Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 17 Agosto 2018

Nel quartier generale della Federazione Internazionale di Ginnastica, a Losanna, si è tenuta la prima riunione dell’anno del Comitato Esecutivo. Tanti i punti i chiave, tra cui spicca soprattutto quello sulla tutela degli atleti dopo il caso Nassar degli scorsi mesi.

Istituzione di un fondazione etica

Il progetto della FIG di rinforzare le proprie regole e di revisionare la propria struttura per battersi contro l’abuso e tutte le forme di cattiva condotta, ha fatto importanti passi avanti. Il Comitato Esecutivo della FIG ha adottato nuove “Politiche e procedure per la tutela e la protezione dei partecipanti allo sport della ginnastica”. Queste sono basate su premesse secondo cui “Ogni organizzazione sportiva ha la responsabilità di favorire un ambiente sano e rispettoso in cui gli atleti possano svilupparsi senza essere molestati, aggrediti o abusati”.

La FIG fornirà a tutte le federazioni le linee guida che serviranno loro a identificare e a rispondere a ogni caso di molestia, aggressione o cattiva condotta.

Inoltre, il comitato esecutivo ha approvato l’istituzione di un Fondazione Etica. Questo nuovo ente, che sarà indipendente dalle autorità della FIG, sarà responsabile di ogni questione riguardante l’etica, la cattiva condotta, l’aggressione e altre violazioni del regolamento. Sarà responsabile, inoltre, di contattare le autorità legali competenti e offrire supporto a ogni vittima di queste situazioni.

La Fondazione sarà divisa in quattro sezioni: un nuovo gruppo di sicurezza e protezione, un comitato normativo, una commissione disciplinare e un tribunale d’appello. I dettagli di questa nuova struttura saranno finalizzati prima del prossimo congresso della FIG a Baku nel dicembre 2018.

Novità per il Trampolino

I prossimi Campionati Mondiali di Trampolino Elastico di San Pietroburgo (Russia), dal 7 al 10 novembre 2018, saranno il banco di prova per un nuovo evento: una competizione all around a squadre, che vedrà combinare la gara individuale, trampolino sincronizzato, doppio minitrampolino e tumbling maschile e femminile. La finale avverrà tra le prime cinque nazioni.

Ma non sarà l’unica novità, dato che il Comitato Esecutivo ha dato l’approvazione per una Coppa del Mondo di doppio minitrampolino. Questa specialità potrà essere aggiunta dagli organizzatori alle Coppe del Mondo di trampolino individuale, sincro e tumbling.

Un nuovo Segretario Generale per la FIG

Nicolas Buompane (SUI) sostituirà André Geuisbuhler (SUI) come Segretario Generale della FIG dal 1 gennaio 2019. Buompane, 47 anni, è stato il Segretario Generale Aggiunto dal 1 novembre 2007 ed eletto all’unanimità dal comitato esecutivo su proposta del presidente della FIG Morinari Watanabe.

Il Comitato Esecutivo ha rinominato Gueisbuhler lo scorso anno fino al 31 dicembre 2018 e ha svolto il ruolo di Segretario Generale dal 2004, dopo aver svolto precedentemente il ruolo di Segretario Generale Aggiunto per 13 anni.

Si sono chiuse il 15 gennaio scorso le votazioni indette dall’UEG per assegnare il titolo di “Ginnasta  dell’anno” (Leggi qui per saperne di più). I ben 25.000 voti hanno decretato i vincitori per le cinque  diverse categorie.

Per la femminile e per la maschile i dubbi sono ben pochi: con ben il 71% delle preferenze, Catalina Ponor batte tutte le altre partecipanti, seguita da Ellie Downie (9%) e Linoy Ashram (8%) ed Eleftherios Petrounias diventa, invece, il campione indiscusso con il 61% dei voti. Alle sue spalle Marian Dragulescu (29%) e Tin Srbic (5%).

A sorpresa il premio per il miglior team dell’anno viene assegnato all’Olympiada Thrakomakedonon con 1703 voti, a seguire il TeamGym senior maschile della Danimarca e medaglia di bronzo per le piccole ginnastine dell’Italbaby.

Il danese Rasmus Steffensen si conferma la “stella nascente” del precedente anno della Polvere di Magnesio (51%), distaccandosi di pochissimo dalla francesina Melanie de Jesus dos Santos. Al terzo posto troviamo nuovamente il croato Tin Srbic, grazie ai suoi ottimi esercizi del 2017.

