Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 19 Novembre 2018

Dina Averina in azione con le clavette al Mondiale di Pesaro del 2017 Dina Averina in azione con le clavette al Mondiale di Pesaro del 2017 Alessandro Squassoni / GINNASTICANDO.it

World Challenge Cup Kazan: quaterna d’oro per Dina Averina, bene l’Italia nelle finali di specialità

Scritto da  Ago 26, 2018

Con le finali di specialità riservate alle migliori 8 ginnaste e squadre che hanno ottenuto il punteggio più alto nelle qualificazioni di venerdì e sabato, si è conclusa l’ultima tappa di World Challenge Cup a Kazan.

Diversamente da domenica scorsa a Minsk, dove l’Italia era stata rappresentata solamente nelle finali a squadre, oggi le nostre ginnaste sono state protagoniste in tutte le finali per attrezzo.

Nella prima delle finali individuali, la finale con il cerchio, è stata la campionessa del mondo in carica Dina Averina a portarsi a casa il metallo più pregiato, vincendo la competizione con 20.800. Con lei sul podio troviamo l’israeliana Linoy Ashram, seconda con un punto di distacco (19.800) e la bulgara Boryana Kaleyn (19.550) fresca di maggiore età e di convocazione al mondiale in casa.
L’altra delle russe, Alexandra Soldatova, non ha portato a termine una bella prova a seguito dell’uscita dell’attrezzo di pedana negli ultimi secondi dell’esercizio, chiudendo in ottava posizione con 17.500.
L’Italia, in questa finale, rappresentata dalla nostra Milena Baldassarri, ha chiuso al settimo posto con 18.650.

Nella seconda finale, con la palla, è Dina Averina a dettare legge e con un esercizio ben interpretato in tutti i sensi sulle musiche del balletto “Petruska” conclude la sua prova con un 20.200. Seconda e con un esercizio ricco di difficoltà, ritroviamo Linoy Ashram con 19.850, seguita dall’idolo di casa Alexandra Soldatova, che in questa finale si riscatta del brutto risultato al cerchio e vince il bronzo con 19.800.
Alexandra Agiurgiuculese, la nostra qualificata in questa finale, chiude al quinto posto con 18.600, portando a termine un esercizio molto elegante e ricercato.

La terza delle quattro finali, quella con le clavette, è ancora Dina Averina, che ancora “affamata” di vittorie porta a casa un altro oro con un 20.550, seguita da Linoy Ashram (già seconda a cerchio e palla) con 20.200 e dalla russa Alexandra Soldatova, bronzo con 19.500.
Le nostre qualificate alle finali, Milena Baldassarri e Alexandra Agiurgiuculese, concludono rispettivamente al sesto e ottavo posto, totalizzando rispettivamente 17.900 (Milena) e 15.800 (Alexandra).

Nell’ultima delle finali, con il nastro, ancora una volta dobbiamo inchinarci alla meraviglia degli esercizi di Dina Averina, che con una simpatica esecuzione sulle note della celebre “Kalinka” vince l’oro con un 19.850, seguita da Linoy Ashram con 18.950 e dall’altra delle russe, Alexandra Soldatova che conquista il bronzo con 18.700.
Milena Baldassarri, qualificata in questa finale per l’Italia, conclude in quinta posizione con 17.650, portando a termine un buon esercizio.

Nelle due finali a squadre, la nazionale italiana, rappresentata da Alessia Maurelli,  Martina Centofanti, Anna Basta, Letizia Cicconcelli, Agnese Duranti e Martina Santandrea, portano a casa altre due medaglie da aggiungere al loro palmares; un bronzo ai 5 cerchi e un argento nel misto funi/palle, entrambi premiati con due note al di sopra del 20.000.

Nel primo dei due esercizi, quello coi cerchi, sono le padrone di casa della Russia ad ottenere la medaglia d’oro con 23.100, seguite dalla Bulgaria con 22.600 e dall’Italia, con 22.000. Le nostre “Farfalle”, ancora una volta incantano con il loro esercizio sulle note del “Lago dei Cigni”, pur commettendo qualche piccola imprecisione; nonostante ciò, hanno dimostrato anche oggi di essere una delle nazioni favorite per il podio di specialità e nell’all-around al prossimo mondiale.

Nel secondo degli esercizi, quello con 3 palle e 2 funi, c’è un cambio sul gradino più basso del podio mentre la Russia vince l’ennesima medaglia d’oro nella competizione di oggi, con un esercizio premiato con 22.800. Al secondo posto troviamo l’Italia, che con un esercizio ricco di difficoltà d’attrezzo e dalla musica incalzante viene premiata con 22.200, a 0.60 dall’oro. Sul terzo gradino del podio, troviamo il Giappone, che con 22.100 conquista l’unica medaglia di questa rassegna.
Al quarto posto e a 0.40 dal bronzo, troviamo la Bulgaria, protagonista di una buona esecuzione macchiata da una fune a terra.

Con la finale nell’esercizio misto, si è conclusa la quarta e ultima tappa di World Challenge Cup di Ginnastica Ritmica. Da domani, tutte le attenzioni saranno dedicate esclusivamente al Campionato del Mondo, in programma dal 10 al 16 Settembre nella capitale della Bulgaria, Sofia e che ci vedrà protagonisti assoluti.

Rebecca Alessi

Classe 1995, vivo con la mia famiglia in un piccolo paese del Nord-Est Italia.
Laureata in Mediazione Linguistica, divoro una grande quantità di libri e quando ho voglia e interesse, guardo serie televisive. Scrivo per un blog letterario e seguo la Ginnastica Ritmica da molti anni, ma non l’ho mai praticata. Malgrado ciò, seguo con grande piacere le competizioni della Ritmica nazionale e internazionale.

http://diariodiunalettricesognatrice.wordpress.com

  1. Popular
  2. Trending
  3. Comments