Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 10 Dicembre 2018

Dopo le belle prestazioni del torneo di Lubiana dello scorso weekend, alla Marina Lobatch Cup di Minsk le piccole promesse del team Italia hanno regalato ancora successi nella competizione Junior, tenutasi tra giovedì e venerdì in Bielorussia.

Nella giornata di giovedì, è andato in scena il concorso per nazioni che prevedeva otto esercizi per delegazione e che ha visto l’Italia (Sofia Raffaeli, Rebecca Riccò e Alessia Leone) chiudere al terzo posto nella classifica per team, con 95.700. Sul podio insieme a loro la Russia (Lala Kramarenko, Diana Simoshina, Sofiya Nikeeva) prima con 100.600 e la prima squadra della Bielorussia (Darya Tkatcheva, Arina Krasnorutskaia, Kseniya Stseshyts), seconda con 99.650.

Venerdì, invece, si sono disputate le finali di specialità che hanno visto in pedana Sofia Raffaeli e Alessia Leone.
È da segnalare la superprestazione di Sofia Raffaeli: la piccola fabrianese, allenata da Julieta Cantaluppi e Kristina Ghiurova, oltre a vincere la medaglia di bronzo nel concorso per nazioni, si è portata a casa due medaglie dello stesso colore a fune e clavette e una splendida medaglia d’oro nella finale al nastro.
Bene anche Alessia Leone: la giovane speranza torinese, nonostante un errore che pregiudica la possibilità di salire sul podio, chiude l’unica finale per lei in programma al sesto posto.

Con i risultati ottenuti dalle nostre piccole promesse, si chiude un anno davvero straordinario per la Ritmica azzurra, che ha visto tutti i settori (incluso quello giovanile), ottenere importanti risultati a livello internazionale.

Nella sezione degli allegati sono disponibili le classifiche del concorso per nazioni e delle finali di specialità.

Ad una settimana dalla finale della massima serie, le Junior italiane sono pronte a partire per una nuova avventura in campo internazionale: questa volta gli occhi saranno tutti puntati su Minsk, per il Torneo Internazionale Junior “Marina Lobatch”, organizzato in onore della campionessa olimpica di Seoul 1988.

Per l’occasione, la Direttrice Tecnica Nazionale Emanuela Maccarani ha scelto di convocare Sofia Raffaeli (Società Ginnastica Fabriano), Alessia Leone (Eurogymnica Torino) e Rebecca Riccò (San Giorgio’79 Desio), nate tutte e tre nelle annate 2004 e 2005.
Al torneo doveva partecipare anche Camilla Centofanti (Opera Roma), che purtroppo si è ritirata per un piccolo infortunio.

Completeranno la delegazione le allenatrici Julieta Cantaluppi, Tiziana Colognese e Elena Aliprandi e la giudice internazionale Germana Germani.

Con il campionato di serie A fermo per dar spazio all’ultima prova di Serie C, in programma questo weekend, la Ritmica italiana sarà presente ad un torneo internazionale a Lubiana (Slovenia); la “New Year Cup Moste” (Sabato 1 e Domenica 2 Dicembre).

La Direttrice Tecnica della sezione Ritmica Emanuela Maccarani ha deciso di convocare per la competizione di categoria Junior Camilla de Luca, Martina Pasquini (entrambe in forza all’Aurora Fano) e Sara Rocca (Raffaello Motto Viareggio), tutte e tre eleggibili per la prima edizione del Campionato del Mondo Juniores, in programma il prossimo anno.

La delegazione sarà completata dalle allenatrici Letizia Rossi e Francesca Cupisti e dalla giudice internazionale Isabella Zunino Reggio.

La Direttrice Tecnica Nazionale Emanuela Maccarani ha convocato un secondo collegiale in vista delle competizioni internazionali della squadra Junior per il 2019, una fra tutte il primo campionato del mondo di categoria al quale potranno partecipare le ginnaste nate tra il 2004 e il 2006.

Il collegiale, che sarà tenuto da Julieta Cantaluppi, si terrà a Fabriano dal 15 Luglio al 12 Agosto.

Per l’allenamento sono state convocate:

-       Siria Cella (Auxilium Genova)

-       Alexandra Naclerio (Club Giardino Carpi)

-       Serena Ottaviani (Società Ginnastica Fabriano)

-       Vittoria Quoiani (Armonia d’Abruzzo)

-       Giulia Segatori (Auxilium Genova)

-       Simona Vilella (Kines Catanzaro)

-       Melany Muscella (Società Ginnastica Fabriano)

-       Sofia Ellen Garcia (Aurora Fano)

Diversamente dagli ultimi anni, dal 2019 le squadre junior svolgeranno due esercizi; uno coi 5 nastri e uno coi 5 cerchi.

