Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Martedì, 24 Ottobre 2017

Un giorno speciale per gli alunni della "Marassi" di Genova, insieme all'azzurra Anzhelika Savrayuk del Centro Sportivo Aeronautica Militare, campionessa olimpica con la Squadra Nazionale italiana di Ginnastica Ritmica, per il terzo incontro nelle scuole vincitrici della Campagna educativa "Campioni di Fair Play". All'appuntamento hanno partecipato anche Giovanni Ugo Patanè, Direzione Generale dell'immigrazione e delle politiche di integrazione al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Anna Del Vigo,Vice Presidente vicario del CONI Liguria, e il Dirigente Scolastico Roberto Solinas. Tante le presenze istituzionali che, grazie al coinvolgimento del CONI Liguria, hanno contribuito a rendere speciale l'incontro: Giuseppe Raiola, Presidente Comitato regionale FGI Liguria e Vice Presidente CONI Liguria, Stefano Anzalone, Consigliere con delega allo Sport del Comune di Genova, Laura Perrotta, Commissario Capo della Polizia di Stato e Portavoce del Questore.

La Campagna educativa "Campioni di Fair Play" e gli incontri nelle scuole vincitrici sono parte del progetto "Sport e integrazione", giunto alla sua quarta edizione nell'ambito dell'Accordo di programma tra ilMinistero del Lavoro e delle Politiche Sociali e il CONI per la promozione delle politiche di integrazione attraverso lo sport.

Anzhelika Savrayuk: "Lo sport ha una doppia utilità nei processi sociali e di integrazione. Se da un lato favorisce la convivenza di persone di origini diverse e insegna loro a rispettare i valori della città in cui si trovano, facilitando la loro integrazione in una nuova comunità, dall'altro lato permette anche ai cittadini di un determinato paese ad aprirsi mentalmente verso altre usanze ed altre culture, abbattendo le barriere razziali. In un campo da gioco o, com'era nel mio caso, su una pedana, bisogna sempre praticare il rispetto e la lealtà, perché queste saranno poi le basi per diventare cittadini maturi e consapevoli. Non posso che essere felice quindi di vedere tanti bambini contenti di prendere parte ad iniziative così belle, perché penso sia un piccolo passo per crescere diventando sportivi corretti e soprattutto ammirevoli".

L'incontro tra la campionessa azzurra Anzhelika Savrayuk e gli alunni della Scuola "Marassi" ha suggellato dunque il percorso valoriale realizzato con le scuole primarie, in collaborazione con il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca e il progetto "Sport di classe". Ogni classe aderente ha avuto la possibilità di riflettere sui temi del Fair Play e della lealtà sportiva con l'ausilio di strumenti e materiali didattici; attraverso gli incontri, gli studenti avranno ora la possibilità di ascoltare le testimonianze dalla viva voce dei protagonisti sportivi, esempi di integrazione attraverso lo sport.

Gli incontri coinvolgeranno numerose città italiane, tra cui Torino, Ancona, Pescara, Benevento e Roma.

La Campagna educativa prosegue inoltre con un'indagine sulla percezione del ruolo dello sport nei percorsi di integrazione da parte degli studenti del primo biennio delle scuole secondarie di secondo grado, realizzata in collaborazione con il Consiglio Nazionale delle Ricerche.

Tutte le informazioni sull'Accordo di Programma, le azioni realizzate e in corso, e il Manifesto Sport e Integrazione sono disponibili sui siti www.fratellidisport.itewww.integrazionemigranti.gov.it.

Domenica 15 ottobre, ospite della trasmissione televisiva di Rai 3 Kilimangiaro, Arianna Rocca ha ripercorso la sua storia sportiva raccontandosi al grande pubblico Italiano. Emozionante il ricordo dell'infortunio nel 2014 della campionessa di Novi Ligure quando la rottura del legamento dopo l'arrivo al doppio teso al corpo libero interruppe la sua stagione. Nemmeno quelo riuscì a fermarla!

Come è noto, Arianna, dopo la finale del Campionato Italiano di Serie A1 ad Eboli 2017, ha annunciato il suo ritiro dal mondo sportivo per inseguire un suo sogno. Il progetto è quello di laurearsi entro il prossimo anno e di diventare un'educatrice dell'infanzia in Africa. 

Cuore, passione e coraggio. Queste le tre parole che meglio possono descrivere una grande campionessa di sport, ma soprattutto di vita, come Arianna Rocca.

Noi non possiamo che augurarti il meglio per il tuo futuro.

