Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 12 Novembre 2018

All’Aspire Zone di Doha (Qatar) sono appena stati assegnati i primi tre pass diretti per le prossime olimpiadi, che si svolgeranno a Tokyo nel 2020.
Come da previsione, sono stati gli Stati Uniti a vincere il titolo di campioni del mondo. Qualche errore e delle prestazioni leggermente inferiori a quelle delle qualificazioni, non ha impedito a Simone Biles, Morgan Hurd, Eaker Kar, Grace Mc Cullen e Riley Mc Cusker, di raggiungere punteggi strabilianti e dominare la classifica con un totale di 171.629, distanziandosi di quasi 9 punti dalla Russia.
La lotta, invece, è stata apertissima per il secondo e il terzo posto; l’eleganza delle ginnaste russe ha portato la squadra in seconda posizione fin dalla prima rotazione, e nonostante la lieve differenza di punteggio, è riuscita ad avere la meglio su tutte le altre nazioni con un punteggio totale di 162.863. Il terzo gradino del podio vede salire le atlete cinesi (162.396), che sono riuscite a recuperare durante l’ultima rotazione grazie a uno degli attrezzi a loro più congeniale.
Complimenti anche alle ginnaste canadesi (161.644) e francesi (161.294), grandi rivelazioni di questi ultimi anni, che hanno sfiorato il podio allontanandosi solo di pochi decimi.
A seguire il Giappone, che raggiunge il punteggio di 160.262 grazie alle belle prestazioni al corpo libero, il Brasile con 159.830 e la Germania (159.428).

Qui tutti i punteggi

Mondiali di Doha 2018 – Vasiliki Millousi annuncia il ritiro.

L’atleta greca, che abbiamo visto impegnata nella seconda giornata di qualificazioni a Doha, alla fine di un esercizio perfetto alle parallele che chiudeva la gara della Grecia, ha iniziato a piangere. Lacrime non comprensibili fino a quando Vasiliki non ha deciso di mettere al corrente i fan riguardo la sua decisione: all’età di 34 anni sente il bisogno di porre fine alla sua carriera da ginnasta. Una carriera lunga 27 anni, che comprende 3 olimpiadi (Sidney 2000, Londra 2012 e Rio 2016), svariati europei, mondiali e Coppe del Mondo, nelle quali più volte è riuscita a guadagnarsi un posto in finale alla trave, suo attrezzo di punta. Nella lunga serie di competizioni anche una partecipazione alla serie A1 nel 2012 in prestito alla GAL Lissone, quando, con il punteggio più alto a trave (ex aequo con Carlotta Ferlito), ha aiutato la squadra a vincere l’11esimo scudetto.
L’annuncio del ritiro è arrivato ieri sera sui canali social, dove la travista, con un lungo post in greco (per vederlo clicca qui), ripercorre sommariamente tutta la lunga carriera soffermandosi particolarmente sulle forti emozioni che la ginnastastica le ha regalato e sui ringraziamenti alla famiglia, le compagne di squadra e tutti coloro che l’hanno sempre sostenuta.


Nell’augurare un futuro felice e pieno di grandi opportunità, il team di Ginnasticando ringrazia Vasiliki per tutte le emozioni che ci ha regalato; il mondo della ginnastica non dimenticherà mai l’eleganza e la caparbietà dell’indiscussa Regina Greca!

Si sono appena concluse le qualificazioni per finali dei Campionati del Mondo, svoltesi nell’Aspire Zone di Doha (Qatar).

La nostra Lara Mori, scesa in campo ieri pomeriggio insieme a tutto il resto della squadra, si classifica tra le migliori 24 ginnaste al mondo, qualificandosi così per la finale AA che si svolgerà giovedì 1 novembre. Inoltre, il suo fantastico esercizio al corpo libero la decreta come 11esima miglior ginnasta al mondo, tenendole un posto come terza riserva per la finale a FX.
Sara Ricciardi, con 4 esercizi impeccabili, sfiora la finale AA, ma resta comunque seconda riserva. Gran bel lavoro!
Nulla da fare, invece, per il Team Italy; in 12esima posizione (156.830) alle spalle di Gran Bretagna, Olanda e Belgio ma davanti la Romania, l’Italia resta fuori dalla finale di martedì 30 ottobre.
Ciononostante, nessun rammarico per le nostre azzurrine che possono essere super soddisfatte della gara che hanno portato a termine. Grandi ragazze!


