Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 24 Giugno 2018

Si è conclusa ieri pomeriggio a Koper (Slovenia) un'altra tappa di Coppa del Mondo per l'Artistica maschile.                                                            L'Italia ha avuto modo di distinguersi grazie ai risultati ottenuti che fanno ben sperare per il prossimo futuro;

Un podio particolare per Marco Lodadio agli anelli (primo in qualifica con il punteggio di 14.850); l'azzurro pur ottenendo lo stesso punteggio degli avversari (14.950!) si qualifica la terzo posto a causa della regola sui parimeriti che premia l'esecuzione più alta; Lodadio ha comunque portato delle difficoltà notevoli che non sono passate inosservate.

Un'ottima gara anche per Matteo Levantesi alle parallele (14.400), che conquista il bronzo con un ottimo esercizio senza sbavature.

Anche Macchini si ritaglia una buona finale alle parallele, con il sesto punteggio (13.950)

Si è da poco conclusa la prima giornata di qualificazioni della Coppa del mondo di Doha in Qatar.

Gli attrezzi previsti per oggi erano anelli, corpo libero e cavallo con maniglie.                                                                                                         

Ottima gara per gli azzurri, ennesima dimostrazione della ripresa dell'Artistica maschile italiana: Lodadio ha infatti centrato la finale agli anelli con il quinto punteggio provvisorio.

Buoni punteggi anche per Russo e Bartolini, quest'ultimo a un soffio dalla finale al Quadrato.

Sul versante femminile, impegnato a parallele e volteggio, Lara Mori si qualifica al settimo posto alle parallele ed Elisa Meneghini è prima riserva.

Aggiornamenti domani per la seconda giornata di qualifiche.

Si svolgerà a Doha, in Qatar, la prima tappa di Coppa del mondo per la Ginnastica Artistica, dal 21 al 24 Marzo. La competizione è di specialità e non è previsto il concorso all around. I 3 Ginnasti Italiani convocati sono: Nicola Bartolini (gareggerà al corpo libero e al cavallo con maniglie), Marco Lodadio (corpo libero e anelli) e Andrea Russo (cavallo con maniglie, anelli, parallele e sbarra).

L’obiettivo degli azzurri, che stanno ultimando la loro preparazione, è quello di raggiungere un buon piazzamento ai fini della classifica.

Una Tappa importante dunque per l’artistica maschile, che prova a ripartire dopo la disfatta olimpica di Rio e in seguito alla peculiare scelta della federazione di concedere il pass per Montreal a 3 soli ginnasti (invece dei 6 previsti).

La ginnastica artistica maschile d’Italia non riesce a superare lo scoglio delle qualifiche nemmeno a Montréal, per i campionati mondiali di ginnastica artistica. Non è un mistero che la nazionale maschile italiana stia vivendo un periodo davvero poco positivo ma in questo mondiale i ragazzi hanno dimostrato comunque carattere, spirito e voglia di mettersi in gioco. Il direttore tecnico della squadra maschile Giuseppe Cocciaro ha, infatti preso la decisione drastica, e anche piuttosto discussa, di portare in gara solo tre ginnasti, nonostante i posti disponibili fossero sei, per lanciare agli appassionati e soprattutto ai suoi atleti un messaggio forte, che in fin dei conti qualcosa ha smosso. Marco Lodadio ottiene un punteggio piuttosto buono agli anelli che però non basta a conquistare la finale per soli tredici centesimi, il giovanissimo Lorenzo Galli pecca di inesperienza e commette i classici errori dovuti all’emozione di una prima gara ai massimi livelli, restando fuori per appena un punto dalla finale All-Around mentre Andrea Cingolani non concretizza al volteggio, piazzandosi trentatreesimo.

 

La gara azzurra parte con Lorenzo Galli e Marco Lodadio agli anelli. La prestazione di Marco Lodadio è buona e gli vale il punteggio di 14.566 (D. 6.3) mentre Lorenzo commette qualche errore di troppo e si ferma a 12.133 (D.4.3). Si prosegue al volteggio dove Lorenzo Galli ottiene 13.700 mentre Andrea Cingolani atterra seduto dallo Tsukahara teso con triplo avvitamento, 13.533 (D. 5.6) e va fuori pedana sul secondo salto, 12.866 (D. 5.2). Alle parallele pari Lorenzo Galli ottiene 13.200 (D. 4.7) mentre alla sbarra nella quarta rotazione porta a casa 12.800 (D. 5.2). Al corpo libero il campione assoluto italiano esce fuori dalla pedana da un esercizio altrimenti molto buono e deve accontentarsi di 12.533 (D. 5.2). Termina poi la sua gara con una determinante caduta dal cavallo con maniglie, 12.133 (D. 5.0) che lo esclude definitivamente dalla finale a ventiquattro.

La ginnastica maschile scende nuovamente in campo giovedì 5 ottobre per la finale all-around e il 7 e l’8 ottobre per le finali di specialità.

  1. Popular
  2. Trending
  3. Comments

Top News

Calendario

« Giugno 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30