Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 21 Ottobre 2018

Si è tenuta nella serata di martedì 16 Ottobre all’America Pavillon di Buenos Aires, la finale del concorso generale di Ginnastica Ritmica, che ha chiuso le competizioni per la Ginnastica di queste straordinarie Olimpiadi Giovanili.

A vincere la competizione è stata la Russia con Daria Trubnikova che con un totale sui quattro attrezzi di 69.400, continua lo strapotere russo anche nelle Olimpiadi Giovanili: l’allieva di Amina Zaripova (al secondo titolo olimpico dopo l’exploit di Margarita Mamun a Rio 2016) ripete così l’impresa di Alexandra Merkulova e Irina Annenkova, sul gradino più alto del podio a Singapore 2010 e Nanjing 2014.
Seconda l’ucraina Khrystyna Pohranchyna con 65.100: il piccolo prodigio di Lviv, in prima posizione dopo la rotazione al cerchio, ha perso la grande occasione di portarsi a casa il metallo più pregiato a seguito di una serie di errori a palla e nastro, che però non hanno pregiudicato la competizione e che l’hanno fatta diventare la prima ucraina a salire sul podio in un’olimpiade giovanile.
Terza la nostra Talisa Torretti, che conil punteggio di 64.650 scrive una nuova, straordinaria pagina di storia della ginnastica ritmica italiana: la fabrianese bronzo europeo al nastro in carica e vicecampionessa europea con la squadretta nel 2017, allenata dal duo Cantaluppi/Ghiurova, è alla seconda medaglia in queste Olimpiadi Giovanili, che segue l’oro nel mixed team event conquistato la settimana scorsa.

Completano la classifica la bielorussa Anna Kamenschikova (63.600), la bulgara Tatyana Volozhanina (62.100), l’armena Yulia Vodopyanova (60.950), l’israeliana Valeria Sotskova (60.800) e la giapponese Aino Yamada (58.200).

Ora per la nostra Talisa gli impegni continuano: appena rientrata in Italia, affronterà le altre tre prove di Serie A con la Ginnastica Fabriano, al comando della classifica dopo la prima giornata di gara. Da lì, ci sarà il passaggio alla categoria Senior, che avverrà in un anno molto importante nel viaggio verso le Olimpiadi di Tokyo 2020 e al quale l’Italia dei piccoli attrezzi non vuole farsi trovare impreparata.

All’America Pavillon di Buenos Aires, si sono tenute tra martedì 9 e mercoledì 10 (tra la sera e la notte italiana) le qualificazioni per la Ginnastica Ritmica, con Talisa Torretti nostra rappresentante per i colori azzurri.

Al termine delle due giornate di qualificazione, a dominare la competizione è stata la russa Daria Trubnikova, che con il totale di 68.575 non ha avuto alcun problema ad ottenere l’accesso alla finale all-around in programma martedì 16. Seconda e con un totale di 64.750 la nostra Talisa Torretti: la giovane allieva di Julieta Cantaluppi e Kristina Ghiurova, in forza alla Ginnastica Fabriano, ha ottenuto alla prima partecipazione per l’Italia nei piccoli attrezzi alle Olimpiadi Giovanili, una storica qualificazione, che fa ben sperare per una buona posizione nella finale.
Terza, l’ucraina Khrystyna Pohranychna, che col totale di 62.050, è un’altra delle “candidate” al podio della finale del concorso generale.

Alla finale del concorso generale, alla quale prenderanno parte le prime 8 col punteggio più alto ottenuto in qualifica, troveremo anche l’israeliana Valeriia Sotskova (61.800), la bulgara Tatyana Volozhanina (60.350), la giapponese Aino Yamada (59.450), l’armena Yulia Vodopyanova (59.350) e la bielorussa Anna Kamenshchikova (57.450), che è riuscita a qualificarsi alle finali nonostante un esercizio alla palla valutato con una nota bassa a seguito di un errore molto importante.

Con le qualificazioni per la Ginnastica Ritmica, si conclude la fase del concorso multidisciplinare che ha visto impegnate in pedana 12 squadre composte da 13 ginnasti ciascuna, tutti parte della ginnastica artistica femminile e maschile, ritmica, trampolino elastico e acrobatica.
Sul podio di questa competizione c’è stata anche un po’ di Italia, in quanto la nostra Talisa Torretti ha conquistato la medaglia d’oro col Team Biles, vincendo la gara con 293 punti e rappresentato anche da Daria Trubnikova e Elizaveta Luzan (Ritmica), Mariela Kostadinova e Dimitrov Panayot (Acrobatica), Ruan Lange, Krisztian Balazs, Nazar Chepurnyi (Ginnastica Artistica Maschile), Tamara Anika Ong, Nhu Phuong Pham, Alba Petisco (Ginnastica Artistica Femminile), Liam Christie e Xinyi Fan (Trampolino Elastico).

Seguono sul podio il Team Whitlock e il Team Chusovitina, con rispettivamente 349 e 352 punti.

Nella sezione allegati è possibile trovare i risultati delle qualificazioni della Ritmica.

Si è conclusa oggi a Takasaki, in Giappone, l’AEON Cup, una sorta di “Campionato del Mondo per Club” che ogni anno vede protagoniste le ginnaste delle categorie Senior e Junior gareggiare per il proprio club di appartenenza con un team, che per regolamento deve essere composto da due ginnaste per la prima e da una per la seconda categoria.

Nel concorso per nazioni, il club Russo Gazprom ha stravinto la competizione, schierando le gemelle Dina e Arina Averina e la Junior Anastasia Sergeeva, ottenendo il primo posto con 236.100. Al secondo posto, invece, troviamo le bielorusse della Dynamo Minsk (Katsiaryna Halkina, Anastasiia Salos, Yana Striga) con 209.350, a quasi 27 punti dal primo posto.
Sul gradino più basso del podio, invece, troviamo le ginnaste israeliane del Team Israel (Linoy Ashram, Nicol Zelikman, Adi Asia Katz), bronzo con 205.450.

Nella competizione Senior individuale, non vi sono state molte sorprese, in quanto le gemelle russe Dina e Arina Averina hanno dominato la competizione, vincendo rispettivamente l’oro e l’argento con 82.650 e 80.450. Il bronzo è andato all’israeliana Linoy Ashram, con 76.15.

Quarto posto invece per la bielorussa Katsiaryna Halkina, che conclude la competizione con 71.750.

Nella competizione Junior individuale, l’oro è andato alla russa Anastasia Sergeeva, con un punteggio di 73.000 che l’ha portata alla vittoria. Seconda e con un totale di 62.500, l’idolo di casa, la giapponese Aino Yamada, prossima alla partenza per le Youth Olympic Games. Terza, con 61.350, la bielorussa Yana Striga.

A differenza delle ultime edizioni, si è vista la partecipazione di poche squadre e soprattutto, la mancata presenza delle nostre ginnaste, che sono impegnate nella preparazione ai Campionati di Serie A e B, che prenderanno il via il 13 e 14 Ottobre da Forlì.

  1. Popular
  2. Trending
  3. Comments