Vincitore dell’ultima categoria, “miglior prestazione del 2017”, non poteva che essere il grande campione Eleftherios Petrounias che, sostenuto da tutta la Grecia e non solo, raggiunge la bellezza di 7798 voti (87% delle preferenze). Lo seguono il francese Samir Ait Said, ripreso dall’infortunio subìto alle olimpiadi, e il duo spagnolo composto Sara Moreno e Vicente Lli, ma entrambi sono ben lontani dal primo gradino del podio (4% e 3%).

Nel complimentarci con i vincitori, facciamo un grande in bocca al lupo a tutti i ginnasti europei che torneranno in campo gara quest’anno, augurando a tutti un 2018 pieno di soddisfazioni sportive e non solo!

Per leggere l’articolo della UEG clicca qui.

Come annunciato nel precedente articolo, nella cornice del PalaEvangelisti di Perugia si sono svolti i campionati Assoluti di ginnastica artistica e trampolino elastico, ad un mese dai Campionati Mondiali 2017.

Sabato 2 settembre è stata la volta dei concorsi generali, che hanno visto trionfare i giovanissimi Elisa Iorio, per la femminile, e Lorenzo Galli, per la maschile. Il podio femminile è stato completato dalle gemelle D'Amato: Asia, seconda, e Alice, terza. Il podio maschile è chiuso da Marco Sarrugerio, secondo, e Matteo Levantesi, terzo.

Rientro rallentato per le reduci di Rio: Erika Fasana si presenta solo a parallele -con un quarto posto nella finale di domenica- dopo le operazioni alle tibie e al gomito; Carlotta Ferlito rimane fuori dalla finale alla trave, complici due cadute, ma in finale al corpo libero è settima; anche Elisa Meneghini paga due cadute a trave e parallele.

Domenica 3 è stato il turno delle finali di specialità, dove anche qui le giovani hanno spodestato le senior tranne Lara Mori, che vince l'oro al corpo libero e Sara Berardinelli, che vince alla trave.

Per la maschile, ottimo rientro per Nicola Bartolini che si porta a casa il primo posto al corpo libero, mentre il veterano per eccellenza Alberto Busnari deve cedere il titolo iridato al suo amato cavallo con maniglie a Stefano Patron, giungendo però al terzo posto. Ottima prestazione di Marco Lodadio agli anelli, vincitore con un punteggio di partenza di 6.3 e un totale di 15.000. Il più medagliato della rassegna è Marco Sarrugerio, che aggiunge all'argento nell'all around anche un oro al volteggio e un argento alle parallele pari.

Il Progetto del settore femminile Road to Tokyo 2020, quindi, continua a dare i suoi frutti nella missione preparatoria delle leve azzurre per le prossime Olimpiadi nipponiche. Questa scelta lungimirante lascia però scoperti i posti per l'imminente mondiale canadese, dato che la prima ginnasta senior a comparire in classifica è Sara Berardinelli, quinta con 52.650. Secondo il DTN Enrico Casella, però, non sarà lei la sicurezza per Montreal: "[...]Oggi ho visto bene Lara Mori con le sue nuove difficoltà alle parallele e il doppio teso al corpo libero. Dietro di lei il resto è abbastanza opaco, nessuna ha soddisfatto le aspettative: non è che non valgono, ma non sono pronte."

La fortuna è che quello di Montreal sia un Campionato Mondiale individuale a sé, non valido in quanto a qualificazione olimpica. 

 

TUTTI I PODI

Sabato 2 settembre

All Around GAF

  1.   Elisa Iorio 54.400
  2.             Asia D’Amato 54.350
  3.             Alice D’Amato 53.900

All Around GAM

  1.            Lorenzo Galli 78.850
  2.            Marco Sarrugerio 78.600
  3.          Matteo Levantesi 78.350

Trampolino Elastico

Femminile

  1. Costanza Michelini 86.875
  2. Isabella Murgo 82.570
  3. Erika Monica 70.915

Maschile

  1. Stefano Luciani 92.455
  2. Jordi Valle 92.005
  3. Samuele Patisso Colonna 90.730    

 

