Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 16 Agosto 2018

Jordyn Wieber parla al processo Nassar Jordyn Wieber parla al processo Nassar Neil Blake

"Vittima di Nassar", anche Jordyn Wieber denuncia di aver subito molestie

Gen 20, 2018

"Pensavo che allenarsi per le Olimpiadi sarebbe stata la cosa più difficile della mia vita, invece è testimoniare nel processo che sono una vittima di Larry Nassar"

Un’altra atleta denuncia di aver subito molestie dal Dottor Nassar, medico della nazionale statunitense: è la campionessa olimpica Jordyn Wieber, membro delle “Fierce Five” la squadra olimpica di Londra 2012. Prima di lei, le compagne di squadra Aly Raisman, McKayla Maroney e Gabby Douglas avevano rilasciato la loro testimonianza.

L’atleta ha dichiarato di aver iniziato ad essere seguita da Nassar all’età di otto anni, e per lungo tempo Nassar ha continuato ad abusare di lei, convincendola che le molestie fossero soltanto “Trattamenti medici”.

La Wieber ha anche criticato USA gymnastic, la commissione di ginnastica statunitense, per non aver adeguatamente tutelato lei e le sue compagne; gli abusi infatti non avvenivano solo durante gli allenamenti, ma anche durante le competizioni.

“I miei genitori credevano che USA Gym e Larry Nassar si prendessero cura di me, e invece siamo stati traditi da entrambi […] e ora i colpevoli devono prendersi la responsabilità per il dolore che hanno causato a me e al resto delle donne che sono state maltrattate. Larry Nassar è responsabile. USA Gym è responsabile. Il Comitato Olimpico degli Stati Uniti è responsabile. Le mie compagne e amiche hanno sofferto abbastanza e adesso è tempo di cambiare, perché le ginnaste attuali e future non meritano di vivere nell’ansia o nella paura e di non essere protette come è accaduto a me.”

 Nassar è attualmente accusato di aver molestato 140 atlete americane, e rischia una pena che va dai 25 ai 40 anni di reclusione. L’uomo ha già subito una condanna a 60 anni per detenzione di materiale pedopornografico.

 

Ultima modifica il Domenica, 21 Gennaio 2018 12:26
Anna Maria Palaia

Nata e cresciuta nel caldissimo sud Italia, studio Giurisprudenza e suono il Violino. Appassionata di Ginnastica da sempre!

  1. Popular
  2. Trending
  3. Comments

Top News

Calendario

« Agosto 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31