Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 17 Agosto 2018

In data 1-2-3 Giugno si è svolto l'evento "World Championships" a Guimaraes,che ha visto la partecipazione dei migliori atleti di Ginnastica Aerobica al mondo.L'allenatrice Simona Scotto esprime subito la sua gioia:<<Abbiamo portato a casa due medaglie pesantissime l'oro nella coppia che si riconferma campione del mondo dopo la medaglia presa nel 2016 e quella inaspettata è la medaglia di bronzo di Anna Bullo nell'Individuale Femminile che pur sapendo l'alto valore dell'atleta comunque piazzarla già in finale per noi era veramente un sogno,poi è andata in pedana con la convinzione,determinazione e magari con un pò di inconsapevolezza di ciò che stava accadendo e ha ottenuto un ottimo terzo posto grazie alla sua performance strepitosa che comunque oltre alla medaglia abbiamo ricevuto i complimenti da parte di tutti per la sua prestazione.Il resto dei ragazzi si è comportato molto bene perchè abbiamo ottenuto la finale di gruppo e dell'aerodance,speravamo qualcosina in più ma i ragazzi hanno dato il massimo e gli esercizi erano di un valore molto buono,però evidentemente non è bastato perchè ricordiamoci che è un campionato del mondo e ci siamo scontrati con Russia,Romania,Vietnam,Cina,Corea e molti altri atleti. Ovviamente c'è stata gioia per la medaglia d'oro della coppia, soprattutto per me che ho visto questi ragazzi crescere e li seguo da quando erano piccoli,ci hanno regalato un emozione pazzesca quindi la medaglia più bella è la loro.>>

L'atleta Emanuele Caponera che ha partecipato con il gruppo,l'aerodance e il trio inizia parlandoci del gruppo e dell'aerodance:<<Siamo tutti contenti dei risultati ottenuti,per quanto riguarda del gruppo la qualifica è andata meglio rispetto alla finale nella quale abbiamo commesso qualche errore tecnico,dal punto di vista emotivo anche se uscivamo come primo gruppo siamo usciti carichi con l'intento di spaccare la pedana e fare la differenza sia dal punto di vista artistico che esecutivo.Per quanto riguarda Aerodance per me come per altri miei compagni di squadra era la prima volta che ci esibivamo in questa categoria ad un evento importante come un mondiale.Non essendo presenti elementi di difficolta l'unica cosa a cui dovevamo pensare era l'artistico e l'esecuzione,come nel gruppo eravamo pronti carichi ed emozionati,volevamo migliorareil punteggio rispetto alla qualifica e ci siamo riusciti>>

Attenzione,abbiamo tenuto il meglio per ultimo!!Michela Castoldi e Davide Donati ci raccontano delle emozioni che la coppia campionessa del mondo gli ha fatto provare:<<Eravamo molto tesi ed emozionati però comunque consapevoli delle nostre capacità.Per il singolo non avevo particolari ambizioni,volevo solo fare un buon esercizio e divertirmi in pedana.Per la coppia e per il gruppo invece le aspettative erano alte.Il giorno della finale io e Davide eravamo agitatissimi,quasi non siamo riusciti a mangiare e a parlarci per tutto il giorno.Eravamo consapevoli  di avere già l'oro in pugno ma comunque stavamo affrontando una finale mondiale.Una volta entrati  in pedana abbiamo dato tutto quello che avevamo,ci siamo emocionati e abbiamo iniziato a piangere ancora prima della fine dell'esercizio.E' stato un momento magico,eravamo sicuri di esserci riconfermati.Quando è uscito il punteggio non abbiamo neanche guardato i vari parziali abbiamo visto 22.500 e siamo scoppiati a piangere,avevamo vinto.Subito dopo la premiazione della coppia abbiamo avuto la finale di gruppo.Siamo entrati primi in pedana e forse un pò l'emozione ci ha traditi.Abbiamo fatto comunque una buona prova ma non impeccabile,non da medaglia.Siamo comunque contneti,quinti al mondo non è sicuramente cosa da poco in generale siamo tutti soddisfatti,abbiamo fatto tutti delle buone gare,il livello è molto alto ma noi siamo molto competitivi!>>

Oro, argento e bronzo per l'Aerobica Azzurra alla World Cup di Cantanhede. Non poteva sperare in bottino migliore la delegazione italiana guidata dalla DTN Luisa Righetti, che terminate le finali di specialità parla di “ Squadra coesa”.

