martedì 6 Dicembre 2022
9.6 C
Rome
martedì 6 Dicembre 2022

Universiadi: Ekaterina Selezneva domina a metà gara, esordio con finale per Alessia Russo!

In Evidenza

Al PalaVesuvio di Napoli è andata in scena nella giornata di oggi la prima parte del concorso generale individuale e di squadra.
Nella gara individuale, è ancora una volta la Russia a dominare: questa volta è il turno di Ekaterina Selezneva, che chiude la prima giornata di gare con l’inarrivabile totale di 42.700, data dalla somma del 21.300 alla palla e del 21.400 al cerchio.
Chiude a sorpresa in seconda posizione con 39.550 l’azera Zohra Aghamirova, protagonista di una gara sorprendente, mentre al terzo posto ritroviamo l’americana Laura Zeng, reduce dal titolo nazionale, che chiude con il totale provvisorio di 39.050.
La nostra rappresentante Alessia Russo chiude in nona posizione provvisoria con il totale di 36.350: l’azzurra in forza all’Armonia d’Abruzzo brilla con un cerchio da 18.750, mentre con la palla, valutata con 17.600, incappa in un errore nel primo rischio. Nonostante questo esordio un po’ “dolceamaro”, riesce a ottenere l’accesso alla finale con il cerchio, grazie al sesto punteggio ottenuto in qualifica.

Nella gara a squadre guida la classifica la Russia con il totale di 24.200, seguita dall’Ucraina con 21.675 e dal Giappone con 20.750, tutte e tre allo stesso livello delle titolari rimaste in patria. Completano l’ottetto finalista di sabato le squadre di Taipei (20.100), Corea del Sud (17.950), Slovenia (17.050), Norvegia e Australia (entrambe con 15.600).
Non era invece presente l’Italia, che ha deciso di non schierare le sue ginnaste in questo appuntamento d’eccezione.

Domani, giornata di medaglie: dalle ore 13:00 scenderanno in pedana le individualiste con clavette e nastro, mentre alle 18:00 ci sarà la seconda parte della gara a squadre, con il misto a cerchi e clavette.

Segui GINNASTICANDO.it sui social

Ginnastica Store Paracalli Polsini

GINNASTICANDO.it è sempre gratuito, senza alcun contenuto a pagamento. Un tuo aiuto varrebbe doppio: per l'offerta in sé, ma anche come segno di apprezzamento per il nostro lavoro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altri Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime Notizie