giovedì 8 Dicembre 2022
17.9 C
Rome
giovedì 8 Dicembre 2022

Road to Serie A1 – Iris Giovinazzo e A.S. Udinese

In Evidenza

Dopo un lungo e appassionato viaggio durante il quale abbiamo avuto la grande occasione di conoscere alcune delle squadre della Serie A2 e B, oggi cominceremo ad intervistare le squadre dell’A1.

Per il primo racconto andremo nella bella Puglia, con le ginnaste dell’Iris Giovinazzo.
Le ginnaste allenate da Marisa Stufano, Alessandra Sangilli e Maddalena Carrieri sono reduci da un 2019 straordinario, che ha visto questa giovane formazione ottenere un’inaspettata promozione nel Campionato di A1… riusciranno ad essere grandi protagoniste nella massima serie?

Con che spirito la squadra si sta preparando al Campionato?
Sicuramente per noi è un’esperienza assolutamente nuova, sia per la società che per le ragazze, quindi ci stiamo preparando comunque con l’idea di affrontare il Campionato al meglio.
Cercare di essere all’altezza della situazione ovviamente non è facile, dal momento che il livello è altissimo, però stiamo affrontando questo Campionato con sicuramente tanto entusiasmo.

Quali sono gli obiettivi per questa edizione?
La salvezza rimane l’obiettivo principale, quindi speriamo e crediamo in quest’obiettivo.

Ci date una piccola anticipazione sulla formazione che scenderà in pedana?
Le ginnaste sono Benedetta Schifano, Irene Carbonara, Maria Dellaquila e Giorgia Cuomo, ovviamente al momento ci sarà l’apporto della straniera, che sarà la bielorussa Alina Harnasko.
Spero e penso di impiegarle tutte, anche perché la formula di quest’anno prevede la presenza di tre ginnaste ad ogni prova, quindi vorrei distribuire al meglio le forze e far fare a tutte e quattro quest’esperienza, oltre a cercare di farle entrare durante il Campionato.

Tra le novità di questo Campionato c’è la serie di scontri diretti che vedrà impegnate nella fase finale le migliori sei squadre di A1 e A2, oltre al ritorno dei “punti speciali” usati fino allo scorso quadriennio. Come avete accolto questa scelta apportata dalla Federazione?
Sicuramente tutta l’idea del Campionato è innovativa per quel che riguarda la finale… dopo tanti anni una ventata di novità ci stava.
In questo momento non stiamo assolutamente pensando alla finale ma solo ad affrontare le prime tre prove… però mi piace l’idea di portare delle novità al Campionato affinché possa essere interessante come sfida e sia più interessante per chi vi assiste.

Avete già avuto modo di testare la preparazione delle ragazze a qualche torneo nazionale/internazionale? Se sì, che spunti avete tratto dalle prestazioni delle vostre ginnaste e in caso ci dovessero essere, quali sono i punti da migliorare in vista del Campionato?
Abbiamo partecipato ai Tornei di Udine (11-12 Gennaio) e Pescara (17-18-19 Gennaio).
A Udine Maria Dellaquila e Irene Carbonara hanno preso parte alla gara riservata alle ginnaste nate nel 2005, giungendo in prima e terza posizione, mentre Benedetta Schifano è giunta ottava nella gara Senior e Giorgia Cuomo ha chiuso in seconda posizione nella prova riservate alle nate nel 2007.
Successivamente a Pescara Maria Dellaquila ha vinto la prova per la sua fascia d’età, seguita da Irene Carbonara, mentre Giorgia Cuomo è giunta seconda nella gara delle 2007.
Le ragazze hanno portato a termine una discreta tenuta di gara, sono stati due tornei che mi hanno dato l’occasione di confermare la formazione della prima prova (dal punto di vista della scelta degli attrezzi) e di testare gli esercizi al fine di valutare quelli per la seconda prova.
Non parteciperemo ad altre gare prima dell’inizio del campionato, di conseguenza le ragazze gareggeranno già alla prima di Serie A.

Come caricherete le ragazze prima di calcare la pedana?
Sicuramente facendosi forza l’una con l’altra, credendo com’è stato nei precedenti Campionati: per noi non è stato facile arrivare a questo obiettivo, a seguito di una serie di condizioni. Ciò che ha caratterizzato questa squadra è stata l’unione e il “farsi forza” a vicenda. Unite sono più forti e all’inizio della preparazione il discorso fatto è stato quello di credere in questa squadra, e sarà senz’altro il motivo conduttore di tutto il Campionato.

