Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Giovedì, 23 Novembre 2017

Se la settimana scorsa abbiamo visto le giovanissime debuttare a Montreal, anche la ginnastica azzurra maschile sta preparando il percorso quadriennale che porterà alle Olimpiadi di Tokyo 2020.

Mentre una delegazione di junior e senior è in trasferta a Linz, in Austria, a poco più di 500 km la squadra composta da Lorenzo Galli, Marco Lodadio, Tommaso De Vecchis, Marco Sarruggerio e Paolo Principi ha preso parte alla Team Challenge - DTB Pokal di Stoccarda (Germania), gara esclusivamente a squadre.

E proprio Paolo Principi ha subito un infortunio nel corso della prova podio al corpo libero. Per l'aviere maceratese una rottura parziale al tendine d'Achille del piede sinistro, lo stesso lussato nel 2015.

A causa di questa privazione, il team azzurro ha dovuto gareggiare con un ginnasta in meno arrivando decimo in qualificazione con 239.200 punti. Gli azzurri si sono classificati dietro la seconda squadra dei padroni di casa tedeschi, di soli 0.05.

Il migliore dei nostri quattro è stato il neo-senior Lorenzo Galli, che con i suoi attrezzi ha totalizzato ben 80.600, mentre Lodadio ha dato un'ottima prova agli anelli con 14.550.

Alla finale a squadre hanno accesso le prime sei classificate: Giappone, Germania 1, Svizzera, Gran Bretagna, Russia e Spagna.

Per la femminile invece si sono qualificate: Germania 1, Russia, Spagna, Germania 2, Svizzera e Portogallo. Fuori solo Singapore.

 

Oggi si terranno entrambe le finali.

Si è conclusa da poco la Stoccarda Team Challenge dove sono stati impegnati gli azzurri. La nazionale è ancora viva, ne hanno dato prova Matteo Morandi, Enrico Pozzo, Andrea Cingolani, Ludovico Edalli e Paolo Principi. I ragazzi infatti sono riusciti a conquistare il quinto posto, lasciandosi così alle spalle il brutto ricordo di Glasgow. Davanti all'Italia si piazzano: al quarto posto la Germania (175.195), al terzo posto il Brasile (175.428), sul secondo gradino del podio l'Ucraina (176.762) e al primo posto la Gran Bretagna (177,228).

Andiamo adesso ad analizzare la gara per attrezzo.

Corpo libero:
Il Brasiliano Mariano Arthur conquista tranquillamente il primo posto con un punteggio di (15.266), al secondo posto troviamo invece il Britannico Thomas Kristian (15.00) e al terzo posto l'Ucraino Verniaiev Oleg (14.966). Paolo Principi e Andrea Cingolani si sono rispettivamente piazzati al settimo (14.400) e dodicesimo (12.933) posto. 

Cavallo con maniglie:

Primo Posto per l'Ucraino Verniaiev Oleg (15.133), al secondo posto troviamo il Brasiliano Sasaki Junior Sergio (14.966) e sul terzo gradino del podio il Tedesco Tobas Andres (14.633). Paolo Principi ancora non riesce a schiodarsi dal settimo posto (14.333). Ludovico Edalli si piazza all'ottavo posto a poca distanza dal compagno di squadra (14.200).

Anelli:

Primo posto per il Britannico Tulloch Courney(15.766) Splendida gara per l'Ucraina che piazza due atleti sul podio, Verniaiev Oleg al secondo posto (15.433) e Radivilov Igor al terzo posto (15.233).

Decisamente meglio gli Italiani Matteo Morandi (15.033) e Andrea Cingolani (14.933) che riescono a conquistare rispettivamente il quinto e sesto posto.

Volteggio:

Ancora Ucraina sul podio, questa volta sui gradini più alti, primo posto per Radivilov Igor (15.266), secondo posto ancora lui... un immenso Verniaiev Oleg (15.00). Al terzo posto troviamo l'azzurro Andrea Cingolani che con un punteggio di (14.700) riesce a portare a casa una medaglia di bronzo. Purtroppo per trovare un altro azzurro dobbiamo scendere molto in classifica, all'undicesimo posto si piazza Ludovico Edalli con un punteggio di (14.300).

Parallele simmetriche:

Cambiano i colori del podio, questa volta il primo posto è britannico Willson Nile infatti stacca tutti con un punteggio di (15.866), sul secondo e terzo gradino del podio salgono i padroni di casa Dauser Lukas (15.400) e Herder Philipp (15.166). Ottavo posto invece per Ludovico Edalli (14.633) e decimo posto per Matteo Morandi (13.733).

Sbarra:

Per la terza volta troviamo sul gradino più alto del podio Mariano Arthur (15.300), secondo posto Varniaiev Oleg (15.166), terzo posto invece per il Tedesco Jursch Cristopher (14.933). Ottavo posto per Enrico Pozzo (14.400) e decimo posto per Paolo Principi (13.966).

