Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 19 Novembre 2018

Oltre all’AEON Cup, in quest’ultimo fine settimana si sono disputati i Campionati Panamericani di Ginnastica Ritmica, che per quest’anno hanno avuto luogo nella capitale del Perù, Lima.

Le gare, che si sono svolte il 29 e il 30 Settembre, hanno visto il trionfo degli Stati Uniti nelle competizioni individuali e un’alternanza tra Brasile e Messico in quelle di squadra.

Il primo giorno di competizione si è tenuto il concorso per nazioni individuale, il concorso generale individuale e la competizione per squadre.
Nel primo degli eventi, il concorso per nazioni, la vittoria è andata agli Stati Uniti (Laura Zeng, Lili Mizuno, Nastasya Generalova) che con il totale di 169.400, si è portata a casa il primo oro. Seguono il Messico (Karla Diaz Arnal, Marina Malpica, Rut Castillo Galindo), medaglia d’argento con 159.100 e il Brasile (Natalia Gaudio, Bárbara Domingos, Heloisa Bornal, Mariany Miyamoto), medaglia di bronzo con 156.400.
Fuori dal podio troviamo Canada (che manca dal podio dal 2016), Colombia, Argentina e Cile.

Oltre al concorso per nazioni, si è tenuto in contemporanea a questa competizione, anche il concorso generale individuale che ha visto al via 31 ginnaste.
La vittoria è andata all’americana Laura Zeng, che col punteggio totale sui quattro attrezzi di 71.800, ha dominato l’intera competizione. Con lei sul podio la messicana Marina Malpica, argento con 66.700 e la brasiliana Natalia Gaudio, terza con 65.150.

Nella prima giornata, c’è stata anche l’occasione di vedere la competizione a squadre, che ha visto la vittoria del Messico con 38.200, dato dalla somma di 19.800 nei 5 cerchi e 18.400 nell’esercizio misto. Con loro sul podio, gli Stati Uniti, argento con 37.400 (19.000 ai cerchi e 18.400 nel misto) e il Brasile, bronzo con 36.300 (19.800 e 16.500). Fuori dal podio la squadra del Canada, sul podio nella scorsa edizione dei Campionati.

Nella giornata conclusiva si sono tenute le finali di specialità, riservate alle prime otto classificate nella fase qualificatoria.
Nelle finali individuali, si è assistito alla vittoria in tutte le finali di Laura Zeng, che in questa edizione dei campionati continentali è riuscita ad aggiudicarsi sei ori su sei, incluso quello nel concorso individuale. Nella prima finale, al cerchio, vinta con 19.250, sono salite insieme a lei sul podio la sua compagna di nazionale Lili Mizuno (17.050) e la messicana Marina Malpica, bronzo con 16.900.
Stessa situazione ma con ginnaste diverse nella seconda delle finali, quella con la palla: con Laura Zeng, oro con 18.200, sono salite sul podio l’altra delle compagne di nazionale Nastasya Generalova (16.450) e la messicana Rut Castillo Galindo, che con 15.800 ottiene il bronzo.
Nella terza delle finali, alle clavette, i primi due posti del podio rimangono gli stessi (rispettivamente con 18.600 e 17.050 ma sul gradino più basso del podio troviamo la canadese Sophie Crane (oro in questo attrezzo agli ultimi Commonwealth Games), che chiude la finale con 16.350, regalando così al Canada l’unica medaglia nell’individuale.
L’ultima delle finali, quella col nastro, ha visto un’altra vittoria di Laura Zeng (16.550), seguita dalla messicana Karla Diaz Arnal (15.200) e dalla brasiliana Bárbara Domingos (15.100).

Nelle finali a squadre, la prima finale, quella con i cerchi, è stata vinta dal Brasile che ha dominato la competizione con 20.950, seguita dal Messico con 19.150 e dal Canada con 18.350. Fuori dal podio gli Stati Uniti (sul podio nel concorso generale), che si sono viste sfuggire le posizioni più alte a seguito di un fuori pedana.

L’ultima delle due finali, quella con 3 palle e 2 funi, è stata vinta dal Messico (18.150), seguita dagli Stati Uniti (18.100) e dal Brasile, che nonostante un 16.500 frutto di un’esecuzione caratterizzata da una penalità, è riuscita a vincere il bronzo.

Nella sezione degli allegati è possibile trovare le classifiche complete.

Si sono conclusi sabato 7 luglio, i Campionati Americani di Ginnastica Ritmica che si sono tenuti a Greensboro, nel North Carolina.
Questa competizione è stata molto importante in quanto è servita per determinare i nomi delle partecipanti ai Mondiali di metà settembre e ai Giochi Olimpici Giovanili in programma ad Ottobre.

Nella competizione individuale senior, Laura Zeng ha vinto il suo quarto titolo con un totale ottenuto dalla somma dei punteggi di qualificazione e finale sui quattro attrezzi di 138.319 (Cerchio: 36.984 / Palla: 35.384 / Clavette: 35.167 / Nastro: 32.784) seguita da Evita Griskenas con 135.386 e da Camilla Feeley con 133.357.
Oltre ad aver vinto tutte le finali per attrezzo, Laura ha conquistato anche il premio “Athlete of the year” per la Ginnastica Ritmica.

Nella competizione a squadre la vittoria è andata alla “North Shore Rhythmic Gymnastic Center” (Dasha Baltovick, Isabelle Connor, Ugne Dragunas, Connie Du, Elizaveta Pletneva, Nicole Sladkov,Kristina Sobolevskaya) che con un punteggio di 63.800 ottenuto con gli esercizi ai cinque cerchi e a tre palle e due funi, si è aggiudicata il titolo all-around

Ultimo ma non meno importante, l’evento di qualificazione per le Youth Olympic Games: sarà Elizabeth Kapitonova a partire per Buenos Aires, che grazie al 120.937 (32.101 / 31.184 / 29.801 / 27.851) ha ottenuto il pass per partecipare alle YOG di Ottobre.

  1. Popular
  2. Trending
  3. Comments