Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 24 Giugno 2018

A Terragona si è ufficialmente conclusa la prima parte di gara, valida da qualifica e da gara a squadre. Tutti i team femminili hanno gareggiato per le due rotazioni in programma nella giornata di oggi, volteggio e parallele asimmetriche, ed è ora possibile stilare una classifica parziale completa e le prime qualificazioni alle finali. Ottima la prestazione dell'Italia femminile in questa prima metà di gara, la squadra resta in seconda posizione parziale e in più arriva la doppia finale a parallele asimmetriche per Lara Mori e Giada Grisetti. Nessuna azzurra ha effettuato il doppio salto al volteggio, dunque nessuna ginnasta italiana avrebbe potuto entrare in finale. Bilancio assolutamente positivo per l'Italia, dunque.

Nella seconda suddivisione, in cui sono presenti anche Turchia e Portogallo,le ragazze dell'Egitto si sono rese protagoniste, rimontando a sorpresa sulla Francia con una prestazione a dir poco impressionante a volteggio. Le ragazze francesi completano un’ottima prima rotazione al volteggio, con il 13.800 di Marine Boyer e il 13.650 di Osyssek-Reimer Morgane, superando col loro 41.000 anche il parziale di Italia e Spagna (40.850). Perdono, però, terreno nella seconda rotazione commettendo numerosi errori alle parallele asimmetriche, dove a fare bene è solo Louis Vanille, 13.250. Come l’Italia con la Spagna, anche le francesi per soli 50 decimi restano dietro l’Egitto. Le ragazze egiziane non commettono grossi errori alle parallele e, nonostante la semplicità di alcuni esercizi la buona prestazione di Hussein Farah riesce ad attenuare il distacco dagli altri team. È al volteggio che le egiziane riescono a stupire: risalgolo la classifica grazie allo stratosferico 14.550 di Taman Nancy Taman e si portano al terzo posto parziale, superando la Francia. La Turchia, capitanata da Tutya Yilmaz si difende bene al volteggio ma subisce una battuta d'arresto alle parallele che le relega momentaneamente al quarto posto.

Di seguito le classifiche parziali della prima metà di gara e le qualificazioni di Volteggio e Parallele asimmetriche.

Parziale a Squadre:

1. Spagna 78.800

2. Italia 78.750

3. Egitto 77.400

4. Francia 77.350

5. Turchia 75.150

6. Slovenia 74.400

7. Grecia 72.800

8. Cipro 64.450

 

Ginnaste finaliste alle Parallele Asimmetriche:

1. Perez Ana (ESP) 14.400

2. Vanhille Louise (FRA) 13.250

3. Mori Lara (ITA) 12.900

4. Hussein Farah (EGY) 12.850 (D.5.1)

5. Grisetti Giada (ITA) 12.850 (D 5.8)

6. Raya Paula (ESP) 12.800

7. Hribar Lucija (SLO) 12.750

8. Yilmaz Tutya (TUR) 12.350

9. (R2) Salem Farah (EGY) 12.200

10. (R1) Vasiliki Millousi (GRE) 12.100

 

Ginnaste finaliste al Volteggio:

1. Taman Nancy Taman (EGY) 14.150 (VT1: 14.550- VT2: 13.750)

2. Belak Teja (SLO) 14.000 (VT1: 14.250- VT2: 13.750)

3. Hussein Farah (EGY) 13.225 (VT1: 13.450- VT2: 13.000)

4. Kysselef Tjasa (SLO) 13.000 (VT1: 12.150- VT2: 13.850)

5. Afrati Argyro (GRE) 12.975 (VT1: 13.150- VT2: 12.800)

6. Monokrousou Evangelia (GRE) 12.950 (VT1: 13.050- VT2: 12.850)

7. Uctas Sanli Goksu (TUR) 12.875 (VT1: 13.450- VT2: 12.300)

8. Theocharous Anastasia (CYP) 12.400 (VT1: 12.750- VT2: 12.050)

9. (R1) Philassides Gloria (CYP) 12.025 (VT1: 12.300- VT2: 11.750)