Grande prova di forza questa finale che da sicuramente coraggio agli azzurri, anche in vista del Test event che si disputerà tra un mese in Brasile.

 

Si è conclusa da poco la terza e ultima tappa di Coppa del Mondo a Stoccarda, Germania. L’Italia, dopo i due quinti posti di Carlotta Ferlito ed Enus Mariani a Newark e Glasgow, si classifica ottava con Elisa Meneghini.

Purtroppo una brutta giornata per Elisa. Al volteggio prende male la tavola e cade dallo Yurchenko con un avvitamento e mezzo, mentre alle parallele sale per prima e, forse influenzata dall’errore precedente, sbaglia la Kippe prendendo solo 12.766. Alla trave prova due elementi nuovi, l’avvitamento e il doppio giro in passé, ma cade da entrambi. Nonostante riesca a riprendersi al corpo libero, stoppando tutte le diagonali e prendendo 13.733, non riesce ad andare oltre l’ottavo posto (51.931 totali).

La trionfatrice della gara teutonica è l’atleta di casa Sophie Scheder che conduce la gara a partire dalla seconda rotazione, quando con il suo incredibile esercizio alle parallele prende il punteggio più alto della giornata con 15.033. La trave molto pulita con salto costale e enjambé cambio + enjambé cambio con mezzo giro le vale 14.433 con una piccola imprecisione nell’uscita. Pulito anche il corpo libero, che le vale 13.5 vincendo con un totale di 57.032.

Al secondo posto la canadese Isabela Onyshko, che al volteggio porta uno Yourchenko con doppio avvitamento arrivando vicino alla tavola e facendo un grosso passo. Alle parallele prende 14.233 mentre alla trave due decimi in più. Finisce al corpo con 13.966, con un passo in prima diagonale.

Medaglia di bronzo per l’americana Amelia Hundley, che guida la prima rotazione con 14.933 portando uno Yourchenko con doppio avvitamento. Piccolo problema alle parallele per lei, che le fa prendere 13.266 ma si riprende subito dopo con una trave molto solida. Anche al corpo libero è pulita, ma non riesce a superare il punteggio della Scheder. 

 Ecco la classifica finale:

  1. Sophie Scheder GER 57.032
  2. Isabela Onyshko CAN 56.665
  3. Amelia Hundley USA 56.449
  4. Seda Tutkhalian RUS 55.899
  5. Pauline Schaefer GER 54.698
  6. Celine Van Gerner NDL 54.665
  7. Rebecca Tunney GBR 52.032
  8. Elisa Meneghini ITA 51.931

Ieri sera si è svolta a Stoccarda la fase di qualifica per l'edizione 2016 del Team Challenge. Per l'Italia presenti in pedana Matteo Morandi, Andrea Cingolani, Enrico Pozzo, Ludovico Edalli e Paolo Principi.

A prendere parte alla kermesse tedesca anche le nazionali di Gran Bretagna, Brasile, Germania, Giappone, Ucraina, Svizzera e un gruppo misto. 

La classifica ha visto gli Azzurri posizionarsi, con il punteggio di 256.350, al quarto posto sotto Gran Bretagna (262.250), Brasile (258.050) e Germania (257.800).

La competizione prevedeva un format 5-4-3 (cinque atleti in squadra, quattro ginnasti che eseguono e tre punteggi che formano il totale di squadra).

La finale di oggi, che sarà alle 15.30, prevederà invece un modello diverso. Solo due ginnasti avranno la possibilità di salire sull'attrezzo e saranno loro a costituire il punteggio totale.

Gamba Azzurri!!!

 

Dopo una lunga giornata di viaggio, Elisa Meneghini, accompagnata dall'allenatrice Claudia Ferrè sono arrivate finalmente a Stoccarda. Questa mattina, a causa di uno sciopero aeroportuale, Elisa e Claudia hanno perso il volo che le doveva portare oltralpe. Quindi, dopo un veloce cambio di programma, si è optato per salire in macchina.

Arrivate da poco nella città tedesca, hanno avuto giusto il tempo di passare rapidamente in albergo per cambiarsi per poi dirigersi alla Porsche Arena.

Alle 20.00 sono iniziate le prove e mandiamo ad entrambe un grande GAMBA!

Domani diretta streaming della gara dalle ore 12 a questo link: DIRETTA QUI

 

- grazie per le foto ad Anna Sassone 

Grazie alla Federazione Ginnastica d'Italia, in occasione della terza tappa di Coppa del Mondo a Stoccarda, ci sarà la diretta streming della manifestazione per poter seguire live i quattro esercizi dell'Azzurra Elisa Meneghini. Nonostante la concomitanza con il Trofeo Città di Jesolo, la kermesse andrà in onda sabato 19 marzo ore 12.00. 

L'iniziativa era già stata proposta per il secondo incontro a Glasgow, in cui era impegnata Enus Mariani, riscuotendo un grande successo.

  1. Popular
  2. Trending
  3. Comments

Top News

Calendario

« Novembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30