Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 23 Ottobre 2018

Tra sabato 10 e domenica 11 Marzo si sono svolte, a Liverpool, le finali dei Campionati Britannici di ginnastica artistica del 2018 che hanno incoronato Kelly Simm e Brinn Bevan all’all around (senior).

La stagione in Gran Bretagna è iniziata senza le big inglesi Ellie Downie e Claudia Fragapane: la campionessa europea è in fase di recupero dopo un intervento, mentre la regina dei Giochi del Commonwealth, pochi giorni prima, ha comunicato di non poter gareggiare a causa di un infortunio al tendine d’Achille (per ulteriori informazioni sull’infortunio di Claudia Fragapane leggi qui).

Kelly Simm ha eseguito i quattro attrezzi in modo pulito ottenendo un punteggio totale di 53.400: Kelly, che spegnerà 23 candeline il prossimo mese, è la campionessa britannica “più anziana” , sostituendo Beth Tweddle che nel 2007 vinse il suo settimo titolo consecutivo poco dopo aver compiuto 22 anni. La neo campionessa ha affermato: “Non posso crederci! Sono molto contenta di aver eseguito quattro esercizi in modo pulito. Essere una campionessa britannica è da empre un sogno, ma non pensavo fosse possibile!”

Amy Tinkler (53.050) ha firmato un buon secondo posto: il bronzo olimpico al corpo libero ha pagato due cadute. Da sottolineare, però, il corpo libero dove Amy ha stupito con il Moors (un doppio salto teso indietro con doppio avvitamento) e ha conquistato l’oro nella finale di specialità. La classifica femminile è stata chiusa da Charlie Fellows (52.850) .

Nell’all around maschile ha trionfato Brinn Bevan con un punteggio totale di 84.400: un successo importante per l’atleta che è tornato da poco in gara a causa di un infortunio. Brinn ha commentato così la sua vittoria: “E’ stato fantastico. Lo scorso anno è stato molto difficile per me poiché, a causa dell’infortunio, ho dovuto lavorare duramente per tornare a gareggiare. Oggi questo sacrificio è stato ripagato.”

Il podio è stato completato da Dom Cunningham (83,000), che ha mostrato un alto coefficiente di difficoltà, ma ha pagato diversi errori, e Dan Purvis (82.250).

  1. Popular
  2. Trending
  3. Comments