Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 14 Dicembre 2018

In data 1-2-3 Giugno si è svolto l'evento "World Championships" a Guimaraes,che ha visto la partecipazione dei migliori atleti di Ginnastica Aerobica al mondo.L'allenatrice Simona Scotto esprime subito la sua gioia:<<Abbiamo portato a casa due medaglie pesantissime l'oro nella coppia che si riconferma campione del mondo dopo la medaglia presa nel 2016 e quella inaspettata è la medaglia di bronzo di Anna Bullo nell'Individuale Femminile che pur sapendo l'alto valore dell'atleta comunque piazzarla già in finale per noi era veramente un sogno,poi è andata in pedana con la convinzione,determinazione e magari con un pò di inconsapevolezza di ciò che stava accadendo e ha ottenuto un ottimo terzo posto grazie alla sua performance strepitosa che comunque oltre alla medaglia abbiamo ricevuto i complimenti da parte di tutti per la sua prestazione.Il resto dei ragazzi si è comportato molto bene perchè abbiamo ottenuto la finale di gruppo e dell'aerodance,speravamo qualcosina in più ma i ragazzi hanno dato il massimo e gli esercizi erano di un valore molto buono,però evidentemente non è bastato perchè ricordiamoci che è un campionato del mondo e ci siamo scontrati con Russia,Romania,Vietnam,Cina,Corea e molti altri atleti. Ovviamente c'è stata gioia per la medaglia d'oro della coppia, soprattutto per me che ho visto questi ragazzi crescere e li seguo da quando erano piccoli,ci hanno regalato un emozione pazzesca quindi la medaglia più bella è la loro.>>

L'atleta Emanuele Caponera che ha partecipato con il gruppo,l'aerodance e il trio inizia parlandoci del gruppo e dell'aerodance:<<Siamo tutti contenti dei risultati ottenuti,per quanto riguarda del gruppo la qualifica è andata meglio rispetto alla finale nella quale abbiamo commesso qualche errore tecnico,dal punto di vista emotivo anche se uscivamo come primo gruppo siamo usciti carichi con l'intento di spaccare la pedana e fare la differenza sia dal punto di vista artistico che esecutivo.Per quanto riguarda Aerodance per me come per altri miei compagni di squadra era la prima volta che ci esibivamo in questa categoria ad un evento importante come un mondiale.Non essendo presenti elementi di difficolta l'unica cosa a cui dovevamo pensare era l'artistico e l'esecuzione,come nel gruppo eravamo pronti carichi ed emozionati,volevamo migliorareil punteggio rispetto alla qualifica e ci siamo riusciti>>

Attenzione,abbiamo tenuto il meglio per ultimo!!Michela Castoldi e Davide Donati ci raccontano delle emozioni che la coppia campionessa del mondo gli ha fatto provare:<<Eravamo molto tesi ed emozionati però comunque consapevoli delle nostre capacità.Per il singolo non avevo particolari ambizioni,volevo solo fare un buon esercizio e divertirmi in pedana.Per la coppia e per il gruppo invece le aspettative erano alte.Il giorno della finale io e Davide eravamo agitatissimi,quasi non siamo riusciti a mangiare e a parlarci per tutto il giorno.Eravamo consapevoli  di avere già l'oro in pugno ma comunque stavamo affrontando una finale mondiale.Una volta entrati  in pedana abbiamo dato tutto quello che avevamo,ci siamo emocionati e abbiamo iniziato a piangere ancora prima della fine dell'esercizio.E' stato un momento magico,eravamo sicuri di esserci riconfermati.Quando è uscito il punteggio non abbiamo neanche guardato i vari parziali abbiamo visto 22.500 e siamo scoppiati a piangere,avevamo vinto.Subito dopo la premiazione della coppia abbiamo avuto la finale di gruppo.Siamo entrati primi in pedana e forse un pò l'emozione ci ha traditi.Abbiamo fatto comunque una buona prova ma non impeccabile,non da medaglia.Siamo comunque contneti,quinti al mondo non è sicuramente cosa da poco in generale siamo tutti soddisfatti,abbiamo fatto tutti delle buone gare,il livello è molto alto ma noi siamo molto competitivi!>>

Si è appena conclusa la "World Age Group Competition" a Guimaraes che ha visto in azione i nostri Juniores della Nazionale Italiana,abbiamo fatto delle interviste a caldo agli atleti e agli allenatori per sapere come sono andate tutto sommato queste giornate. Abbiamo parlato con l'allenatore Vito Iaia che afferma:<<La gara è andata bene,la finale purtroppo è stata condizionata dall'infortunio che ha colpito Francesco Blasi in semifinale però,dopo che abbiamo fatto alcune modifiche all'esercizio si è capito che la gara si poteva fare nel trio e abbiamo fatto il massimo che si poteva fare in queste condizioni.Mentre devo dire che la coppia ha fatto una buona performance migliorando la qualità rispetto alla semifinale.Infine devo dire che Francesco Sebastio è stato bravo dico poco...è stato super migliorando l'esercizio notevolmente e forse con un pizzico di fortuna la medaglia di bronzo sarebbe stata nostra.>>