Domenica 3 settembre

Volteggio GAF

  1. Asia D’Amato 14.325
  2. Desiree Carofiglio 13.650
  3. Arianna Rocca 13.625

Parallele asimmetriche

  1. Giorgia Villa 14.000
  2. Elisa Iorio 13.900
  3. Asia D’Amato 13.850

Trave

  1. Sara Berardinelli 13.300
  2. Martina Basile 13.250
  3. Alice D’Amato 12.600

Corpo Libero GAF

  1. 1.Lara Mori 13.200
  2. 2.Asia D’Amato 13.100
  3. 2.Martina Basile 13.100

 

Corpo Libero GAM

  1. Nicola Bartolini 14.100
  2. Nico Mozzato 13.600
  3.   Lorenzo Pisano 13.400

Cavallo con maniglie

  1. Stefano Patron 13.150
  2. Davide Odomaro 12.800
  3. Alberto Busnari 12.350

Anelli

  1. Marco Lodadio 15.000
  2. Salvatore Maresca 14.050
  3. Paolo Ottavi 13.750

Volteggio GAM

  1. Marco Sarrugerio 13.450
  2. Umberto Zurlini 13.425
  3. Davide Sborchia 13.425

Parallele pari

  1. Matteo Levantesi 14.200
  2. Marco Sarrugerio 13.850
  3. Carlo Macchini 13.250

Sbarra

  1. Ludovico Edalli 13.600
  2. Paolo M.Negro 12.850
  3. Lay Giannini 12.800

GINNASTICANDO.it si evolve!!! Oltre alla parte editoriale dedicata alla Ginnastica Nazionale ed Estera, è disponibile la sezione riservata alle notizie dalle società. Come un'Agenzia di Stampa, interamente rivolta ai territori, con le notizie dai veri motori di questo sport, voi Associazioni! 

Avremmo piacere di essere inseriti nella Mailing List della vostra società per poter ricevere sempre comunicati, aggiornamenti e notizie relative alle vostre squadre impegnate nelle competizioni del calendario federale o anche soltanto in formazioni di colore inerenti la vita del Vs sodalizio.

Nell'intenzione della nostra redazione di voler coprire tutta quella fetta di manifestazioni che non possono avere visibilità sui canali Nazionali ci farebbe piacere poter collaborare con quante più società possibili, in modo da prestare un servizio di costante aggiornamento dei suddetti eventi.

Inviateci i vostri comunicati alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e vedrete le vostre notizie pubblicate online...solo su GINNASTICANDO.it

 

Il Trampolino Elastico azzurro bagna il 2017 con la prima tappa di World Cupdella stagione e del nuovo quadriennio olimpico, in programma a Baku (AZE) dal 16 al 20 febbraio. Dall’aeroporto Malpensa di Milano il DTN Giuseppe Cocciaro accompagnerà i ginnasti Dario Aloi (Milano 2000) e Flavio Cannone (Esercito Italiano) che – alla Milli Gymnastika Arenasi – si esibiranno sia nella prova individuale che in quella syncro. Sul tappetone azero, ai due atleti lombardi toccherà collaudare il nuovo codice dei punteggi rivoluzionato con l’aggiunta di altri due salti obbligatori per la definizione della nota D (difficoltà) e che porta a quattordici il totale delle acrobazie da eseguire in competizione. 

PRECISIONE - Inoltre “con questa tappa di Coppa entra ufficialmente in servizio la nuova macchina per il computo dei punteggi” – spiega il Direttore Tecnico della sezione – “una macchina che contribuirà a rendere il calcolo sempre più oggettivo e preciso. E’ una trasferta difficile” – prosegue l’head coach di Fano – “ma sono fiducioso, soprattutto nei confronti di Cannone. Flavio è in forma e si  è allenato molto bene in questi giorni. Dario (Aloi, ndr) invece non è al top, in parte risente ancora i postumi dell’infortunio avvenuto a Brescia l’anno scorso (tappa di Coppa del Mondo del 2016, ndr), ma si presenta con i suoi due esercizi e contiamo che faccia una bella gara”. Completano il circuito FIG le tappe di Minsk (18 -19 agosto, Bielorussia) e di Loulè (29-30 settembre, Portogallo). 

Il Trampolino Elastico italiano ha salutato il 2016 con il collegiale nazionale svolto all’Accademia di Fano dal 27 al 30 dicembre, riservato ai gruppi C. Si è rivelato molto proficuo non solo per i ginnasti ma anche per i tecnici che hanno così ultimato un percorso formativo che, nell’arco del 2016, ha compreso ben tre tappe (gennaio, luglio e dicembre).