La coppia Iridata Castoldi – Donati sale sul gradino più alto del podio migliorando di quasi tre decimi il punteggio di qualificazione e dimostrandosi come uno dei binomi più forti in circolazione, confermando le proprie qualità da quell'oro straordinario, il primo per l'aerobica italiana, dei Mondiali coreani di Incheon nel 2016. Con il punteggio di 21.650 punti ( 21.400 il punteggio qualificante) staccano di un decimo la coppia Ungherese e di quasi un punto il Brasile.

Piazza d'onore per il gruppo Castoldi – Donati – Conti – Caponera – Patteri, che totalizzano 21.350 punti, lasciando alle spalle una Bulgaria strepitosa a quota 21.194 e davanti solo alla Nazionale Russia.

Bronzo invece per il trio. A scendere in pedana i “tre moschettieri” Nacci – Cavalieri – Pentassuglia che ragguagliano 20.025, punteggio che li posizioni ai piedi del podio dietro solo alla Russia a 21.577 e Francia con punti 20.972.

Le Finali individuali non regalano le stesse emozioni invece, solo sesta l'ambasciatrice dell'aerobica femminile Michela Castoldi, che pur incrementando le difficoltà della sua routine non riesci a strappare posizioni utili al podio. Comunque soddisfatta gara, la cinque volte campionessa assoluta italiana, per aver incrementato difficoltà ed artisticità e aver confermato il suo valore in tutte le specialità.

Insieme ai Mondiali si è svolta dal 23 al 25 Marzo sempre nella località portoghese l'International Open Competition, che ha visto scendere sul quadrato la delegazione italiana Donati – Conti – Caponera – Patteri – Cavalieri – Bonatti – Barbagallo – Santuccio, che con la loro prova di Aerobic dance staccando di un punto la squadra della Spagna salendo sul gradino più volta.

Chiusa questa settimana di competizione con l'oro di Elisa Meneghini al FX, delle Farfalle ai piccoli attrezzi e le quattro medaglie dell'Aerobica in Portogallo, possiamo dire che tutto il movimento della Ginnastica Azzurra goda di un'ottimo stato di forma.

Il Palazzetto dello Sport di Casalnuovo, ha accolto questa domenica la seconda e ultima giornata di gare dei Campionati di Specialità Gold junior e senior di Aerobica. Dagli Allievi e Junior A di sabato siamo passati agli Junior B e ai Senior.

Per la prima categoria Camilla Cubito (AmicoSport), con il personale di 20.750, si aggiudica l’oro nell’Individuale femminile davanti a Sara Cutini (P.S. Elpidio – 20.450) e Sofia Cavalleri (Aerobica Evolution – 20.200). Per i colleghi della maschile, invece, Davide Nacci lascia il vuoto dietro di sè. Con il suo 21.050 relega Francesco Blasi (Aeros Latina) e Francesco Sebastio (Ginn. Francavilla), rispettivamente sul secondo e terzo gradino del podio.

In Coppia Mista oro e argento vanno a Rossi/Presta (Agorà) e Blasi/Zecchin (Aeros Latina). Beltrame/Verderio/Rexhepi (Ginn. Valentia) balzano in testa alla classifica del Trio con 18.700 punti. Piazza d’onore per Cavalleri/Conti/Previtali (Aerobica Evolution) con 18.400. Bronzo per Cutini/Foresi/Lami (P.S. Elpidio) con il punteggio di 17.750). I tre Gruppi Beraldo/Picchio/Vitarelli/Beltrame/Verderio (Ginn. Valentia), Alighieri/Belletti/Cutini/Felicioni/Foresi/Lami (P.S. Elpidio) e Di Meo/Falera/Ferrazza/Presta/Rossi (Agorà) vincono oro, argento e bronzo, rispettivamente con 18.350, 17.500 e 17.300 punti.