Nella diciottesima edizione dei Giochi del Mediterraneo, a Terragona, l’Italia femminile conclude la prima parte di gara, fronteggiandosi in prima suddivisione con Spagna, Slovenia e Grecia, e arriva per un soffio in seconda posizione parziale, dietro, proprio alle padrone di casa. Stasera alle 19.30 scenderà in campo la seconda suddivisione, tra le cui squadre spicca la Francia, di fatto l'unica squadra che potrebbe andare ad insidiare la posizione parziale conquistata delle nostre azzurre. Si parla di parziale perché la gara si congela alla seconda rotazione, dopo volteggio e parallele asimmetriche, e riprende domani alle 15.20 per la prima suddivisione e alle 19.30 per la seconda, per disputare le seguenti due rotazioni, trave e corpo libero e assegnare le medaglie di squadra. Possono scendere in campo quattro atlete per ogni squadra, ma verranno considerati solo i primi tre punteggi più alti ai fini del conteggio del punteggio di squadra.

Le azzurre hanno condotto una gara solida, mostrando sicurezza e spirito di squadra e hanno archiviato una prestazione che lascia ben sperare sull’esito definitivo della competizione, sia di squadra che in previsione delle qualificazioni individuali. Il risultato ottenuto è del tutto parziale e l’esito della gara potrà cambiare radicalmente nel corso della giornata di domani. 

La gara dell’Italia si apre alle parallele asimmetriche con il totale di 37.900, dove si distinguono le prestazioni di Lara Mori, 12.900 e Giada Grisetti, 12.850. Martina Basile ottiene 12.150 e Caterina Cereghetti paga diversi errori concludendo l'esercizio con il punteggio di 11.600. Intanto la Spagna, che si può considerare tra le dirette avversarie dell’Italia per la conquista del gradino più alto del podio, si mostra determinata al volteggio con i buoni FTY di Ana Perez e Cintia Rodriguez e l’ottimo 14.000 di Nora Fernandez chiudendo con l’ottimo parziale di 40.850. Tra le altre squadre spicca la buona prestazione della slovena Hribar Lucija alle parallele, 12.750.

Nella seconda rotazione l’Italia passa al Volteggio, dove tutte le ragazze sfoggiano degli ottimi Yurchenko, 1 e mezzo per Cereghetti (che mette il piede sulla linea all’arrivo, 13.500 per lei) e Basile, 13.800 e FTY per Mori, con 13.350, e Grisetti, 13.550, per il totale di 40.850, parziale identico a quello delle spagnole su questo attrezzo. Alle parallele, però, nonostante la caduta dagli staggi di due atlete su quattro, la brillante prestazione di Ana Perez da 13.400 risolleva il morale della squadra spagnola e da sicurezza a Raya Paula (12.800), riuscendo così a raggiungere il parziale d'attrezzo di 37.950, e a portare la Spagna al comando parziale della gara. Tra le slovene al volteggio si distingue l'ottima prestazione al volteggio di Teja Belak, che ottiene un ottimo 14.000 di media con i suoi due salti e archivia una quasi certa finale al volteggio. Buono anche il ritorno in gara dell’eterna ed elegante Vasiliki Millousi, che alle parallele ottiene un buon 12.100.

Al termine della seconda rotazione si potrà avere un quadro più chiaro sulla classifica di squadra e stilare i nomi delle otto qualificate alle finali di volteggio e parallele.

Ricordiamo inoltre che sarà possibile seguire la gara in live streaming sul sito di Olympic Channel.

Nella diciottesima edizione dei Giochi del Mediterraneo, a Terragona, l’Italia femminile conclude la prima parte di gara, fronteggiandosi in prima suddivisione con Spagna, Slovenia e Grecia, e arriva per un soffio in seconda posizione parziale, dietro, proprio alle padrone di casa. Stasera alle 19.30 scenderà in campo la seconda suddivisione, tra le cui squadre spicca la Francia, di fatto l'unica squadra che potrebbe andare ad insidiare la posizione parziale conquistata delle nostre azzurre. Si parla di parziale perché la gara si congela alla seconda rotazione, dopo volteggio e parallele asimmetriche, e riprende domani alle 15.20 per la prima suddivisione e alle 19.30 per la seconda, per disputare le seguenti due rotazioni, trave e corpo libero e assegnare le medaglie di squadra. Possono scendere in campo quattro atlete per ogni squadra, ma verranno considerati solo i primi tre punteggi più alti ai fini del conteggio del punteggio di squadra.

