestra ma da sempre amante di questo Sport. Dal 2018 al servizio di GINNASTICANDO.it grazie al quale ho vissuto alcune delle esperienze ginniche più significative: il pass stampa ai Campionati Assoluti di Napoli 2021 e al Trofeo Città di Jesolo 2022, la copertura mediatica delle Olimpiadi di Tokyo 2020 e l'accredito in sala stampa virtuale ai Mondiali di Kitakyushu 2021.

Podcast - Gymnastics Heroes


GINNASTICANDO.it è sempre gratuito, senza alcun contenuto a pagamento. Un tuo aiuto varrebbe doppio: per l'offerta in sé, ma anche come segno di apprezzamento per il nostro lavoro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altri Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime Notizie