Nel pomeriggio si è passati alla massima serie. Michela Castoldi è la campionessa individuale 2017. La stella dell’Amicosport si aggiudica la specialità con 21.500 punti davanti a Sara Natella (Agorà – pt. 21.150) e Anna Bullo (Sambughè – 20.500). Davide Donati, invece, trionfa nell’individuale maschile con 21.250 punti. Argento per Marcello Patteri (Mistral) con il personale di 21.300. Bronzo per Paolo Conti (Aerobica Evolution) a quota 20.650. In Coppia Mista si sono sfidati i ginnasti di tre società diverse. Caponere/Natella, con il punteggio di 21.550, si aggiudicano il metallo più prezioso davanti agli atleti dell’Aerobica Evolution, Conti/Oberti (pt. 19.300) e a quelli dell’Operazione Fitness, Bonatti/Zennaro (pt. 18.800). Anche per il Trio le formazioni in gara sono state tre: Bonatti/Scavezzon/Zennaro (Operazione Fitness), conquistano 19.800 punti e la vetta della classifica. Alle spalle Coti/Tomasoni/Tomasoni (Ghisalbese), con 19.430 punti e Iacopini/Paniccià/Scrosta (Nuova Ginnastica), con il punteggio di 17.510.

Il Gruppo dell’Amicosport (Banfi/Castoldi/Cavalieri/Ciaramidaro/Lenzini) e quello dell’Aeros Latina (Cela/Lepori/Maran/Salzano/Zecchin) chiudono la competizione e la cerimonia di premiazione portando al collo, rispettivamente, l’ultimo oro e argento di giornata. La manifestazione partenopea, curata nei minimi dettagli dalla Fitness Trybe di Pomigliano d’Arco, è stata impreziosita dalla presentazione della Squadra nazionale di Aerobica, recentemente protagonista dei Campionati Europei di Ancona di fine settembre. 

A qualche giorno di distanza dalla decima edizione dei Campionati Europei di Ginnastica Aerobica, abbiamo deciso di provare a raccontarvi le emozioni che questo fantastico mondo ci ha regalato.

Non era la prima volta che il nostro sito si occupava di questa disciplina. La differenza, però, è che ad Ancona siamo stati dei privilegiati spettatori.

Iniziamo col dire che una qualiasi manifestazione internazionale disputata in casa, è speciale di per se. Non solo perchè non devi affrontare viaggi estenuanti ma soprattutto perchè hai l'onore (e l'onere, sia chiaro) di poterti esibire di fronte al tuo pubblico.

Il Pala Prometeo Estra di Ancona ne è stato certamente la prova, con i suoi 2000 spettatori, che nel week end hanno saputo trasmettere ai loro paladini delle emozioni uniche.

Quest'energia speciale l'abbiamo percepita anche noi, e l'abbiamo vista dipinta sui volti di tutti gli atleti azzurri. Tantissime le lacrime, di gioia ovviamente, al termine di ogni routine. Tanta grinta e determinazione ma soprattutto un gruppo fantastico. 

Il Gruppo, questo è l'aspetto principale, quello che ci ha colpiti di più. Quello che secondo noi, questi ragazzi, potrebbero insegnare a molti. 

Non parliamo tanto per farlo. Parliamo sui fatti. E ciò che ha fatto emozionare noi e questo meraviglioso mondo è stata la dichiarazione di Michela Castoldi della quale vi riportiamo uno stralcio: "Siamo 5 ragazzi semplici, uguali ma diversi. Nel corso degli anni abbiamo trovato una sintonia pazzesca, un legame che ci unisce dentro e fuori la pedana, una amicizia che si consolida ogni giorno di più. Condividere queste esperienze con voi è per me un onore, ognuno di voi mi ha insegnato qualcosa e mi ha aiutata a crescere sia come atleta che come persona. Vi considero i miei migliori amici e non potrei mai immaginarmi di entrare in pedana senza uno di voi. Ognuno di noi ha dato il cuore su quella pedana e si, purtroppo la medaglia non è arrivata, ma non è quello l'importante. Le medaglie prima o poi finiscono in un cassetto, le emozioni invece rimangono nel cuore."

I ginnasti che compongono le squadre azzurre, chiaramente, provengono da diverse parti d'Italia. Ma la sostanziale differenza rispetto alle altre discipline è che loro si riuniscono pochissime volte per provare tutti insieme i vari esercizi in gruppo, trio e coppia.

