Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Domenica, 28 Maggio 2017

Il Trampolino Elastico azzurro bagna il 2017 con la prima tappa di World Cupdella stagione e del nuovo quadriennio olimpico, in programma a Baku (AZE) dal 16 al 20 febbraio. Dall’aeroporto Malpensa di Milano il DTN Giuseppe Cocciaro accompagnerà i ginnasti Dario Aloi (Milano 2000) e Flavio Cannone (Esercito Italiano) che – alla Milli Gymnastika Arenasi – si esibiranno sia nella prova individuale che in quella syncro. Sul tappetone azero, ai due atleti lombardi toccherà collaudare il nuovo codice dei punteggi rivoluzionato con l’aggiunta di altri due salti obbligatori per la definizione della nota D (difficoltà) e che porta a quattordici il totale delle acrobazie da eseguire in competizione. 

PRECISIONE - Inoltre “con questa tappa di Coppa entra ufficialmente in servizio la nuova macchina per il computo dei punteggi” – spiega il Direttore Tecnico della sezione – “una macchina che contribuirà a rendere il calcolo sempre più oggettivo e preciso. E’ una trasferta difficile” – prosegue l’head coach di Fano – “ma sono fiducioso, soprattutto nei confronti di Cannone. Flavio è in forma e si  è allenato molto bene in questi giorni. Dario (Aloi, ndr) invece non è al top, in parte risente ancora i postumi dell’infortunio avvenuto a Brescia l’anno scorso (tappa di Coppa del Mondo del 2016, ndr), ma si presenta con i suoi due esercizi e contiamo che faccia una bella gara”. Completano il circuito FIG le tappe di Minsk (18 -19 agosto, Bielorussia) e di Loulè (29-30 settembre, Portogallo). 

Sabato pomeriggio a Torino si sono svolti i campionati assoluti di Ginnastica artistica e trampolino elastico, che hanno visto vincere Vanessa Ferrari ed Enrico Pozzo, davanti a Carlotta Ferlito ed Elisa Meneghini, e Paolo Principi e Tommaso De Vecchis.

La gara femminile non ha visto grosse novità. A poco di un mese da Rio le papabili della squadra olimpica sono ancora in fase di recupero dai rispettivi infortuni, come Erika Fasana che risente ancora di quello al gomito subito a Glasgow, l'ottobre scorso.
La vincitrice del concorso generale, che si sta riprendendo e che non ha ancora il programma completo per questo, ha dato prova della sua tenacia ancora una volta. È, infatti, un ritorno alle origini quello di Vanessa Ferrari, che vince il suo settimo titolo all around assoluto di carriera. Ma non solo: per chiudere il cerchio iniziato dieci anni fa, Vanessa ha reintrodotto nella musica al corpo libero il motivo del Nessun Dorma, il suo marchio di fabbrica. Insomma, In ottica Rio è chiaro chi sarà, ancora una volta, la testa di serie.

Carlotta Ferlito ritorna a gareggiare dopo lo spavento di Jesolo. Qui ha dimostrato che non si lascia scoraggiare facilmente, riproponendo alla trave quella "dannata" uscita (il doppio carpio) che tanto l'ha turbata, stoppandolo, e portando al corpo libero per la prima volta un doppio teso ben eseguito. Per quanto riguarda la terza classificata, Elisa Meneghini avrebbe conseguito una buona prova, se non fosse ancora per quella caduta da trave al teso avvitato e quell'uscita di pedana al corpo libero.

Buona prova anche per Fasana, che a causa dell'infortunio accennato prima non ha gareggiato sui quattro attrezzi, ed è seconda al corpo libero, dietro solo a Ferrari e quinta alla trave. Anche Martina Rizzelli non ha gareggiato sul completo, risultando però prima alle parallele, suo attrezzo di punta che le farebbe guadagnare un posto nella squadra olimpica, e centrando tutte le finali agli attrezzi su cui ha gareggiato.

Sul fronte maschile è Enrico Pozzo ad aver primeggiato, conquistandosi il suo settimo titolo assoluto, superando il record di Juri Chechi e riuscendo ad entrare in quattro finali su sei. Il campione uscente nonché unico rappresentante maschile a Rio, Ludovico Edalli, deve fermarsi al settimo posto a causa di qualche errore di troppo, ma riuscendo comunque a centrare la finale alle parallele pari e alla sbarra, dove è primo

Da segnalare Alberto Busnari, che ha gareggiato solo al cavallo con maniglie dove, senza sorprese, guida la classifica dell'attrezzo e che domani cercherà il diciottesimo titolo.

Per finire il trampolino elastico, dove vincono Flavio Cannone e Costanza Michelin, già campioni per la quattordicesima e terza volta rispettivamente.

Ecco le classifiche complete:

All Around femminile:

1- Vanessa Ferrari 58.950
2- Carlotta Ferlito 57.700
3- Elisa Meneghini 56.350

4- Lara Mori 54.600
5- Giada Grisetti 52.350
6- Giorgia Campana 51.850

All Around maschile:

1- Enrico Pozzo 83.150
2- Paolo Principi 82.850
3- Tommaso de Vecchis 82.600

4- Paolo Ottavi 82.400
5- Carlo Macchini 82.100
6- Andrea Valtorta 81.650
7- Ludovico Edalli 81.350
8- Davide Odomaro 80.850
9- Giancarlo Polini 80.500
10- Luigi Tagliavini 79.750
11- Marco Sarruggerio 79.700
12- Massimo Poziello 79.400
13- Michele Sanvito 78.150
14- Salvatore Maresca 78.100
15- Matteo Levantesi 78.000
16- Pierfrancesco Sebastiani 77.300
17- Simone Bresolin 77.150

  1. Popular
  2. Trending
  3. Comments

Top News

Calendario

« Maggio 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31