Tenuto dai due tecnici nazionali Matteo Martinelli e Luigi Meda, il collegiale ha visto la partecipazione di ben 50 ginnasti - tra maschi e femmine - e 22 tecnici di altrettante società provenienti da 14 regioni.

“Sono molto soddisfatto del prosieguo di questa programmazione – ha affermato il Direttore Tenicno Nazionale Giuseppe Cocciaro – iniziata ben tre anni fa e che sta già portando i suoi frutti. Ho potuto constatare, infatti, che in Italia si è risvegliato l’interesse verso questa disciplina e molte società hanno cominciato ad investire risorse finanziarie e umane in questo settore". Il collegiale è stato impreziosito dalla visita del neo presidente federale Gherardo Tecchi e del massimo dirigente del comitato regionale FGI Marche, Marco Baioni.

 

FONTE FGI

 

 

Sabato pomeriggio a Torino si sono svolti i campionati assoluti di Ginnastica artistica e trampolino elastico, che hanno visto vincere Vanessa Ferrari ed Enrico Pozzo, davanti a Carlotta Ferlito ed Elisa Meneghini, e Paolo Principi e Tommaso De Vecchis.

La gara femminile non ha visto grosse novità. A poco di un mese da Rio le papabili della squadra olimpica sono ancora in fase di recupero dai rispettivi infortuni, come Erika Fasana che risente ancora di quello al gomito subito a Glasgow, l'ottobre scorso.
La vincitrice del concorso generale, che si sta riprendendo e che non ha ancora il programma completo per questo, ha dato prova della sua tenacia ancora una volta. È, infatti, un ritorno alle origini quello di Vanessa Ferrari, che vince il suo settimo titolo all around assoluto di carriera. Ma non solo: per chiudere il cerchio iniziato dieci anni fa, Vanessa ha reintrodotto nella musica al corpo libero il motivo del Nessun Dorma, il suo marchio di fabbrica. Insomma, In ottica Rio è chiaro chi sarà, ancora una volta, la testa di serie.

Carlotta Ferlito ritorna a gareggiare dopo lo spavento di Jesolo. Qui ha dimostrato che non si lascia scoraggiare facilmente, riproponendo alla trave quella "dannata" uscita (il doppio carpio) che tanto l'ha turbata, stoppandolo, e portando al corpo libero per la prima volta un doppio teso ben eseguito. Per quanto riguarda la terza classificata, Elisa Meneghini avrebbe conseguito una buona prova, se non fosse ancora per quella caduta da trave al teso avvitato e quell'uscita di pedana al corpo libero.

Buona prova anche per Fasana, che a causa dell'infortunio accennato prima non ha gareggiato sui quattro attrezzi, ed è seconda al corpo libero, dietro solo a Ferrari e quinta alla trave. Anche Martina Rizzelli non ha gareggiato sul completo, risultando però prima alle parallele, suo attrezzo di punta che le farebbe guadagnare un posto nella squadra olimpica, e centrando tutte le finali agli attrezzi su cui ha gareggiato.

Sul fronte maschile è Enrico Pozzo ad aver primeggiato, conquistandosi il suo settimo titolo assoluto, superando il record di Juri Chechi e riuscendo ad entrare in quattro finali su sei. Il campione uscente nonché unico rappresentante maschile a Rio, Ludovico Edalli, deve fermarsi al settimo posto a causa di qualche errore di troppo, ma riuscendo comunque a centrare la finale alle parallele pari e alla sbarra, dove è primo

Da segnalare Alberto Busnari, che ha gareggiato solo al cavallo con maniglie dove, senza sorprese, guida la classifica dell'attrezzo e che domani cercherà il diciottesimo titolo.

Per finire il trampolino elastico, dove vincono Flavio Cannone e Costanza Michelin, già campioni per la quattordicesima e terza volta rispettivamente.