Cogliamo l’occasione per augurare un “Buon lavoro!” allo staff tecnico e alle ginnaste convocate!

 

Si è conclusa a Ghent la prima parte delle qualificazioni della FIT Challenge, quella relativa alle junior. Il team italiano delle giovani formato da Benedetta Ciamarrughi, Asia D'Amato, Matilde De Tullio, Elisa Iorio e Sydney Saturnino si prende il primo gradino del podio di squadra.  

 

TEAM

1- Italia 209.961

2- Francia 203.462

3- Belgio 199.096

 

Fonte: Gymfed su Twitter

 

 

Con la Serie A in pausa dopo la terza tappa ad Ancona e passati i Campionati Europei in Romania, la femminile si appresta ad affrontare la seconda parte, quella estiva, dell'anno competitivo.

Questo week-end, dal 10 al 11 giugno, si svolgerà infatti la Flanders International Team Challenge a Ghent, in Belgio. A questa competizione (solo femminile) parteciperà infatti anche la delegazione azzurra con una squadra senior e una junior.

Le ragazze junior convocate da Enrico Casella sono: Benedetta Ciamarrughi, Asia D'Amato, Matilde De Tullio, Elisa Iorio e Sidney Saturnino.

La squadra senior sarà composta, invece, da Desiree Carofiglio, Caterina Cereghetti, Giada Grisetti, Francesca Noemi Linari e vedrà il ritorno di Elisa Meneghini, per la prima volta in Nazionale dopo le Olimpiadi di Rio. Un periodo felice per la Meneghini, visto che il 12 giugno sarà chiamata a Roma per l'incorporazione nella squadra dell'Esercito con il grado di Caporale.

L'Italia dovrà quindi vedersela con le altre squadre presenti alla FIT Challenge. Oltre al Belgio, con la campionessa europea alle parallele Nina Derwael, vedremo la Francia, la Spagna e l'Olanda tra le partecipanti.

Sabato 10 le squadre junior e senior affronteranno le qualificazioni con i rispettivi team e per l'all around, ma solo le migliori 8 nazioni, con i punteggi combinati di junior e senior, accederanno alla finale di domenica. Domenica 11 le squadre saranno formate da un massimo di 10 ginnaste (junior e/o senior) con 4 ginnaste (2 junior e 2 senior) che saliranno all'attrezzo.

Nel caso una nazione sia presente con una sola squadra, sia junior o senior, questa ha la possibilità di gareggiare assieme ad un'altra nazione nella stessa situazione.

Una gara particolare quindi, che servirà ad Enrico Casella a testare le ginnaste e a vedere il loro livello prima dei collegiali estivi. Specialmente per quanto riguarda le senior, che ad ottobre saranno impegnate con i Mondiali di Montreal.

Fonte: Belgian Gymnastics

Si sono svolte ieri pomeriggio le finali a squadre e all around dei Giochi del Mediterraneo Juniores a Guadalajara, in Spagna. La competizione prevede le discipline della ginnastica artistica maschile e femminile con l'introduzione dell'aerobica.

Come era prevedibile, l'Italia ha fatto la sua bellissima figura tra i paesi del bacino mediterraneo partecipanti.

Iniziando dalle ragazze, Elisa Iorio, Martina Basile e Alice D'Amato che hanno monopolizzato i primi posti dei podi a squadre, quelli all around e le classifiche della qualificazione ad attrezzo.

Infatti l'Italia GAF ha vinto con 107.350, davanti alla Spagna (100.150) e alla Francia (98.300). Le tre ragazze si prendono anche tutto il podio all around con Iorio (53.950) davanti a D'Amato (53.000) e a Basile (52.350).

Per quanto riguarda le finali ad attrezzo, in cui entra solo un/a ginnasta per nazione, le nostre non si sono smentite. Sono Elisa e Alice che si dividono i primi posti rispettivamente a volteggio e parallele, e trave e corpo libero.

Anche la maschile però non rimane a bocca asciutta. I tre ragazzi Yuman Abbadini, Mirko Galimberti e Lay Giannini vincono l'argento a squadre con 153.700, dietro la Spagna (155.600) e davanti all'Egitto (147.900).

Inoltre, Giannini (77.700) e Abbadini (75.250) sono secondo e terzo nel concorso generale, dietro allo spagnolo Nicolau Mir (78.650).