Le azzurre hanno condotto una gara solida, mostrando sicurezza e spirito di squadra e hanno archiviato una prestazione che lascia ben sperare sull’esito definitivo della competizione, sia di squadra che in previsione delle qualificazioni individuali. Il risultato ottenuto è del tutto parziale e l’esito della gara potrà cambiare radicalmente nel corso della giornata di domani. 

La gara dell’Italia si apre alle parallele asimmetriche con il totale di 37.900, dove si distinguono le prestazioni di Lara Mori, 12.900 e Giada Grisetti, 12.850. Martina Basile ottiene 12.150 e Caterina Cereghetti paga diversi errori concludendo l'esercizio con il punteggio di 11.600. Intanto la Spagna, che si può considerare tra le dirette avversarie dell’Italia per la conquista del gradino più alto del podio, si mostra determinata al volteggio con i buoni FTY di Ana Perez e Cintia Rodriguez e l’ottimo 14.000 di Nora Fernandez chiudendo con l’ottimo parziale di 40.850. Tra le altre squadre spicca la buona prestazione della slovena Hribar Lucija alle parallele, 12.750.

Nella seconda rotazione l’Italia passa al Volteggio, dove tutte le ragazze sfoggiano degli ottimi Yurchenko, 1 e mezzo per Cereghetti (che mette il piede sulla linea all’arrivo, 13.500 per lei) e Basile, 13.800 e FTY per Mori, con 13.350, e Grisetti, 13.550, per il totale di 40.850, parziale identico a quello delle spagnole su questo attrezzo. Alle parallele, però, nonostante la caduta dagli staggi di due atlete su quattro, la brillante prestazione di Ana Perez da 13.400 risolleva il morale della squadra spagnola e da sicurezza a Raya Paula (12.800), riuscendo così a raggiungere il parziale d'attrezzo di 37.950, e a portare la Spagna al comando parziale della gara. Tra le slovene al volteggio si distingue l'ottima prestazione al volteggio di Teja Belak, che ottiene un ottimo 14.000 di media con i suoi due salti e archivia una quasi certa finale al volteggio. Buono anche il ritorno in gara dell’eterna ed elegante Vasiliki Millousi, che alle parallele ottiene un buon 12.100.

Al termine della seconda rotazione si potrà avere un quadro più chiaro sulla classifica di squadra e stilare i nomi delle otto qualificate alle finali di volteggio e parallele.

Ricordiamo inoltre che sarà possibile seguire la gara in live streaming sul sito di Olympic Channel.

È appena cominciato un week end fitto di appuntamenti internazionali per la Ginnastica Artistica, che tra poche ore vedrà gli atleti della nostra nazionale dare battaglia su più fronti: in Spagna, a Terragona, la delegazione italiana di atleti senior è impegnata nei Giochi del Mediterraneo; contemporaneamente la delegazione Junior è a Baku, in Azerbaijan, per conquistare la qualificazione per gli YOG (Youth Olympic Games) 2018. La squadra italiana sbarcata a Terragona è composta da Martina Basile, Caterina Cereghetti, Giada Grisetti, Francesca Noemi Linari, Martina Maggio e Lara Mori al femminile, accompagnate dai tecnici Mauro di Rienzo e Tiziana Di Pilato, e da Tommaso De Vecchis, Ludovico Edalli, Marco Levantesi, Marco Lodadio, Andrea Russo e Marco Sarrugerio al maschile, insieme agli allenatori Maurizio Allievi e Luigi Rocchini. Entrambe le squadre hanno subito un cambio di formazione last minute, dovuto a dei lievi infortuni di due atleti avvenuti a ridosso della partenza: Desiree Carofiglio e Nicola Bartolini. A tenere alti i colori dell’Italia a Baku saranno Asia D’Amato e Elisa Iorio per la junior femminile e Yumin Abbadini e Lay Giannini per la junior maschile, accompagnati rispettivamente da Marco Capodonico e Alberto Busnari e Riccardo Pallotta.