Ecco le classifiche complete:

All Around femminile:

1- Vanessa Ferrari 58.950
2- Carlotta Ferlito 57.700
3- Elisa Meneghini 56.350

4- Lara Mori 54.600
5- Giada Grisetti 52.350
6- Giorgia Campana 51.850

All Around maschile:

1- Enrico Pozzo 83.150
2- Paolo Principi 82.850
3- Tommaso de Vecchis 82.600

4- Paolo Ottavi 82.400
5- Carlo Macchini 82.100
6- Andrea Valtorta 81.650
7- Ludovico Edalli 81.350
8- Davide Odomaro 80.850
9- Giancarlo Polini 80.500
10- Luigi Tagliavini 79.750
11- Marco Sarruggerio 79.700
12- Massimo Poziello 79.400
13- Michele Sanvito 78.150
14- Salvatore Maresca 78.100
15- Matteo Levantesi 78.000
16- Pierfrancesco Sebastiani 77.300
17- Simone Bresolin 77.150

I campionati assoluti di ginnastica artistica e trampolino elastico sono alle porte, il 9 e il 10 al PalaRuffini di Torino i ginnasti e le ginnaste junior e senior si sfideranno per vincere i titoli all around e di specialità in palio. In questa gara, l’ultima pre-olimpica, sapremmo di più sullo stato della squadra femminile senior, quali ginnaste potranno contendersi una chiamata nell’ultimo collegiale ed infine uno dei cinque posti nella squadra che partirà per le Olimpiadi di Rio de Janeiro a fine mese.

Iniziando appunto dalla femminile, vediamo subito che le ginnaste schierate su tutti e quattro gli attrezzi sono solo le senior: Enus Mariani, Elisa Meneghini, Giada Grisetti, Sofia Busato, Tea Ugrin, Giorgia Campana, Erika Fasana, Carlotta Ferlito, Vanessa Ferrari, Lara Mori, Martina Rizzelli.

Altre senior sono ammesse fino a tre attrezzi: Arianna Rocca, Clara Colombo, Desiree Carofiglio, Adriana Crisci e Federica Macrì.

Così come le junior: Martina Maggio, Caterina Cereghetti, Asia D’Amato, Francesca Noemi Linari, Giorgia Villa, Elisa Iorio, Giulia Bencini e Sidney Saturnino.

Per la maschile, oltre all’unico qualificato olimpico, nonché campione assoluto in carica Ludovico Edalli, vedremo nell’all around anche Davide Odomaro, Carlo Macchini, Marco Sarruggerio, Simone Bresolin, Andrea Valtorta, Michele Aldo Sanvito, Tommaso De Vecchis, Luigi Tagliavini, Massimo Poziello, Matteo Levantesi, Pierfrancesco Sebastiani, Davide Mazzelli, Andrea Cingolani, Paolo Ottavi, Enrico Pozzo, Paolo Principi, Giancarlo Polini, Salvatore Maresca.

Sugli altri attrezzi ci saranno: Eduardo Martano (AN), Alessandro Di Quinzio (CM), Rocco Tana (CM), Alberto Busnari (CM), Lorenzo Ticchi (CM, PP), Mattia Tamiazzo (CM, PP, SB), Giacomo Rossi (CM, SB), Simone Pareti (CL), Tommaso Frigerio (CL, CM), Marco Lodadio (CL, VT, PP, AN), Lorenzo Pisano (CL, VT), Nicolò Brogni (VT, AN), Mario Alquati (CL).

Per il trampolino elastico, infine, parteciperanno: Edoardo Lo Prete, Jordi Valle, Dario Aloi, Nicolò Giovannoni, Samuele Patisso Colonna, Alessandro Lucarelli, Stefano Luciani, Flavio Cannone, Marco Lavinio; Francesca Odasso, Isabella Murgo, Margherita Murgo, Martina Murgo e Costanza Michelini.

Nello scorso fine settimana si è svolta la Coppa Italia di Trampolino Elastico a Marsala, che ha assegnato il prestigioso trofeo nelle rispettive categorie. 

La prima categoria ad andare in scena è stata quella delle Allieve: nella prima fascia Giorgia Gimondo (Diavoli Rossi) con il punteggio di 78.525 è salita sul gradino più alto del podio, lasciandosi alle spalle Claudia Chisari della Milano 2000 (77.405) e Sima Papone della Riviera dei Fiori con 76.590. Nella sezione maschile Nicolò Giovannoni (Milano 2000, 89.520pt) soffia il titolo al compagno Samuele Patisso Colonna con 89.375; bronzo per Salvatore Alessi della Diavoli Rossi (78.960).

Nalla seconda fascia si aggiudica il titolo Rebecca Giovannoni della Milano 2000 con 73.145, mentre nella maschile Carlo Degani (Bentegodi, 64.875pt) supera Samuele Murgo della Milano 2000 che ottiene 50.495pt.