Per quanto riguarda le finali ad attrezzo, è proprio Giannini il più premiato: disputerà infatti le finali di corpo libero, cavallo con maniglie, anelli, parallele pari e sbarra. A Galimberti la finale al volteggio, invece.

Finali a squadre anche per quanto riguarda l'aerobica. Davide Nacci e Camilla Cubito arrivano però quinti, in quanto le altre nazioni (Egitto, Spagna, Francia e Turchia) avevano a disposizione almeno un ginnasta (e quindi un punteggio) in più.


Oggi, 9 aprile si tengono le finali ad attrezzo per l'artistica, individuale e coppia mista per l'aerobica.

Tre anni fa la prima edizione a Ragusa, nella nostra Sicilia, ora ci si sposta a Guadalajara, Spagna. Sono i Giochi del Mediterraneo Juniores, fratellini di quei ben più longevi Giochi che all'Italia hanno portato molte soddisfazioni e hanno permesso di rivelare atleti che poi hanno dato lustro alla nostra Nazionale -Citofonare a Vanessa Ferrari, Almería 2005, guardacaso sempre in Spagna.

L'Italia si presenterà quest'anno con tre squadre, due di ginnastica artistica (maschile e femminile) e la novità introdotta dell'aerobica, che tanto sta dando con la coppia Castoldi/Donati e che qui tenterà il tutto con Davide Nacci e Camilla Cubito. I ragazzi junior saranno Lay Giannini, Mirko Galimberti e Yumin Abbadini. Per la femminile vedremo invece la già due volte medaglia europea Martina Basile insieme ad Alice D'Amato ed Elisa Iorio, fresche di Trofeo Jesolo con quest'ultima vincitrice dell'oro alle parallele.

Oggi, sabato 8 aprile, si terranno le finali a squadre e qualificazioni per le finali all around e ad attrezzo di domenica per tutte e tre le discipline, seppur con formati di gara differenti.

Per la ginnastica artistica saliranno all'attrezzo i/le tre ginnasti/e e verranno contati solo i migliori due punteggi di squadra. Nella finale AA entreranno massimo due ginnasti/e per nazione, mentre agli attrezzi ne entrerà uno/a solo/a.

Per l'aerobica ci saranno tre categorie: individuale maschile e femminile, coppia mista e trio.

Gli avversari da battere saranno quelle nazioni che si affacciano sul Mediterraneo (da qui, appunto, il nome della rassegna). Tra tutti, vedremo in gara paesi come Spagna, Francia (che abbiamo già visto a Jesolo per la femminile) o Turchia.

L'appuntamento è quindi per oggi pomeriggio, per vedere se gli azzurrini riusciranno a battere il medagliere personale di Ragusa 2014 che a suo tempo contò 10 medaglie: 5 ori, 3 argenti e 2 bronzi.

A Jesolo si è conclusa anche la seconda sessione di finali individuali: parallele senior e corpo libero junior, vinte rispettivamente dalla russa Elena Eremina e dalla statunitense Emma Malabuyo. 

 

PARALLELE SENIOR

1- Elena Eremina (RUS) 14.750

2- Riley McCusker (USA) 14.600

3- Ashton Locklear (USA) 14.550

 

CORPO LIBERO JUNIOR

1- Emma Malabuyo (USA) 13.900

2- Caroline Hedult (FRA) 13.450

3- Maile O'Keefe (USA) 13.400

 

Qui trovate i risultati della prima sessione, con il volteggio senior di cui Sofia Busato ha vinto l'argento, e la trave junior vinta dalla canadese Paduariu. 

 

 

Ultima giornata di gare qui a Jesolo. Nella giornata di ieri gli Stati Uniti hanno fatto man bassa di medaglie tra squadre junior, senior e individualiste (qui i podi junior e qui i podi senior).

Oggi invece si tengono le finali ad attrezzo, in cui le migliori due atlete per nazione e per attrezzo Junior e Senior -Italia, Stati Uniti, Brasile, Russia, Canada, Francia, Belgio- si contenderanno i titoli specifici alle parallele, alla trave, al corpo libero e al volteggio.

Qui potete leggere le rotazioni di oggi e le partecipanti.

 

VOLTEGGIO SENIOR

1- Shallon Olsen (CAN) 14.500
2- Sofia Busato (ITA) 14.175
3- Angelina Melnikova (RUS) 14.025

 

TRAVE JUNIOR

1- Ana Paduariu (CAN) 14.250
2-Gabby Perea (USA) 14.150
3- Maile O'Keefe (USA) 14.050

  1. Popular
  2. Trending
  3. Comments