Una squadra giovane e con tanta voglia di combattere: tra le mura dell’A.S. Udinese si respira un’atmosfera di grande positività alla vigilia del Campionato di Serie A1 di Ginnastica Ritmica.
Allenate da Spela Dragas, Magda Pigano e coreografate da Laura Miotti, le friulane potranno contare sull’importante esperienza della Campionessa Italiana Assoluta Alexandra Agiurgiuculese, che proprio all’imminente Serie A1 debutterà in gara con i nuovi esercizi che porterà alle Olimpiadi.
Con lei, un trio di giovani promesse al debutto nella categoria Giovanile e la russa Irina Annenkova, oro alle Youth Olympic Games nel 2014.

Con che spirito la squadra si sta preparando al Campionato?
Le ragazze sono positive ma hanno degli esercizi molto difficili, di conseguenza c’è un po’ di paura e la responsabilità di non deludere la squadra.

Quali sono gli obiettivi per questa edizione?
L’obiettivo è di conquistare il podio. E se riuscissimo a mantenere il podio sarebbe positivo, però con questa nuova formula è tutto imprevedibile.
Non abbiamo aspettative precise, l’importante sarà entrare in finale.

Ci date una piccola anticipazione sulla formazione che scenderà in pedana?
Non ci sono segreti al riguardo in quanto la formazione è già stata decisa. Ci saranno sicuramente Alexandra Agiurgiuculese e Tara Dragas, entrambe Campionesse Italiane (la prima Campionessa Assoluta in carica, la seconda Campionessa Italiana Allieve 4° fascia).
La nostra ginnasta straniera sarà la russa Irina Annenkova, che recentemente ha vinto la Coppa di Russia davanti a Karina Kuznetsova. Poi, avremo due giovani ginnaste appartenenti al “Gruppo Scelto” della Federazione Ginnastica d’Italia, Miriam Marina e Isabelle Tavano, recentemente finaliste ai Nazionali Allieve insieme a Tara.

Tra le novità di questo Campionato c’è la serie di scontri diretti che vedrà impegnate nella fase finale le migliori sei squadre di A1 e A2, oltre al ritorno dei “punti speciali” usati fino allo scorso quadriennio. Come avete accolto questa scelta apportata dalla Federazione?
Per il pubblico sarà sicuramente qualcosa di interessante, mentre secondo me vedremo più “squadre fortunate”. Se la giuria non sarà pregiudicata dal piazzamento precedente, ma dovesse succedere un fuori pedana commesso da una ginnasta famosa, non so quanto la squadra perderà.
Per il pubblico sarà interessante, ma a noi non piace perché anche una forte può non andare bene e uno che è meno forte può avere la gara giusta. Di conseguenza rischia di non andare avanti chi è bravo, ma chi ha fortuna.

Avete già avuto modo di testare la preparazione delle ragazze a qualche torneo nazionale/internazionale? Se sì, che spunti avete tratto dalle prestazioni delle vostre ginnaste e in caso ci dovessero essere, quali sono i punti da migliorare in vista del Campionato?
L’11-12 Gennaio abbiamo ospitato il “Torneo Città di Udine”, mentre il fine settimana successivo abbiamo preso parte al “Torneo Internazionale del Mare” di Caorle.
Abbiamo da migliorare la sicurezza nelle esecuzioni: le difficoltà inserite negli esercizi necessitano di allenamento costante per essere consolidate.

Come caricherete le ragazze prima di calcare la pedana?
Nella settimana precedente al Campionato cercheremo di fare tante buone esecuzioni, togliendo gli errori delle gare precedenti. Per noi è importante allenarsi bene in modo da avere più sicurezza e ad affrontare la gara con maggior grinta e determinazione.

Segui GINNASTICANDO.it sui social

Ginnastica Store Paracalli Polsini

GINNASTICANDO.it è sempre gratuito, senza alcun contenuto a pagamento. Un tuo aiuto varrebbe doppio: per l'offerta in sé, ma anche come segno di apprezzamento per il nostro lavoro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altri Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime Notizie