 

 

L’Aurora Fano si aggiudica la prima tappa del Campionato di serie B nazionale di Ginnastica Ritmica con il totale sui sei attrezzi di 89.100.

La compagine marchigiana, dieci volte campione d’Italia e retrocessa la stagione scorsa dalla serie cadetta, costringe a oltre dieci punti di distanza la Ginnastica Opera (78.900) e l’Olimpia Senago (78.550), new entry tra le fila della B nazionale che dodici mesi ha chiuso in seconda posizione la finale B1.

Guidati per quasi tre ore di gara dalla voce di Fabio Gaggioli, storico speaker della disciplina dei piccoli attrezzi, il pubblico ha applaudito le dieci squadre impegnate sulla pedana del PalaDesio dandosi appuntamento a Pesaro, ne, 2018, per l’ennesima tappa di World Cup della disciplina. A curare le premiazioni, il consigliere FGI Vittorio Massucchi con il supporto del numero uno del CR Lombardia Oreste De Faveri  e di Edoardo Caspani, deus ex machina -  insieme al padre Piergiorgio -  della San Giorgio ’79. 

 

 

Dina Averina, un concetrato di classe e tecnica di appena 18 anni che lo scorso Agosto, sul palcoscenico marchigiano di Pesaro, è stata incoronata Campionessa del Mondo. Oggi, la stella Russa ha potuto incantare nuovamente il pubblico azzurro che potrà godersi l'indiscutibile talento per tutto il Campionato Italiano di Serie A1 di ritmica.

La ginnasta, allenata da Irina Viner (Direttrice Tecnica della Nazionale), ha trascinato l'Armonia d'Abruzzo, squadra con cui partecipa al torneo a squadre italiano, dritta in vetta alla classifica della 1^ prova. Suoi i migliori punteggi al Cerchio (19.200) e al Nastro (18,250). Seconda a quota 96,200, la Ritmica Fabriano della capitana Baldassarri. Terzo posto per l'AS Udinese dell'individualista azzurra Agiurgiuculese (93,600). 

 

Subito sotto il podio, la Raffaello Motto con 89,500 punti. La classifica continua con San Giorgio (89,200 5^), Pontevecchio (86,450 6^), F. Petrarca (84,850 7^), Terranuova (82,700 8^), Ardor Coop. (80,500 9^) e Gallarate (79,400 10^).

La prossima tappa si terrà a Fabriano il 27 e 28 ottobre.

 

Si alza ufficialmente il sipario sulla prima tappa del Campionato Italiano della massima serie di Ginnastica Ritmica. Il PalaDesio comincia a gremirsi di tantissimi appassionati pronti a rivedere le proprie beniamine. 

La Moderna Legnano mette il turbo e per il terzo anno di fila si aggiudica, con il totale di 88.900, la prima tappa della serie A2 di Ritmica. Decisivi il 17.950 della russa Vedeneeva e il 15.850 di Laura Paris che, sommati alle routine di Carnelli, Stucchi e Varallo costringono la  Ritmica Iris e la Rhythmic School– rispettivamente a quota 88.450 e 85.850 -  sul secondo e terzo posto della classifica. Fresche di promozione dalla B Nazionale dello scorso anno, le due squadre -  una pugliese l’altra piemontese -  salite oggi ai lati del gradino più alto del podio, festeggiano una prima tappa a dir poco strepitosa. “Anche quest’anno l’inizio del torneo ci ha trovate  pronte – taglia corto l’allenatrice delle legnanesi, Elisa Porchi – Puntare su Ekaterina (Vedeneeva, ndr) ci ha permesso di vivere la gara con serenità. La strategia in vista delle prossime tappe non dovrebbe mutare, ma il rientro di una Francesca Paris – che non è ancora al top della forma – potrebbe fare invece la differenza per il prosieguo della rassegna”. Completano la classifica Virtus (85.400), Gymnica 96 (83.150), Lazio Ginnastica Flaminio (81.800), Polimnia Ritmica Romana (80.100), Estense O. Putinati (78.400), Ritmica Nervianese (76.650) e S.G. Etruria (75.550).

Ora in pedana scenderà la massima serie. Tra le tante ginnaste partecipanti, Milena Baldassarri, Alexandra Agiurgiuculese e la neo campionessa del Mondo Dina Averina.