Per quanto riguarda la DTN Luisa Righetti:<<La gara è andata molto bene per i risulatati individuali dove sapevamo che sarebbe stata difficilissima ma il quarto posto di Sebastio è stato grandioso ma anche Cavalleri e Ciurlanti rispettivamente a 1 decimo e 1 decimo e mezzo dalla finale femminile sono ottimi risultati.La coppia ha fatto una gara quasi impeccabile e ci soddisfa il settimo posto.Sul trio maschile eravamo fiduciosi di una possibile medaglia ma il lieve infortunio della qualificazione ha impedito ai ragazzi di esprimersi al meglio delle loro possibilità.Per questo anche il loro quinto posto è di grande pregio.Rimane il rammarico per il gruppo che alla vigilia del Mondiale ci faceva ben sperare ma che per più di un errore in qualifica ci ha regalato solo un nono posto.Fuori quindi di un solo posto dalla finale.La maggior parte di loro ha vissuto positivamente l'evento e i risultati conseguiti,ma le cinque ragazze del gruppo sono estremamente rammaricate per ciò che sarebbe potuto essere e non è stato.Ma sappiamo che ogni gara ha una sua storia e pensiamo già alla prossima!Comunque sono certa che al di la dei risultati ognuno sappia fare tesoro di questa importante esperienza.>>

Tra gli atleti intervistati abbiamo avuto il piacere di parlare con Francesco Sebastio che è molto soddisfatto dei risultati ottenuti in questo Campionato del Mondo.Per quanto riguarda l'individuale è rimasto soddisfatto di aver migliorato il risultato della semifinale e soprattutto di essere arrivato a 0,15 dal podio mondiale.Essere tra i migliori del mondo gli da una grande soddisfazione e per questo fa un ringraziamente speciale a tutto il Team Italia e al suo allenatore Vito Iaia che per lui è come un familiare.Mentre parlando del trio con Matteo Falera e Francesco Blasi hanno dato il massimo per fare più della semifinale nonostante l'infortunio di Francesco (che ha dato prova di coraggio,forza e determinazione) ovviamente sono stati costretti a fare delle variazioni e probabilmente l'artistico e l'esecuzione ne hanno risentito  però hanno dato il massimo e sono soddisfatti della prova di forza e soprattutto di amicizia che sono riusciti a dare.Francesco Sebastio ci racconta che è entrato per la prima volta in pedana senza paure e non avendo niente da perdere ha cercato di dare il massimo e il risultato è stato molto soddisfacente,afferma soprattutto che come ultimo anno junior è felicissimo di aver condiviso questa esperienza con una squadra fantastica.

Parlando con Matteo Falera a nome della coppia è emerso che la gara è andata abbastanza bene,difficile arrivare al podio ma hanno cercato a tutti i costi di conquistare una medaglia,erano molto felici del risultato perchè hanno dato il massimo,anche se a fine routine erano senza forze. Invece Arianna Ciurlanti spiega che è stata un esperienza bellissima e il gruppo si è divertito.Però poteva andare molto meglio,soprattutto per il gruppo.

Nonostante tutto si può dire che questo evento è andato bene e siamo ancora una volta soddisfatti dei nostri azzurri.Fra pochissimo sarà il turno dei Senior.Restate sempre connessi a Guimaraes dove a breve dovremo tifare nuovamente la nostra cara Italia!

Dopo il primo turno di qualificazione, l'Italia junior ha chiuso ieri al 9° posto con il duo Camilla Cubito/Davide Nacci (18.750) le eliminatorie della World Age Group Competition di Aerobica. La coppia azzurra - che i sorteggi hanno voluto apripista della rassegna giovanile - ha mancato la finale per una manciata di centesimi, piazzandosi dietro alla Spagna. Nel singolo femminile, grazie all'assolo da 19.600, la Bullo conferma invece il risultato di Cancun 2014 nonostante il recente infortunio agli Europei di Elvas."Purtoppo in Portogallo mi sono infortunata al piede – spiega la ginnasta della Sambughè, campioncina di categoria nelle tappe di Monte di Procida del 2014 e 2015 – le terapie e la riabilitazione mi hanno aiutato molto, ma a una settimana dagli interregionali mi sono fatta di nuovo male, stavolta alla caviglia, riportando una lesione al legamento che mi ha costretta a stare ferma per più di un mese. Anche per questo motivonon abbiamo voluto rischiare con le altre categorie composte. Occhio alle asiatiche, ma soprattutto alla turca (la Onbasi, ndr) - prosegue l'azzurrina -  è veloce e pulita, potrebbe addirittura replicare il piazzamento di ieri in finale”. Con lo stesso score della veneta, ma con una esecuzione più alta, Camilla Cubito si posiziona subito davanti, sul 10° gradino. Oggi è il turno di Marcello Patteri e Davide Nacci (I/M) che saliranno in pedana rispettivamente alle 10:42 e alle 11:38 del mattino. Al Pomeriggio sfileranno prima il trio italiano (Vargiu/Patteri/Nacci) - medaglia d'oro all'europeo portoghese - e poi il Gruppo con Nicotera/Patteri/Cubito/Ciaramidaro/Vargiu. "State carichi e concentrati - ha detto alla squadra Rosario Pitton - spronando i ragazzi in vista della seconda giornata di qualificazione. Il capo delegazione, nel complimentarsi per il risultato che in questa prima fase non delude, ha portato a tutti i saluti e la vicinanza del Presidente Federale prof. Riccardo Agabio. 

 

fonte FGI 

  1. Popular
  2. Trending
  3. Comments