Le prove podio di ieri sono andate bene su entrambi i campi di gara e oggi, tra pochissime ore, si darà il via alle gare. A rompere il ghiaccio l’Italbaby femminile, pronta a scendere in pedana alle 14.00. L’italbaby maschile, invece, sarà in campo alle 17.30 ed entrambe le gare potranno essere viste in live streaming sul sito http://gymtv.online/

Oggi 23 e domani 24 giugno, invece, la gara in Spagna che vale sia da qualificazione individuale che da gara a squadre. Le squadre italiane femminile e maschile saranno impegnate in gara oggi, la prima alle 15.00 e la seconda alle 19.30. Il concorso individuale si disputerà lunedì 25 alle 11.00 per la femminile e alle 19.00 per la maschile mentre le finali di specialità martedì 26 a partire dalle 17.00. I giochi del mediterraneo potranno essere seguiti in live streaming su Olympic Channel TV.

Nei giorni scorsi ad Halifax si sono disputati i Campionati Assoluti canadesi di ginnastica artistica e a conquistare il titolo femminile per la quinta volta nella sua carriera è l'inarrestabile Ellie Black. Solo qualche mese fa, Elsabeth ha conquistato il titolo All-Around anche ai Commonwelth Games e lo scorso autunno è stata una delle protagoniste del Campionato Mondiale, dove però è arrivata seconda, alle spalle dell'americana Morgan Hurd. La capitana della squadra canadese ha dominato la gara con il punteggio di 111.607, alle sue spalle Isabella Onyshko con 106.406 e terza Jade Chrobok con 105.647 punti. Oltre all'oro individuale la Black conquista anche quello alla trave e alle parallele asimmetriche, l'argento al corpo libero e il bronzo a volteggio. La Onyshko porta a casa l'argento alla trave e il bronzo a corpo libero mentre a conquistare il titolo al volteggio per il terzo anno consecutivo è, invece, Shallon Olsen, oro anche al corpo libero. Per lei questa sarà l'ultima gara della stagione poichè in autunno si trasferirà negli Usa per gareggiare nel campionato universitario americano con l'Università dell'Alabama.

Al maschile incetta di medaglie per René Cournoyer: oro individuale e al volteggio, argento agli anelli, bronzo a corpo libero, cavallo con maniglie e parallele pari.

 

 

 

 

 

 

Fonte: gymcan.org

La Federazione Internazionale di Ginnastica sta lavorando per l’organizzazione dei maggiori eventi per la stagione 2018 e oggi ha annunciato quali saranno gli atleti chiamati a ricoprire i ruoli di Ambasciatori nei Campionati del Mondo 2018 per la nona volta nella storia. Gli appuntamenti mondiali per quest’anno saranno:

26esimo campionato mondiale di Ginnastica Acrobatica- Anversa (Belgio) 13-15 aprile 2018

15esimo Campionato mondiale di Ginnastica Aerobica- Guimaraes (Portogallo) 1- 3 giugno 2018

36esimo Campionato mondiale di Ginnastica Ritmica- Sofia (Bulgaria) 10-16 settembre 2018

48esimo Campionato mondiale di Ginnastica Artistica- Doha (Qatar) 25 ottobre- 3 novembre 2018

33esimo Campionato mondiale di Trampolino Elastico- San Pietroburgo (Russia) 7-10 novembre 2018

A ciascuna disciplina è stato assegnato un atleta che ha fatto la storia del proprio sport, che è stato capace di influenzare nel passato il corso della propria disciplina e che possa guidare e ispirare le nuove generazioni a fare altrettanto nel futuro. A scegliere gli ambasciatori è una commissione che valuta numerosi criteri che non sono solo i titoli vinti dagli atleti ma anche i legami che essi hanno con il paese ospitante la rassegna. Il ruolo degli ambasciatori durante i mondiali sarà quello di partecipare a numerosi eventi sia con il pubblico che con gli atleti stessi. Saranno loro, inoltre, a consegnare le medaglie d’oro durante la cerimonia di premiazione nella propria categoria.