 

Questo week end, a Desio, torna in pedana la Ginnastica Ritmica con la prima tappa del Campionato Italiano di Serie A1/A2 e B. Un appuntamento dal retrogusto iridato visto che a Desio, a rievocare le emozioni dei recenti mondiali, ci saranno le più forti interpreti del momento. Tra le fila della massima serie e di quella cadetta, infatti - in prestito ai club della "lega" italiana - si sfideranno i pezzi da novanta della disciplina: Dina Averina, Linoy Ashram, Viktoriia Mazur, Katsiarina Halkina, Sabina Ashirbayeva e Neviana Vladinova. Con il body dell’Armonia d’Abruzzo, il fenomeno di Zavolzhye - reduce dal titolo All-around vinto all’Adriatic Arena - è decisa a riportare lo scudetto (sarebbe il numero otto) nelle casse delle teatine. Occhio, però, anche alle protagoniste nostrane che a settembre si sono distinte sulla pedana pesarese, a cominciare da Alexandra Agiurgiuculese e Milena Baldassarri, rispettivamente portacolori dell’ASU di Udine e della Fabriano. Oppure a chi, come Anna Basta, new entry tra le Farfalle di Emanuela Maccarani, s’è tolta temporaneamente i panni della ginnasta d’insieme per sostenere la Pontevecchio da individualista.

Alle ore 16.00 di sabato 14 ottobre, le prime compagini che saliranno sul quadrato saranno quelle dell'A2 con il seguente ODL:

1 VIRTUS GIUSSANO

2 GYMNICA 96

3 ETRURIA

4 MODERNA LEGNANO

5 LAZIO GINN. FLAMINIO

6ESTENSE PUTINATI

7 POLIMNIA RITMICA ROMANA

8 RHYTHMIC SCHOOL

9 RITMICA IRIS

10 NERVIANESE

 

A seguire, in prima serata, la massima serie composta da:

1 RAFFAELLO MOTTO

2 VIRTUS GALLARATE

3 PETRARCA AREZZO

4 GINN. FABRIANO

5 TERRANUOVA

6 ARMONIA D'ABRUZZO

7 SAN GIORGIO 79 DESIO

8 UDINESE

9 PONTEVECCHIO

10 ARDOR COOP.

 

Domenica mattina, invece, sarà il turno della serie cadetta con le squadre della Serie B:

1 FALCIAI AREZZO

2 RITMICA 2000

3 EUROGYMNICA

4 OLIMPIA SENAGO

5 GINN. AURORA FANO

6 ARCOBALENO PRATO

7 LA FENICE SPOLETO

8 GINN. OPERA

9 LA COCCINELLA

10 KINESIS

Niente finali per gli Azzurri in questa World Cup 2017 di Valladolid. Nessuno dei quattro individualisti è riuscito a centrare la qualifica per le fasi conclusive della rassegna spagnola. 

Stefano Luciani e Costanza Michelini, entrambi in forza all'Alma Juventus Fano, hanno totalizzato rispettivamente 99.190 (R1 46,225 - R2 52,965) e 94,890 (R1 45,510 - R2 49,380) rimanendo fermi al 46° e 37° posto della classifica.

Dario Aloi (Milano 2000) si piazza in 35^ posizione con lo score di 105,020 (R1 50,070 - R2 54,950) mentre il ginnasta dell'Esercito Flavio Cannone finisce sulla 22^ piazza con il totale di 108,890 (R1 49,950 - R2 58,940).

Oggi, Cannone e Aloi, saliranno nuovamente sul trampolino per la gara Synchro. Ultimo esercizio prima del Mondiale di novembre a Sofia. 

La Coppa del Mondo di Trampolino Elastico non si poteva aprire meglio di così. Nell'edizione del Torneo Internazionale Ciudad De Valladolid, riservato alle atlete più giovani, la piccola Giorgia Giampieri, in gara con la maglia della Ginnastica Chiaravalle, centra la finale nella categoria ragazze 11-12 anni.

Giorgia, alla sua seconda uscita internazionale, conquista un fantastico 86.280 (R1 41.500 - R2 44.780) che la porta diretta al 3° posto della classifica di qualificazione. Un grandissimo risultato con un occhio al futuro di questa disciplina Olimpica.

Oggi, sul trampolino della World Cup, saliranno, invece, i big azzurri: Flavio Cannone, Dario Aloi, Costanza Michelini e Stefano Luciani. Per il Trofeo Cittadino, invece, vedremo in gara Marco Lavino (Brindisi) insieme alla vice campionessa italiana Isabella Murgo (Milano 2000).

  1. Popular
  2. Trending
  3. Comments

Top News

Calendario

« Ottobre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31