Provando a fare un paragone (cosa che non ci piace particolarmente ma renderà meglio l'idea) possiamo prendere ad esempio le Farfalle della Ritmica. A loro è dedicato un intero palazzetto (e a breve una struttura costruita appositamente) dove poter vivere ed allenarsi insieme tutto l'anno. 

E' chiaro, quindi, che il fatto di riuscire a portare in pedana degli esercizi in assoluta sincronia e trasmettere, allo stesso tempo, una complicità e coesione tale, rende ancor più pesanti le medaglie e i successi raggiunti.

Il presente di questa disciplina è ben chiaro, così come lo è il futuro. In pedana, infatti, si sono alternati i campioni di oggi e i campioni di domani. L'Aerobica Azzurra deve essere grata per l'immenso lavoro che tutti i tecnici svolgono dietro le quinte e dentro le rispettive palestre. Di fronte a noi c'è un lungo cammino che, speriamo, possa portare dopo oltre un ventennio di lavoro, la Ginnastica Aerobica, nell'Olimpo degli sport a cinque cerchi.

 

View the embedded image gallery online at:
http://ginnasticando.it/details/tag/Aerobica#sigProIdf56b046609

 

La seconda tranche di gara degli Junior è stata dedicata alla Coppia, al Trio e al Gruppo. Italia presente in tutte le specialità.

Davide Nacci e Alessandra Maggiore – saliti in pedana come primo duo degli otto qualificati – conquistano 19.800 punti (D. 2.4 – A. 8.9 – E. 8.5) e il quinto piazzamento finale. L’altra formazione azzurra, invece, composta da Matteo Falera ed Elisabetta Verderio, si è presentata sulla pedana del Pala Prometeo Estra come quinta coppia in ordine di salita. Performance esplosiva per i due ginnasti classe 2001 e 2002 che raggiungono quota 19.450 punti (D. 2.45 – A. 8.7 – E. 8.3) e la settima posizione alle spalle dell’altra formazione russa formata da Kuritsyn/Golubeva che ha totalizzato 19.650 punti.

Dopo l’argento nel singolo maschile ecco che ne arriva subito un altro: Davide Nacci trascina il suo Trio – in squadra con Blasi e Sebastio – a quota 20.550 (D 2.850 – A 9.050 E 8.650) e al secondo gradino del podio continentale juniores, replicando l’argento che Anzalone, Pugliese e Giugno vinsero nell'edizione di Coimbra del 2005. Due decimi il distacco dalla Turchia, che grazie a Onbasi/Ersos/Sahin mette in bacheca il titolo detenuto proprio dall’Italbaby due anni fa in Portogallo. Terza l’Ungheria (19.550), in vantaggio su Romania (19.200) e sulla seconda formazione azzurra in pedana con Cutini/Ferragina/Foresi (19.150).

I Gruppi hanno chiuso le finali riservate alla categoria junior dei X Campionati Europei di Ginnastica Aerobica. Otto gruppi – per un totale di 40 ginnasti – hanno offerto un grande spettacolo al pubblico del Pala Prometeo Estra. Esercizi spettacolari ricchi di difficoltà e artisticità, caratterizzati da un ritmo coinvolgente, sono stati la ciliegina sulla torta di una mattinata di Ginnastica allo stato puro. La formazione di Ancona 2017 (Sofia Cavalleri, Camilla Cubito, Greta Picchio, Giulia Previtali e Camilla Rizzotto) - rinnovata rispetto a quella di Elvas 2015, ad eccezione della torinese dell’Amico Sport - conquista 18.750 punti (D. 1.85 – A. 8.8 – E. 8.1) e la settima posizione in classifica davanti al Portogallo, ottavo a quota 18.700. Oro per Romania (pt. 20.050), argento per la Russia (pt. 19.800) e bronzo per la Francia (pt. 19.650). Ai piedi del podio, invece, l’Ungheria con un 19 tondo. L’Italbaby lascia il posto ai compagni più grandi per le finali senior. La gara sarà riprenderà alle 15.00.