I rappresentanti per la ginnastica artistica maschile e femminile saranno rispettivamente Mitsuo Tsukahara e Svetlana Boguinskaia. Tsukahara è stato uno dei pilastri della nazionale giapponese tra gli anni ’60 e ’70, viene ricordato soprattutto per il movimento al volteggio che ha preso il suo nome nel mondiale del 1970 e lo ha portato a vincere, proprio durante quella edizione, la sua prima medaglia d’oro mondiale individuale. Tra i suoi successi si annoverano nove medaglie olimpiche e sei mondiali. La maestra di eleganza bielorussa Boguinskaia ha gareggiato tra gli anni ’80 e ’90 sotto la bandiera dell’Unione Sovietica vincendo quattro medaglie d’oro durante l’edizione dei giochi Olimpici di Seul nel 1988 e conquistando negli anni successivi numerose altre medaglie sia olimpiche che mondiali.

A rappresentare la ginnastica ritmica sarà, invece, la bulgara Maria Petrova, una delle poche atlete ad aver vinto ben tre titoli mondiali individuali (dal 1993 al 1995) oltre che numerose altre medaglie.

Gli ambasciatori del Trampolino elastico saranno, invece, Alexander Moskalenko e Irina Karavaeva, entrambi russi ed entrambi due leggende viventi per questa disciplina. Moskalenko è stato il primo campione olimpico al Trampolino e ha vinto, tra il 1990 e il 2004, ben 18 medaglie mondiali, tra cui cinque titoli individuali. Karavaeva, allo stesso modo, è stata la prima camionessa olimpica al trampolino e nessun altro atleta ha mai vinto tante medaglie mondiali, 19 per l’esattezza, 12 delle quali d’oro tra cui cinque titoli individuali.

Per l’acrobatica le ambasciatrici sono Nikki Snel ed Eline de Smedt, due atlete belga che hanno portato a casa a medaglia d’oro mondiale nel 2014 terminando così la loro carriera da partner in questo sport.

Infine per l’aerobica i campioni scelti come ambasciatori sono Jonatan Canada e Marcela Lopez. La parola d’ordine per lo spagnolo Canada durante la sua carriera è stata originalità, che lo ha portato a vincere numerosi titoli mondiali come individualista, trio e squadra mista. La brasiliana Lopez ha dominato la scena internazionale con il suo sorriso tra il 2006 e il 2010, vincendo tre titoli mondiali consecutivi e altre numerose medaglie mondiali.

 

 

Fonte: fig-gymnastics.com

Oggi, 1 marzo, il comitato esecutivo della Federazione Internazionale di Ginnastica si è riunito a Losanna e ha deliberato all'unanimità che la città ospitante i campionati mondiali del 2021 sarà Copenhagen. La federazione danese gestirà l'organizzazione dei cinquantesimi campionati mondiali di Ginnastica Artistica, i primi del ciclo olimpico 2021-2024 delle Olimpiadi di Parigi. I campionati si terranno dal 18 al 24 ottobre e a fargli da cornice sarà la nuovissima e innovativa struttura della Royal Arena, inaugurata appena nel 2017.

Non è la prima volta che la Danimarca ospita i mondiali di Ginnastica Artistica: gli scorsi mondiali danesi, svoltisi ad Aarhus nel 2006, sono particolarmente cari all'Italia per la storica medaglia d'oro conquistata da Vanessa Ferrari nel concorso generale individuale. Tuttavia è la prima volta che il capoluogo danese ospita la rassegna iridata dei mondiali e per la federazione della Danimarca, nazione outsider nel panorama ginnico attuale, può rappresentare un'occasione per far crescere la popolarità e l'interesse verso questo sport a livello nazionale.

"Come Hans Christian Andersen ha ispirato l'immaginazione di centinaia di bambini di tutto il mondo con le parole delle sue famose fiabe che sono state spunto di riflessione per molti, così spero che questi Campionati Mondiali possano ispirare le giovani generazioni a agli importanti valori dello sport." ha detto il Presidente della Federazione Internazionale di Ginnastica Morinari Watanabe.