Sul podio della terza fascia femminile domina Arianna Marcoccia (Acrobatic Sport) con il personale di 72.685 relega Camilla Patisso Colonna (Milano 2000, 72.385pt) e Letizia Bianchi (S.G. Torino, 71.980pt). In quella maschile Ettore Guerrini vince l'ennesima coppa con un 74.055 guardando dall'alto gli avversari Alessandro Marcenaro (68.515) della Ginnastica Osimo e Gabriele Gimondo (67.360) della Diavoli Rossi.

Tutt'altra storia per le junior: nella prima fascia Giulia Bellone (Riviera dei Fiori) di pone al comando della classifica con 58.960pt. Segue Margherita Murgo della Milano 2000 che ottiene 56.455pt, replicando, così, il titolo di vice campionessa juniores.

Nella maschile Antonino Parisi della Diavoli Rossi si aggiudica il titolo con 87.255, lasciandosi alle spalle Jordi Valle (83.725) e Alessandro Lo Prete (S.G. Torino, 80.900pt).

Sul fronte femminile della seconda fascia Isabella Murgo ottiene un vertiginoso 92.300 lasciando il secondo e il terzo posto rispettivamente a Camilla Ciani (Riviera dei Fiori) con 59.030pt e Francesca Odasso (S.G. Torino) con 46.545.

Nella maschile brillano Marco Lavino (Ginnastica Brindisi), Edoardo Lo Prete (S.G. Torino) e Gianluca De Andreis (Roviera dei Fiori). 

Nella categoria senior, infine, a conquistare il titolo è Martina Murgo della Milano 2000 che ottiene un punteggio pari a 92.453.

Niente da fare, anche per gli Azzurri del Trampolino Elastico, le Olimpiadi di Rio svaniscono all'orizzonte. Mentre per l'Artistica Maschile, che un mese fa a Glasgow mancò la qualifica di squadra con la possibilità, però, di poter portare due individualisti al Test Event, per Costanza Michelini, Flavio Cannone, Dario Aloi, Stefano Luciani e Alessandro Lucarelli non ci sarà nessun'altra occasione di poter accedere alla Kermesse brasiliana.

Il criterio di qualificazione prevedeva l'ammissione dei migliori 24, selezionati dalle prove di oggi, con la regola dei due ginnasti per nazione. Durante la finale di domenica, poi, i primi 8 ginnasti sarebbero potuti accedere direttamente a Rio mentre i successivi 13 sarebbero andati al Test Event. Di questi ultimi, poi, solamente 8 avrebbero potuto conquistare il pass Olimpico. 

Così, anche per l'ultima specialità Olimpica della Ginnastica Azzurra sfuma il sogno di ogni atleta. Quel sogno che Flavio Cannone avrebbe potuto vivere per la quarta volta consecutiva ma che, invece, lo vedrà costretto, assieme ai compagni, a tornare in palestra per preparare il prossimo quadriennio.

Analizzando la gara degli Azzurri, Costanza Michelini, campionessa Italiana Assoluta in carica, prima a gareggiare in questa giornata, ha totalizzato 88.905 (O: 40.170 - L: 48.735) piazzandosi in 57esima posizione restando fuori dalle 24 finaliste.

Nell'ultimo gruppo, invece, è stato il turno degli uomini. Nella prima routine degli obbligatori, tutti e quattro gli Azzurri hanno completato degli ottimi esercizi facendo sembrare che tutto fosse sotto controllo. Ma così non è stato! L'errore è arrivato proprio dai due esperti della squadra, Flavio Cannone e Dario Aloi, che sono usciti entrambi dall'attrezzo, durante il Libero, provocando, così, l'immediato termine dell'esercizio. Rispettivamente con 60.020 e 81.400 i due si sono piazzati al 114° e al 93° posto restando, di fatti, fuori da quei 24 che, ad inizio giornata, sembravano quasi sicuri! Bene, infine, i due giovani Luciani e Lucarelli che hanno chiuso il loro Mondiale al 74° e 67° posto. 

Chiudono in testa questa giornata di qualifiche il bielorusso Hanckarou con 110.975 e la cinese Li Dan con 103.130.

Domani toccherà di nuovo a Cannone ed Aloi impeganti nel Synchro.

  1. Popular
  2. Trending
  3. Comments

Top News

Calendario

« Agosto 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31