(Foto Matteo Zallocco/FGI)

Al PalaPrometeo Estra di Ancona sta per iniziare la decima edizione dei Campionati Europei di Ginnastica Aerobica. Un grandissimo successo di Marco Cadeddu e della sua Pesaro Gym, quello di aver portato per la prima volta nella storia un Europeo di Aerobica nel Bel Paese.

Un orgoglio che si unisce a quello di una'altra prima volta stupenda: i Mondiali di Ritmica dello scorso mese a Pesaro. 

A dirla tutta la kermesse è iniziata martedì scorso con l'Age Group 1 dove gli azzurrini hanno portato a casa un brozno con il gruppo e un bronzo individuale con Maurizio Lubrano Lavadera.

Venerdì 22, invece, hanno avuto inizio le qualifiche degli junior dove l'Azzurrino Davide Nacci ha mostrato tutto il suo talento qualificandosi nell'individuale, con il trio e nella coppia. Un vero portento la stella pugliese, che potrebbe regalarci delle bellissime sorprese nelle finali di domani.

Oggi, invece, per quanto riguarda le qualifiche, spetterà ai Senior. In pedana, tra tutti, cresce l'attesa di vedere i Campioni del Mondo 2016 Michela Castoldi e Davide Donati insieme ai compagni Big dell'argento Mondiale Paolo Conti, Sara Natella ed Emanuele Caponera. 

Insomma, ad Ancona ne vedremo davvero delle belle. Scintille in vetta contro le superpotenze dell'Aerobica Europea Spagna, Romania, Russia e Ungheria, che, insieme all'Italia, sono le stelle del firmamento continentale. In bocca al lupo a tutti.

E’ tornato lo squadrone. Dopo essersi lasciata alle spalle un 2016 straordinario coronato dalla vittoria nella Coppia Mista del suo primo oro mondiale, l’Aerobica azzurra riparte dalla World Cup di Cantanhede - in scena dal 26 al 28 maggio - per scrivere un’altra ( l’ennesima) pagina di storici successi. In Portogallo l’Italia difende la bellezza di tre medaglie (l’oro nella coppia, un bronzo individuale e un argento con il gruppo) ma soprattutto il titolo FIG, conquistato l’anno scorso proprio nella località iberica, da Michela Castoldi.

Per l’appuntamento di ritorno la DTN Luisa Righetti ha scelto il suo sestetto, una formazione che sia a livello individuale che nelle categorie composte darà gran filo da torcere alla concorrenza internazionale: la campionessa in carica della Coppa del Mondo è in partenza oggi dall’aeroporto di Ciampino insieme ai compagni Davide Donati (Delfino), Emanuele Caponera, Sara Natella (Agorà), Paolo Conti (Aerobica Evolution) e Riccardo Pentassuglia (Francavilla). Completano la delegazione guidata direttamente dalla Direttrice Tecnica di sezione, la giudice Gloria Gastaldi e il coach Cristian Ciprari.

Di seguito la formazione e gli incastri in vista della gara all’Os Marialvas:

Individuale Femminile: Castoldi e Natella

Individuale Maschile: Pentassuglia e Conti

Coppie Miste: Donati/ Castoldi e Caponera / Natella

Gruppo: Caponera, Castoldi, Conti, Donati e Natella.

Dal 5 al 7 maggio i "magnifici 5" dell'Aerobica Azzurra, già vincitori dell'argento Mondiale di gruppo ad Incheon (KOR), si incontreranno a Colleferro per il collegiale nazionale convocato dalla DTN Luisa Righetti.

I ragazzi convocati sono:

  • Emanuele Caponera - Agorà
  • Michela Castoldi - Amico Sport
  • Paolo Conti - Aerobic Evolution
  • Davide Donati - Delfino
  • Sara Natella - Agorà

A seguire l'allenamento, oltre alla DTNA, i tecnici Giovanni Marsella, Cristian Ciprari e Erika Perugini.

 

Si sono svolte ieri pomeriggio le finali a squadre e all around dei Giochi del Mediterraneo Juniores a Guadalajara, in Spagna. La competizione prevede le discipline della ginnastica artistica maschile e femminile con l'introduzione dell'aerobica.

Come era prevedibile, l'Italia ha fatto la sua bellissima figura tra i paesi del bacino mediterraneo partecipanti.