I prossimi appuntamenti con i Campionati Mondiali di Ginnastica Artistica saranno:

Doha 2018 (Qatar) dal 25 ottobre al 3 novembre

Stoccarda 2019 (Germania) dal 4 al 13 ottobre

 

 

 

Fonte: fig-gymnastics.com

 

L'edizione 2018 del campionato a squadre di ginnastica artistica nazionale introduce una serie di cambiamenti che rivoluzioneranno questa gara per come l'abbiamo conosciuta negli anni precedenti.

Ogni novità apportata sarà un percorso verso il cambiamento definitivo che avverrà nella prossima edizione del 2019, ossia ridurre il numero di squadre partecipanti dalle dodici attuali a sole otto per le due serie A1 e A2. Per giungere a questo risultato si è deciso, per l'anno corrente, di abolire la distinzione tra serie A1 e A2 e far competere 24 squadre per la ginnastica artistica femminile e 24 per la maschile in un'unica serie A.

Le prime otto squadre in classifica alla fine del campionato saranno quelle che nel 2019 parteciperanno al campionato di serie A1, le seconde otto (quelle posizionate tra il nono e il sedicesimo posto) parteciperanno alla serie A2 mentre quelle posizionate tra il diciassettesimo e il ventiquattresimo posto retrocederanno in serie B. La gara non sarà meno dura per la B, dove non solo non ci sarà alcuna promozione in serie A2 per le squadre migliori ma, anzi, solo le prime tre classificate avranno la salvezza per l'anno a venire. Le squadre dal quarto al sesto posto andranno in serie B2 e le restanti sei in serie C.

Il campionato 2018, inoltre, non vedrà assegnare punti "extra" alle squadre, come successo negli anni precedenti, ma il punteggio finale totalizzato sarà dato dalla somma dei punteggi parziali ottenuti da ogni squadra tappa per tappa. Gli appuntamenti, infine, saranno tre (Arezzo 2-3 marzo, Milano 4-5 maggio, Torino 8-9 giugno) e non più quattro e non sarà più presente la disciplina del Trampolino Elastico.

A seguire l'elenco delle squadre partecipanti.

Serie A GAF:

Brixia

Forza E Virtù 1892

Ginnastica Artistica Lissonese

Artistica 81

Centro Sport Bollate

Ginnica Giglio

World Sport Academy

Estate 83

Pro Lissone

Olos Gym

Ginnastica Civitavecchia

Gymnasium

Juventus Nova Melzo

Corpo Libero Gymnastics Team

Pro Patria 1883

Ghislanzoni

Ginnastica Torino

Ginnastica Romana

Biancoverde

Sampietrina

Ginnastica Victoria Torino

Adesso Sport

Fanfulla 1874

Enrico Mattei

 

Serie A GAM:

Spes Mestre

Pro Carate

La Costanza

Pro Patria Bustese

Ginnastica Meda

Nardi Juventus

Sampietrina

Corpo Libero Gymnastics Team

Virtus Pasqualetti

Ginnastica Civitavecchia

Libertas Vercelli

Ginn. Romana

Ginn. Salerno

Giovanile Ancona

Juventus Nova Melzo

A.G.S. Eur

Palestra Ginnastica Ferrara

A.G. Livornese

Roma 70

A.S.D. Ares

Panaro A.S.D.

Gym. Romagna Team

A.S. Udinese

Artistica Stabia

 

Serie B GAF:

Fratellanza Savonese

Renato Serra

Polisportiva Casellina

Polisportiva Celle

Polisportiva Fino Mornasco

Ginn. Ardor Coop. Soc.

La Marmora

Invictus Gymnastics

G.S. Audace

Vis Academy

Ginnastica Heaven

Ginnastica Salerno

 

Serie B GAM:

 

S. Ginnastica Aurora

Ginnastica Ardor Coop

Mario Corrias

Pianeta Benessere

Blukippe

Ginnastica Victoria Torino

Junior 2000

Ghislanzoni

00100 Sporting Club

Progetto Gymnos 116

C.A.G. Napoli

Angiulli

 

 

  1. Popular
  2. Trending
  3. Comments

Top News

Calendario

« Giugno 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30