-Per più dettagli sulla competizione di ieri clicca qui-

Tutti i punteggi qui

Si è conclusa poche ore fa la prima giornata di qualificazione GAF dei Campionati del Mondo di Doha.
La squadra italiana, composta da Lara Mori, Sara Ricciardi, Irene Lanza, Martina Basile e Martina Rizzelli, è scesa in campo oggi nel tardo pomeriggio, subito dopo la suddivisione che ha visto gli Stati Uniti fare scintille (con una Simone Biles sempre più spettacolare). Le nostre ragazze hanno fatto un ottimo lavoro e nonostante qualche piccolo errore e la tensione che si faceva sentire sono riuscite a difendersi bene, portando a casa degli esercizi molto puliti e facendo un grande lavoro di squadra, abbracciandosi e sostenendosi a vicenda.
Da evidenziare il debutto di Irene nella nazionale senior, che ha dato prova di grande carattere riscattandosi nel corso della competizione dopo due errori iniziali, e il grande ritorno di Sara, che dopo 7 anni è riuscita ad indossare nuovamente il body della nazionale, per la prima volta in una gara internazionale da serior. Un ritorno con 4 esercizi su 4 senza nemmeno un errore, con un totale di 51.999 che la piazza al 12esimo posto provvisorio della classifica AA!
Immensa Lara, la sua esperienza l’ha portata a concludere gli esercizi nel migliore dei modi, mantenendo i nervi saldi anche dopo la caduta a trave che non le ha permesso di raggiungere un punteggio degno di una finale. Al corpo libero brilla di luce propria, il suo sorriso a fine esercizio incanta tutti. Con un D score e un’esecuzione che le fanno guadagnare un 13.400, Lara si piazza il sesto posto provvisorio a FX e all’ottavo nella classifica AA.
Brava Martina Basile, al suo primo mondiale risulta essere un grande sostegno per la squadra con 3 esercizi eseguiti molto bene; si fa notare particolarmente al corpo libero, il suo cavallo di battaglia, dove con grinta ed espressività raggiunge un bel 13.233.
In campo anche Martina Rizzelli, appena rientrata dopo un periodo di stop dovuto ad un infortunio. Bellissimo vederla di nuovo volteggiare tra i suoi amati staggi! Il suo 12.800 permette alla squadra di raggiungere il sesto posto provvisorio con un punteggio di 156.830. La classifica definitiva si avrà domani, dopo che anche la seconda giornata di qualificazioni sarà conclusa. Russia, Gran Bretagna, Brasile, Cina, Francia e Canada sono solo alcune delle squadre che nelle prossime 24 ore proveranno a strappare un pass per la finale della prossima settimana. Non ci resta che incrociare le dita e aspettare.

 Tutti i punteggi qui.

Si è svolta lo scorso fine settimana la Mersin World Challenge Cup, che ha visto come protagoniste indiscusse le atlete turche. Le ginnaste non hanno lasciato spazio a nessuno, vincendo tre titoli titoli su quattro e ben sei medaglie. Goksu Uctas Sanli ha dominato alla trave e al corpo libero,mentre la compagna Demet Mutlu si piazza sul gradino più alto del podio alle parallele, seguita da Tutya Yilmaz, che ha vinto la medaglia d’argento anche a trave e corpo libero, e dalla cilena Maria del Sol Perez

Al volteggio grande il ritorno di Dipa Karmakar, l’unica ginnasta indiana ad aver partecipato a finali mondiali e olimpiche, che si è aggiudicata la medaglia d’oro anche con salti di difficoltà inferiore a quella degli esercizi presentati alle competizioni degli anni scorsi. La campionessa al volteggio è ritornata dopo uno stop di ben due anni dovuto a problemi al crociato anteriore.
Al secondo posto troviamo l’indonesiana Rifda Irfanaluthfi, mentre sul gradino più basso Goksu Uctas Sanli

Le altre medaglie di bronzo sono state vinte da 
Yuliya Inshina (Azerbaigian).

Pochi giorni fa, sia la Cina che gli Stati Uniti hanno nominato i nuovi DTN che guideranno per i prossimi anni le rispettive nazionali femminili di ginnastica.