Iniziando dalle ragazze, Elisa Iorio, Martina Basile e Alice D'Amato che hanno monopolizzato i primi posti dei podi a squadre, quelli all around e le classifiche della qualificazione ad attrezzo.

Infatti l'Italia GAF ha vinto con 107.350, davanti alla Spagna (100.150) e alla Francia (98.300). Le tre ragazze si prendono anche tutto il podio all around con Iorio (53.950) davanti a D'Amato (53.000) e a Basile (52.350).

Per quanto riguarda le finali ad attrezzo, in cui entra solo un/a ginnasta per nazione, le nostre non si sono smentite. Sono Elisa e Alice che si dividono i primi posti rispettivamente a volteggio e parallele, e trave e corpo libero.

Anche la maschile però non rimane a bocca asciutta. I tre ragazzi Yuman Abbadini, Mirko Galimberti e Lay Giannini vincono l'argento a squadre con 153.700, dietro la Spagna (155.600) e davanti all'Egitto (147.900).

Inoltre, Giannini (77.700) e Abbadini (75.250) sono secondo e terzo nel concorso generale, dietro allo spagnolo Nicolau Mir (78.650).

Per quanto riguarda le finali ad attrezzo, è proprio Giannini il più premiato: disputerà infatti le finali di corpo libero, cavallo con maniglie, anelli, parallele pari e sbarra. A Galimberti la finale al volteggio, invece.

Finali a squadre anche per quanto riguarda l'aerobica. Davide Nacci e Camilla Cubito arrivano però quinti, in quanto le altre nazioni (Egitto, Spagna, Francia e Turchia) avevano a disposizione almeno un ginnasta (e quindi un punteggio) in più.


Oggi, 9 aprile si tengono le finali ad attrezzo per l'artistica, individuale e coppia mista per l'aerobica.

Al via il progetto Stelle nello Sport che nella sua 18ª edizione promuove anche la maratona benefica a favore della Gigi Ghirotti Onlus sulla piattaforma CharityStars. L’Asta Benefica delle stelle sosterrà interamente, ancora una volta, l’Associazione Gigi Ghirotti Onlus e suoi progetti di sviluppo per garantire una migliore assistenza ai malati terminali e alle loro famiglie. Una vera e propria maratona benefica a cui hanno aderito tantissime realtà sportive, tra cui la Federazione Ginnastica d’Italia con la coppia azzurra, campione del mondo di Aerobica, Michela Castoldi e Davide Donati che hanno partecipato con una tuta della nazionale autografata (tutt’ora all’asta su CharityStars). Tra gli altri protagonisti anche le squadre di calcio di Genoa e Sampdoria, Virtus Entella (maglie di Troiano, Caputo, Ceccarelli, Keita) e Spezia Calcio (maglie di Nené, Sciaudone, Terzi, Migliore). Dalla Serie A anche le maglie di Buffon (Juventus), Diamanti (Palermo), Meggiorini (Chievo). E poi tanti campioni olimpici: da Federica Pellegrini (Nuoto) a Stefano Tempesti (Pallanuoto), passando per Roberto Cammarelle (Pugilato), Silvia Salis (Atletica Leggera), le Sincronette di Rio de Janeiro (Nuoto Sincronizzato), Tommy Negri (pallanuoto)e i Campioni della Nazionale Italiana di Pallavolo. All’asta anche cimeli storici come la maglia Olanda n° 9 autografata da Kluivert, le casacche storiche dei Chicago Bears (Anno 1984) e Denver Broncos (Anno 1984) in NFL e la maglia del Kappa Cus Torino Pallavolo di Piero Rebaudengo. Dopo la donazione di 19.000 euro nella stagione 2015-2016, il progetto Stelle nello Sport prova ad aumentare ancora il sostegno alla Gigi Ghirotti anche grazie alla prestigiosa partnership siglata con CharityStars, splendida idea di finanziamento del terzo settore unica nel suo genere, scaturita dalla mente di tre giovani imprenditori under 30, Manuela Ravalli, Francesco Nazari Fusetti e Domenico Gravagno.

Fonte: Stelle Nello Sport

  1. Popular
  2. Trending
  3. Comments

Top News

Calendario

« Agosto 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31