venerdì 12 Agosto 2022
28.5 C
Rome
venerdì 12 Agosto 2022

Attacco razzista a Sunisa Lee: “Mi sono sentita impotente, ho lasciato che accadesse.”

In Evidenza

Durante le Olimpiadi di Tokyo di questa estate Sunisa Lee ha fatto la storia, diventando la prima Campionessa Olimpica Individuale statunitense di etnia Hmong.

CHI SONO GLI HMONG – Gli Hmong hanno giocato un ruolo fondamentale nella guerra del Vietnam, quando – specialmente nel Laos, paese di origine dei genitori di Sunisa – si sono schierati dalla parte degli Stati Uniti d’America. Alla fine del conflitto, però, gli Hmong vennero considerati dei traditori e, per non essere sterminati, furono costretti a lasciare il Sud-Est Asiatico. Tra le nazioni che hanno accolto più richieste di asilo politico degli Hmong spiccano gli Usa, dove questa etnia ha formato delle vere e proprie comunità. Una delle più grandi si trova a Saint Paul, in Minnesota, ed è lì che è nata e cresciuta Sunisa Lee.



L’AGGRESSIONE – L’atleta, in una recente intervista a Pop Sugar, ha rivelato un episodio razziale di cui è stata vittima alla fine di ottobre.

Sunisa e un gruppo di amicə (tuttə di origine asiatica) erano sul ciglio di una strada, a Los Angeles, e aspettavano un passaggio per tornare a casa dopo una notte fuori. È stato allora che una macchina si è avvicinata e le persone al suo interno hanno iniziato a rivolgere loro insulti razziali.

Gli aggressori prima di scappare hanno anche spruzzato Sunisa e i suoi amici con dello spray al peperoncino. Per fortuna l’episodio non ha avuto conseguenze gravi per lei, né per chi le era intorno, ma Sunisa ha dichiarato: «Ero così arrabbiata perché la situazione era fuori controllo e sentivo che non c’era nulla che potessi fare. Sono apparsi dal nulla, e io non ho fatto né detto niente perché essere una persona con una certa fama rende complesso gestire questo tipo di situazioni. È stato difficile restare a guardare, ma non volevo fare o dire cose che mi potessero mettere nei guai. Mi sono sentita impotente e ho lasciato che succedesse.»

Su Twitter poche ore fa Sunisa ha aggiunto: «Voglio ringraziare tutti per l’incredibile quantità di amore, supporto e gentilezza di cui mi avete inondata nei giorni scorsi. Non è mai facile parlare di una questione personale, ma in questo caso sapevo che condividere quello che mi è successo avrebbe fatto sentire le altre vittime meno sole.»

Con l’incedere della pandemia negli Stati Uniti d’America si sono verificati tantissimi attacchi razzisti ai danni della comunità asiatica. Il Covid-19, che da molti è stato chiamato “virus cinese”, ha generato un’ondata di odio incredibile, tanto che dall’inizio del 2020 a oggi sono state registrate più di diecimila denunce di attacchi verbali e fisici nei confronti di persone di origine asiatica. Questo ha creato problemi a tantissimi atleti e atlete statunitensi, e ha anche indotto alcuni di loro a schierarsi apertamente in piazza contro questa tendenza.

L’ATTIVISMO – Tra questi c’è la Campionessa Mondiale di ginnastica Morgan Hurd, che ha fatto dell’attivismo una ragione di vita nell’ultimo anno e mezzo. Ha iniziato prendendo parte al movimento Black Lives Matter, e in seguito è stata tra i volti più popolari della campagna Stop Asian Hate. Morgan, nata in Cina e poi adottata da una coppia di statunitensi, è particolarmente sensibile al tema dell’odio razziale e si batte su ogni fronte e in prima persona per combatterlo.

Segui GINNASTICANDO.it sui social

Mariacarmela Brunetti
Nata e cresciuta nel magico Sannio, la mia seconda casa da anni è Roma, dove sto per conseguire una laurea in Ingegneria. Faccio parte di GINNASTICANDO.it dal 2015 e attualmente sono a capo della Redazione, oltre che Editorialista e Redattrice per la Ginnastica Artistica.
Ginnastica Store Paracalli Polsini

GINNASTICANDO.it è sempre gratuito, senza alcun contenuto a pagamento. Un tuo aiuto varrebbe doppio: per l'offerta in sé, ma anche come segno di apprezzamento per il nostro lavoro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altri Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime Notizie