L’America sceglie Tom Forster della Colorado Springs, che ha lavorato per molti anni con ginnaste e istruttori della squadra nazionale, ben rispettato e riconosciuto da tutta la comunità.
Suo sarà il compito di coordinare le varie attività e di organizzare i vari collegiali determinanti per le più importanti competizioni internazionali.

Queste le parole di Forster alla USA Gymnastics:

“Sono entusiasta di accettare questa posizione. Avere la responsabilità di motivare e guidare le nostre atlete d’élite attuali e future, e i loro allenatori, non è una cosa che prendo alla leggera. Il continuo successo del Team USA nelle competizioni internazionali è sorprendente, ma penso che il cuore e la dedizione mostrati da ogni ginnasta e istruttore sia più impressionante del numero di medaglie. Credo nel coaching attraverso l’ispirazione e non l’intimidazione. Come DTN, la mia visione è quella di creare un ambiente inclusivo e collaborativo per gli atleti, gli allenatori, i giudici e l’amministrazione per crescere, avere successo e andare avanti in una direzione positiva. Mi impegno affinché ogni atleta e allenatore si senta apprezzato, ascoltato e supportato”.

A guidare la nazionale cinese sarà invece Quiao Liang, meglio conosciuto come Liang Chow, allenatore della medaglia d'oro a trave Shawn Johnson (Pechino 2008) e della campionessa olimpica 2012 Gabby Douglas.

All’Agenzia Nuova Cina dichiara:

“Per le ragazze cinesi la strada da percorrere è ancora lunga. Per ora ho bisogno di concentrarmi su ogni singolo giorno per migliorare la loro forza. Passo dopo passo”.

L'obiettivo di Liang Chow è quello di condurre la Cina nuovamente alla vittoria dopo le sconfitte delle ultime due olimpiadi. 

Shawn Johnson è in Italia! Poche ore fa sull’account Instagram della grande campionessa olimpica sono state pubblicate due foto che ritraggono l’ex ginnasta in compagnia del marito Andrew East in una delle più belle e suggestive città italiane: Venezia!
Nella prima foto la coppia posa davanti il meraviglioso Ponte di Rialto, mentre in quella più recente Shawn, seduta in un bar, gusta un cappuccino indossando il cappotto del marito. L’ultimo post sull’ig di Andrew, invece, risale a ieri, quando i due sportivi erano nei pressi del Ponte dei Sospiri.

Dando uno sguardo ai loro profili si può notare che i due sposini sono già da giorni in giro per l’Europa. Inoltre, come già preannunciato stamattina da Shawn con l’hastag #vloglife, presto sarà possibile guardare il vlog della loro vacanza in Italia sul canale YouTube della ginnasta (clicca qui), insieme a quelli delle altre grandi città già visitate.

È stata pubblicata pochi giorni fa sul profilo Instagram di Aly Raisman la foto che conferma la collaborazione della ginnasta con il periodo sportivo statunitense Sport Illustrated per la campagna “In Her Own Words”.

Lo scatto ritrae la ragazza nuda, la parte destra del corpo mostra la scritta “Una donna non deve essere pudica per essere rispettata” e la descrizione che accompagna la foto mette in evidenza il carattere forte della giovane donna:

“Tutte (le donne) dovrebbero sentirsi a proprio agio esprimendosi in qualsiasi modo le renda felici. Le donne possono essere intelligenti, agguerrite, sexy, potenti, forti, sostenitrici del cambiamento indossando ciò che le fa sentire meglio. L’epoca in cui alle donne viene insegnato a vergognarsi dei propri corpi è FINITA. Il corpo di una donna è bellissimo e noi tutte dovremmo essere fiere di chi siamo, dentro e fuori”.

Nelle altre foto, presenti sul sito dello SI, Aly mostra con fierezza le parole “fierce” e “survivor” scritte sul corpo dando prova del suo grande coraggio e dalla sua immensa forza. A pochi giorni dalla sentenza sul caso Nassar, la campionessa olimpica diventa una dei simboli del potere femminile e della lotta contro la violenza sulle donne.

Grande Aly!


Guarda tutte le foto qui

  1. Popular
  2. Trending
  3. Comments